Tag: stupro

Foggia: tredicenne drogata e stuprata da tre ventenni
News dal mondo

Foggia: tredicenne drogata e stuprata da tre ventenni

Lo scorso ottobre a Cerignola, in provincia di Foggia, una tredicenne è stata adescata online da un 19enne, che poi l'avrebbe portata in un casolare dove ad aspettarli c'erano altri due coetanei. I tre, insieme, hanno prima drogato e poi stuprato la tredicenne. Per fortuna, per quanto si possa parlare di fortuna in una situazione del genere, la ragazzina ha avuto il coraggio e la forza di parlarne con i genitori, che l'hanno accompagnata a denunciare. Dopo mesi, la polizia ha arrestato i tre colpevoli, accusati di violenza sessuale e cessione di sostanza stupefacente aggravata. Non vorremmo mai scrivere di notizie del genere, perché pensiamo solo a quanto sia facile per una tredicenne fidarsi delle persone sbagliate, e quanto sia facile per degli adulti (perché a 20 anni sei un adu...
Il femminismo non serve più: donne devono stare attente ai segnali e a come si vestono
Opinioni attuali

Il femminismo non serve più: donne devono stare attente ai segnali e a come si vestono

«La vittima, Martina, secondo le nostre previsioni, avrebbe dovuto avere tutti gli strumenti per essere in allarme, per stare sul chi va là», ha detto la magistrata Maria Monteleone facendo riferimento al femminicidio di Martina Scialdone. "Evitare sorrisi", "non indossare abiti succinti", sono consigli che provengono da un opuscolo distribuito nel 2023 a degli studenti di scuola superiore, per prevenire lo stupro. Come se per prevenire lo stupro non bastasse insegnare l'educazione e il rispetto nei confronti delle altre persone. No, significa no. Se la persona non è capace di dire no, è comunque no. Se indossa una minigonna non la indossa per te. Ma il femminismo non serve più, è così? Martina Scialdone aveva aveva 34 anni, era un’avvocatessa. Il suo assassino è un uomo di 60 anni con...
La vittima di Piacenza è stata riconosciuta a causa del video postato da alcune testata e da Giorgia Meloni
News dal mondo

La vittima di Piacenza è stata riconosciuta a causa del video postato da alcune testata e da Giorgia Meloni

Oltre alla sofferenza, anche la beffa. La vittima di stupro di Piacenza, divenuta popolare in tutta Italia poiché la leader del primo partito italiano, Giorgia Meloni, ha diffuso il video in cui viene violentata (per onestà: prima di lei, è stato diffuso anche da alcune testate come Il Messaggero), ha fatto sapere di essere disperata in quanto i suoi familiari l'hanno riconosciuta a causa di quel video che è, sì, censurato, ma dove si sente chiaramente la voce della donna. La Procura di Piacenza sta indagando a carico di ignoti per la diffusione del video. Il revenge porn in Italia è punibile. La legge 19 luglio 2019 n. 69, all’articolo 10 stabilisce che la "diffusione illecita di immagini o video sessualmente espliciti" è vietata in Italia ed è punibile «con la reclusione da uno a...
Aborto: il duro discorso di una dodicenne davanti al legislatore del West Virginia
News dal mondo

Aborto: il duro discorso di una dodicenne davanti al legislatore del West Virginia

Una dodicenne ha tenuto un discorso alla Camera dei delegati del West Virginia per opporsi alla legislazione che vieta l'aborto nello Stato. Nelle ultime settimane sono state tantissime le testimonianze da parte di donne e ragazzine che si sono, improvvisamente, viste private del diritto di scegliere sul proprio corpo. Addirittura, in alcuni casi abbiamo visto una bambina venir privata dell'aborto e manipolata per poter mantenere la gravidanza, conseguenza di uno stupro. Questo non può essere un paese civile. «La Costituzione non fa alcun riferimento all’aborto e nessun diritto del genere è implicitamente protetto da alcuna disposizione costituzionale, inclusa quella su cui ora si basano principalmente i difensori di Roe e Casey: la Due Process Clause del quattordicesimo emendament...
Studentesse violentate a Firenze da due ex carabinieri: ridotta la pena
News dal mondo

Studentesse violentate a Firenze da due ex carabinieri: ridotta la pena

Sono stati condannati Marco Camuffo e il collega Pietro Costa, che nella notte fra il 6 e il 7 settembre 2017 hanno stuprato due studentesse americane che avevano accompagnato a casa, nel centro storico di Firenze. Nel 2018 il primo era stato condannato a 4 anni e 8 mesi di carcere dal tribunale di Firenze, poi la condannata è stata ridotta di due mesi in appello e poi di altri due mesi dalla Cassazione. Il secondo, invece, era stato condannato a 5 anni e 6 mesi, ma la Corte d'Appello ha ridotto la pena a 4 anni. Marco Camuffo e Pietro Costa Raccontiamo la vicenda, per chi non la ricordasse. Risale alla notte fra il 6 e il 7 settembre 2017, nella bella Firenze. Le ragazze si trovavano in un locale notturno al piazzale Michelangiolo, quando la pattuglia formata da Marco Camuffo e Pi...
Milano: ventenne stuprata mentre aspettava il tram
News dal mondo

Milano: ventenne stuprata mentre aspettava il tram

20 anni, universitaria, tornava a casa dopo una serata con degli amici. È successo a Milano, nella notte fra sabato 5 e domenica 6 febbraio in via Röntgen, zona Bocconi. La ragazza è stata soccorsa da una coppia che l'ha portata in ospedale facendo anche scappare l'aggressore (coppia che è stata fondamentale per riconoscere l'aggressore). Ha poi sporto denuncia ai carabinieri che sono riusciti a risalire a un 29enne, originario del Marocco, che è stato arrestato negli ultimi giorni con l'accusa di violenza sessuale. Fonte: Pinterest Quando diciamo che le donne non sono al sicuro neanche camminando per strada, purtroppo non scherziamo, né esageriamo. Un anno fa vi parlavamo della tragedia di Sarah Everard, uccisa e stuprata da un poliziotto mentre tornava a casa. Ma non è stata l'un...
Dayane Mello stuprata a La Fazenda nel silenzio mondiale
Vip news

Dayane Mello stuprata a La Fazenda nel silenzio mondiale

Dayane Mello è divenuta molto popolare nella scorsa edizione del Grande Fratello, tuttavia godeva già di un seguito in Brasile (potrete ricordare le lotte durante l'edizione di cui lei ha fatto parte) e infatti di recente sta partecipando al reality brasiliano La Fazenda. Proprio in questo è successa una vicenda scandalosa a cui è stato dato troppo poco rilievo: Dayane Mello è stata molestata e poi stuprata davanti alle telecamere, con gli autori che sono intervenuti solo dopo le pressioni da parte dei fan. Lui è il cantante Do Borel che, secondo Casa Chi di Alfonso Signorini, in passato sarebbe stato già denunciato da tre donne per aggressione e violenza domestica, fisica e psicologica, quindi non è un uomo sconosciuto alle forze dell'ordine ma, come al solito, continua a girare a pi...
Italiani si fingono omosessuali in Australia per stuprare delle ragazze
News dal mondo

Italiani si fingono omosessuali in Australia per stuprare delle ragazze

Siamo sconvolti nel raccontare una vicenda del genere. Quante volte sui profili dei politici di destra leggiamo straniero stupra, straniero uccide, et similia? Adesso, lo straniero è l'italiano e nessuno sta parlando di questa vicenda. Alberto Nicoletti e Vincenzo Mineo sono due italiani che, in Australia, si sono finti una coppia omosessuale per poter stuprare delle ragazze. Al momento, come riportato da Huffington Post, sono sette le donne che hanno denunciato la "coppia". Alberto Nicoletti Si chiamano Alberto Nicoletti e Vincenzo Mineo. Il primo è un 29enne proprietario del ristorante a Perth, originario di Lecco, cresciuto a Como e in Australia gestisce una famosa pizzeria, "Lago di Como"; il secondo è un suo collaboratore di 36 anni. L'indagine è partita dalla testimonianza di ...
Bill Cosby: annullata la sentenza per violenza sessuale
Vip news

Bill Cosby: annullata la sentenza per violenza sessuale

Dopo appena due anni di prigione a causa di più accuse (da circa 50 donne) di stupro e abusi sessuali che avrebbe avuto luogo sin dagli anni Settanta Bill Cosby, oggi 83enne può uscire dal carcere. Secondo le fonti si è trattato di un «errore procedurale». Tutti conoscono l'uomo che è stato l'«America's Dad», un attore, un comico, un cabarettista, uno sceneggiatore, un conduttore, un musicista e anche un compositore, tuttavia non tutti sono felici della sua scarcerazione. Siamo nel luglio del 1997 quando Cosby ha testimoniato di essere stato costretto a pagare Shawn Upshaw, una sua amante a Las Vegas, durante gli anni Settante. La donna poi ha anche detto di aver avuto una figlia da quei rapporti, Autumn Jackson, tuttavia l'attore le ha negato qualsiasi addebito. Dal 2004, però, le cos...