Tag: palestina

Palestine Youth Club: il basket per l’inclusione
Sport

Palestine Youth Club: il basket per l’inclusione

Il Palestine Youth Club è una squadra di basket femminile e palestinese del campo profughi di Shatila, ma anche della stessa Palestina. Oggi dieci giocatrici sono volate a Madrid, in Spagna, grazie al progetto Basket Beats Borders, che consiste nella creazione di una squadra di basket di sole donne nel campo di Shatila. Lo scopo dell'iniziativa è quello di far conoscere alle ragazze il mondo fuori dal Campo Profughi, e, dopo essere andate in Libano e in Italia, adesso sono state in Spagna. Fonte foto: Fundacion Estudiantes su Twitter Durante un'intervista con Large Movements, Daniele Bonifazi ha spiegato che Basket Beats Borders, grazie al supporto di diverse ONG e del Servizio Civile, porta le ragazze della Palestine Youth Club in Italia per giocare con delle squadre popolari di Ro...
Palestina: la guerra senza fine
News dal mondo

Palestina: la guerra senza fine

Abbiamo parlato dell'Afghanistan, abbiamo parlato dell'Ucraina, abbiamo parlato dello Sri Lanka, e continuiamo a parlare della Palestina, perché purtroppo nel Paese occupato da Israele l'oppressione non ha mai fine, e le vittime sono anche dei bambini. Ma non sono dei bambini bianchi, biondi e con gli occhi azzurri, per cui sembra che non siano troppo importanti per la comunità internazionale ed europea, e di certo non lo sono per gli Stati Uniti. Per questo motivo, oggi, a distanza di pochi giorni da quando l'oppressione si è inasprita ancora di più, torniamo a parlare della Palestina. Per conoscere le origini del conflitto Israelo-Palestinese, vi riporto a un nostro vecchio articolo, in cui, con l’aiuto di alcuni esperti di storia e geopolitica, e insieme ai video e alle immagini...
Israele attacca Emma Watson per un post pro-Palestina
Vip news

Israele attacca Emma Watson per un post pro-Palestina

La situazione Palestina - Israele è ancora abbastanza... delicata, sebbene sembra chiaro dalle vittime e da tutti i video condivisi online chi siano i carnefici, e molti vip decidono di esporsi su questo fronte, mentre altri utilizzano la scusa del «non sono abbastanza informato a riguardo», ma tra questi non c'è Emma Watson, che ha condiviso un post su Instagram con la scritta "solidarietà è un verbo" e diverse persone che manifestavano per la libertà della Palestina sotto. Come didascalia, uno scritto di Sara Ahmed, una studiosa femminista, sulla solidarietà. Tuttavia, a causa di questo post, è stata accusata di antisemitismo. Il post di Emma Watson Fare un breve recap di quello che sta succedendo nel territorio palestinese è molto complesso e riassumerlo in pochi caratteri è davv...
Qaher Harhash, modello palestinese, attaccato dalla responsabile del design di Zara con commenti islamofobi
Vip news

Qaher Harhash, modello palestinese, attaccato dalla responsabile del design di Zara con commenti islamofobi

Sebbene in Italia alla notizia non sia stato dato tanto rilievo, è importante parlare di come Qaher Harhash, modello palestinese di Gerusalemme Est, sia stato pesantemente attaccato dalla responsabile del design di Zara, Vanessa Perilman, dopo aver condiviso dei contenuti sul suo profilo pro-Palestina. La donna si è scatenata con insulti arabofobi e islamofobi, e ha chiesto scusa solo dopo che il modello ha condiviso gli screen dei suoi attacchi, quindi per paura di perdere il lavoro. Il razzismo, contro chiunque sia, non deve più passare inosservato, e infatti la comunità ha deciso di boicottare Zara. La storia ha subito fatto il giro dei social network (non di quelli italiani, purtroppo, infatti la notizia è stata condivisa da Giovani Palestinesi su Instagram ma su Twitter non c'è al...
Bella Hadid, licenziata da Dior per il supporto alla Palestina: siamo sicuri che non sia una fake news?
Vip news

Bella Hadid, licenziata da Dior per il supporto alla Palestina: siamo sicuri che non sia una fake news?

Ci risiamo: qualcuno, un profilo non ufficiale di TikTok che non ha alcun rapporto con i diretti interessati, mette in giro una voce senza alcuna fonte, e all'improvviso diventa una delle fake news più cliccate. Bella Hadid non ha perso il suo contratto con Dior, smettetela di credere a qualsiasi cosa leggiate su TikTok, su Twitter o sui social in generale, cercate le fonti. Una notizia del genere avrebbe già diversi articoli da parte delle più grandi testate, eppure non ne parla nessuno, né fra le grandi né fra le piccole: vi siete chiesti il perché? Ovviamente perché è un rumor. Bella Hadid è sempre stata impegnata nella campagna per difendere la Palestina, paese di cui lei è originaria dal ramo paterno, e anche questa volta non si è trattenuta dal postare storie e post su Instagram ...
IGN: lo staff pubblica un articolo sulla beneficenza per la Palestina, ma la direzione censura
News dal mondo, Nerd stuff

IGN: lo staff pubblica un articolo sulla beneficenza per la Palestina, ma la direzione censura

Quando diciamo che nel 2021 non esiste più la censura, che ognuno può scrivere quel che gli pare, esprimere la propria opinione et similia, in realtà non è così. E non stiamo parlando di qualcosa che ha a che fare con il politicamente corretto (perché, ve lo ricordo, se chiamate fr*cio un ragazzo, non è liberta di opinione ma maleducazione), bensì di quello che è successo allo staff di IGN, che il 14 maggio aveva postato un articolo intitolato "Come aiutare i cittadini palestinesi" e che, in due giorni, è stato rimosso dal sito e dai social. Fonte: twitter Non pensate che quello di IGN fosse un articolo di parte. Non si spiegava nulla, non ci si schierava da nessuna parte. Non si diceva "forza Palestina" o "abbasso Israele" e cose del genere che, al contrario, sono tranquillamente ...
Cosa sta succedendo in Palestina?
News dal mondo

Cosa sta succedendo in Palestina?

Vorrei scrivere che negli ultimi giorni si è parlato molto di quello che sta succedendo in Palestina, tuttavia se ne sta parlando pochissimo e non mi capacito di come questo sia possibile. Avrei voluto scrivere quest'articolo qualche giorno fa, tuttavia ho avuto il terrore di non riportare le cose nel modo giusto e far passare un messaggio sbagliato, tuttavia oggi mi sento abbastanza istruita sulla vicenda, sul genocidio, che sta avvenendo in Palestina sotto gli occhi di tutti i politici che, in silenzio, continuano a vivere la propria vita normalmente come se centinaia di persone, inclusi bambini (sempre i famosi bambini da proteggere), non stessero morendo ogni giorno. In realtà, sono giunta alla conclusione che per raccontarvi al meglio quel che oggi sta succedendo in Palestina la s...