Opinioni attuali

Un pensiero uscito dal nulla, un flusso di pensieri, la rabbia e la tristezza ma anche la gioia e la felicità vomitate in su un foglio di Work. Se vuoi dire la tua, contattaci.

Cloe Bianco: quasi 60.000 firme per le dimissioni di Donazzan
Vip news, Opinioni attuali

Cloe Bianco: quasi 60.000 firme per le dimissioni di Donazzan

Non ci sarà giustizia per Cloe Bianco finché Elena Donazzan, Assessora della Regione Veneto all’istruzione, formazione, lavoro e pari opportunità, continuerà a lavorare come se non avesse contribuito a far sentire la donna discriminata e ripudiata fino al punto di decidere di uccidersi. Tra l'altro, l'Assessora ha persino insultato l'ex docente anche dopo che si è tolta la vita, dimostrando zero rispetto non solo nei confronti della comunità LGBT, ma soprattutto verso una persona che si è suicidata. Fonte foto: yousocialist Cloe Bianco si è uccisa, ma è anche stata uccisa, e viene uccisa ogni giorno in cui una persona LGBT viene discriminata e un altro individuo ritiene che non ci sia un problema di omofobia in Italia, o ancora che i Pride non servono a niente o sono una carnevalat...
Le star di Hollywood raccontano l’aborto
Opinioni attuali, Vip news

Le star di Hollywood raccontano l’aborto

Da quando la Corte Suprema ha deciso di rendere incostituzionale l'aborto negli Stati Uniti d'America, ovvero facendo scegliere a ogni singolo Stato se rendere o no legale l'aborto, la situazione non è cambiata più di tanto. Tuttavia, abbiamo visto come questo ha messo in difficoltà persino delle bambine, come ad esempio una bambina dell'Ohio di 10 anni rimasta incinta che ha dovuto viaggiare fino in Indiana per poter ricorrere a un aborto sicuro. In seguito a tutte queste vicende, però, diverse star di Hollywood hanno deciso di raccontare la propria esperienza. Le parole del giudice Samuel Alito sono state queste: «la Costituzione non fa alcun riferimento all’aborto e nessun diritto del genere è implicitamente protetto da alcuna disposizione costituzionale, inclusa quella su cui ora s...
Ius Scholae: non tutti i richiedenti hanno milioni di followers su TikTok
Opinioni attuali

Ius Scholae: non tutti i richiedenti hanno milioni di followers su TikTok

Il sottosegretario agli Interni, Carlo Sibilia, ha rassicurato Khaby Lame (mentre in Italia si discute sullo Ius Scholae) riguardo la sua cittadinanza: adesso che è il tiktoker più seguito al mondo, potrà ottenere la sua cittadinanza italiana, dopo aver vissuto in Italia per più di 20 anni e dopo aver frequentato tutte le scuole qui. Ma per chi non è bravo con TikTok e per chi non è famoso, quanto è in salita ancora la strada? Perché siamo felicissimi per Khaby Lame, ma allo stesso tempo è umiliante e imbarazzante che per ottenerle sia dovuto diventare l'uomo più seguito al mondo su un social. «Caro Khaby Lame, volevo tranquillizzarti sul fatto che il decreto di concessione della cittadinanza italiana è stato già emanato i primi di giugno dal Ministero dell’Interno. A breve sarai c...
Emergenza Università: le urla silenziose degli studenti
Opinioni attuali

Emergenza Università: le urla silenziose degli studenti

Tante volte abbiamo, ho scritto degli studenti universitari che hanno scelto il suicidio. Ogni volta che ho scritto un articolo del genere, soffrivo tanto. Non solo perché una persona si era tolta la vita. Ma perché questa persona era uno studente proprio come me e molto probabilmente provava le stesse cose che io, insieme a tanti altri universitari, proviamo ogni giorno. Forse avremmo potuto fare qualcosa, forse avremmo potuto salvarlo, pensavo ogni volta. Ma soprattutto mi chiedevo: perché nessuno evidenzia il problema? Perché nessuno interviene in qualche modo? Perché nessuno denuncia le università italiane? Quando ho pensato di dover scrivere una dedica sulla mia tesi, non ci ho pensato due volte. Le parole mi sono uscite spontanee, una dopo l'altra. A chi non ce l'ha fatta, a chi...
Definire “una grandissima vittoria” la sentenza USA sull’aborto è danzare sulle tombe delle donne morte
Opinioni attuali

Definire “una grandissima vittoria” la sentenza USA sull’aborto è danzare sulle tombe delle donne morte

Simone Pillon ritiene una «grandissima vittoria» la sentenza USA riguardante l'aborto, chiedendo persino che questa «brezza arrivi anche da noi». Mario Adinolfi, invece, la definisce una «decisione storica», sottolineando che «finalmente il diritto universale a nascere prende forma». Tuttavia, se da una parte prende forma il diritto universale a nascere, viene calpestato il diritto a vivere, il diritto di scegliere sul proprio corpo e sulla propria vita, di ogni donna. Perché vietare l'aborto non fa diminuire gli aborti. Ma fa solo aumentare il pericolo che una donna deve affrontare durante una gravidanza. Perché di gravidanza e di aborto, si muore. Fonte: The Guardian «La Costituzione non fa alcun riferimento all’aborto e nessun diritto del genere è implicitamente protetto da alcun...
Matrix del nuovo Millennio
Opinioni attuali

Matrix del nuovo Millennio

Matrix = vivere in un mondo iperconnesso traccia una linea immaginaria, una soglia tra realtà virtuale e mondo reale che spetta a noi se attraversarla. Difatti, scegliere di avere un'identità aumentata, comporta, da parte nostra, l'immissione nella tana del bianconiglio, la scatola nera (Black Box) della nostra web reputation che racchiude anche una parte della nostra vita. Leggendo uno stralcio di saggio "Tienilo acceso" di Vera Gheno e Bruno Mastroianni sull'iperconnessione, osservano un punto che ho trovato illuminante, dio seguito cito: "Ognuno di noi ha la libertà di narrare di sé solo ciò che sceglie". Tratto dal film "Matrix" Visto in questo senso, gli autori ci suggeriscono di prestare attenzione a ciò che scegliamo di condividere, di avere una percezione più ampi...
“Cerchiamo ventenni anoressiche”: la denuncia sui social
Opinioni attuali

“Cerchiamo ventenni anoressiche”: la denuncia sui social

L'attrice e regista bolognese Maruska Albertazzi, che da anni cerca di sensibilizzare sul tema dei disturbi alimentari, ha denunciato un annuncio per una trasmissione televisiva, in cui si ricercano delle ragazze tra i 20 e i 25 anni con determinate "caratteristiche". Peccato che queste caratteristiche siano dei disturbi alimentari, delle malattie che spesso hanno anche portato alla morte. Per questo motivo non si può proprio accettare che "una nota trasmissione televisiva" cerchi delle ragazze malate normalizzando questa malattia. Fonte: FreePik Potrebbe interessarvi: Va bene non stare bene: i profili da seguire sui socialGiornata contro i disturbi del comportamento alimentare: che film vedereAmbra Angiolini parla dei disturbi alimentari Troppo magra, troppo grossa, le cosce...
Carǝ maturandǝ, adesso tocca a te!
Opinioni attuali

Carǝ maturandǝ, adesso tocca a te!

Oggi inizia la maturità 2022. Proprio mentre sto scrivendo quest'articolo, gli studenti di quinto superiore si trovano ad affrontare il loro primo, importante, esame, che ricorderanno per tutta la loro vita. E per questo motivo voglio rivolgermi proprio a loro. A quelli che decideranno di continuare a studiare, a quelli che invece decideranno di cimentarsi nel mondo del lavoro, e anche a quelli che, invece, vorranno prendersi una pausa e scegliere, piano piano, la propria strada. Adesso siete tutti uniti, state provando tutti le stesse emozioni, e fra qualche settimana comincerete a scherzarci su. Maturità 2022Fonte: Pexels Per me sono passati 5 anni dalla maturità, ma ricordo esattamente tutto quello che successe al mio esame di maturità. In primis, avevo un ritardo mestruale di d...
F1: Carlos Sainz odiato dagli stessi Tifosi della Ferrari?
Sport, Opinioni attuali

F1: Carlos Sainz odiato dagli stessi Tifosi della Ferrari?

Carlos Sainz Jr. è un pilota automobilistico attivo in Formula 1 dal 2015, esordisce alla Toro Rosso, approdando successivamente alla Renault nel 2017 e poi alla McLaren nel 2019. Il grande sogno del Cavallino rampante arriva per lui nel 2019, dopo che la Ferrari decide di annunciare la fine del contratto con il quattro volte campione del mondo Sebastian Vettel. Carlos è anche il figlio del due volte campione del mondo di Rally Carlos Sainz Sr., ruolo che ha alzato non di poco le aspettative una volta giunto nella massima categoria, ancora di più in seguito alla firma con la scuderia della rossa. Fonte: Instagram @ carlossainz55 Questi spunti, però, sembrano aver elargito il diritto ad alcuni (non tutti, ma già troppi) Tifosi di poter insultare, screditare e minacciare il suo l...
Cloe Bianco: quando la transfobia continua anche dopo un suicidio
Opinioni attuali

Cloe Bianco: quando la transfobia continua anche dopo un suicidio

Non c'è pace per Cloe Bianco. Non c'è pace per le persone trans, che si trovano a dover vivere in un'Italia che non le considera come persone degne di rispetto, come persone alla pari. La lettera d'addio di Cloe, 58enne, ex professoressa di laboratorio dell’istituto Scarpa di San Donà di Piave, dovrebbe essere un pugno in faccia per chiunque abbia riso a battute transfobiche, a chiunque abbia applaudito dopo l'affossamento del DDL Zan, a chiunque abbia contribuito a condividere luoghi comune sulle persone trans. In questo articolo parleremo brevemente della storia di Cloe Bianco, ma soprattutto di come è stato affrontata la sua morta. Con indifferenza, con cattiveria. Non può esistere che una rappresentate della Regione continui a chiamare con i pronomi maschili una donna che si è suic...