DIRETTA, GP d’Italia 2021: Sprint Race e Gran Premio a Monza con il dominio della McLaren

Condividi

La Formula 1 torna ancora una volta nel Tempio della Velocità per disputare il centenario del GP d’Italia, il quinto Gran Premio nazionale più antico del mondo. L’Autodromo Nazionale di Monza ne ha ospitati ben 85, e continuerà ancora fino al 2025.

Proprio a casa nostra, nella patria non solo della Scuderia Ferrari, ma anche di Alfa Romeo, Alpha Tauri (ex Toro Rosso), Maserati, Benetton e molte altre, si è corsa anche la seconda Sprint Race della stagione.

Seguite in diretta con noi questo week-end di gara! Cliccate qui se volete seguirlo direttamente dal vostro dispositivo.

GP d’Italia: “Mamma mia, I love this place”

Siamo di nuovo a Monza, una Monza le cui porte erano state aperte solo per il 50% del pubblico, con biglietti dai prezzi esagerati. Infatti, di quei 60.000 spettatori previsti, solo 16.000 si presenteranno nel Tempio della Velocità a sostenere dal vivo i loro idoli, e non saranno tutti Tifosi. Pare proprio che il 30% dei biglietti sia stato acquistato da fans olandesi che scenderanno in Italia pronti a tifare per Max Verstappen.

Proprio quest’ultimo ha salutato il nostro Paese approdando prima a Palermo, sfoggiando la sua vettura per le strade della città, passando per la bellissima Piazza Quattro Canti.

Ma il saluto più caloroso è arrivato dai Tifosi che hanno accolto Charles Leclerc e Carlos Sainz una volta giunti a Milano.

Entrambi correranno con un casco personalizzato per l’occasione.

gp-d'italia-leclerc-sainz
Fonte: Instagram – @ scuderiaferrari

Ancora più speciale il ritorno a casa di Antonio Giovinazzi, dopo la precarietà del suo futuro con l’Alfa Romeo. Al suo fianco anche questa settimana Robert Kubica, in sostituzione di Kimi Räikkönen, rivelatosi positivo al test di Covid-19.

Elettrizzato anche Pierre Gasly, vincitore del Gran Premio d’Italia 2020 e reduce da un’ottima prestazione al Circuito di Zandvoort, che gli è valsa la P4. Anche per lui una nuova grafica a tema tricolore!

gasly-alpha-tauri
Fonte: Instagram – @ pierregasly

Dimostragli che si sbagliano“, sono state le parole di Anthoine Hubert, quando Gasly perse il sedile alla Red Bull nel mezzo della stagione 2019.

Cambio di tema, invece, per l’Aston Martin: le monoposto di Sebastian Vettel e Lance Stroll onoreranno il tanto atteso 25º capitolo della saga di James Bond, “No Time to Die“, in arrivo il 30 settembre al cinema. Alcune delle riprese sono state girate proprio in Italia! La relazione tra la casa produttrice di alcune delle auto più eleganti al mondo e l’agente 007 é dettata dalla passione di quest’ultimo per le macchine di gran classe.

aston-martin-007
Fonte: Instagram – @ astonmartinf1

Ultime voci segnalerebbero anche la fine della carriera del quattro volte campione del mondo Sebastian Vettel, ma si tratterebbero per il momento esclusivamente di rumors per l’appunto. Vettel e Aston Martin stanno ancora discutendo sul futuro della prossima stagione, ma sia il pilota che la scuderia hanno apprezzato l’operato portato avanti in questo 2021.

Alcuni sostengono che il giro di pista, consuetudine della race week di F1, assieme al padre sul circuito di Monza sia un ulteriore indizio pendente verso il ritiro di Sebastian Vettel. A ciò si possono anche aggiungere le pressioni di Toto Wolff, team principal della Mercedes, il quale vorrebbe far entrare nel team uno dei suoi piloti.

Emergono però nuovi dettagli: sembrerebbe che la decisione ora sia solo nelle mani del pilota. Infatti, Aston Martin é più che propensa a riconfermare Vettel per il 2022.

C’erano tanti fan che ci aspettavano fuori, è stupendo. Questo è sempre un gran posto per noi piloti, è speciale. Poi per me ancor di più visti i miei trascorsi, è sempre una grande emozione tornare qui, anche se ora sono vestito di verde e non più di rosso“, ha riferito Vettel parlando del suo arrivo in Italia.

DIRETTA – GP d’Italia: Sprint Race

monza-sprint-race
Fonte: Instagram – @ f1

Le qualifiche del venerdì si sono chiuse con la prima pole della race week per Valtteri Bottas. P2 per Lewis Hamilton, il quale aveva dominato sia in Q1 che in Q2. Purtroppo qualsiasi risultato Bottas riesca a conquistare nella Sprint Qualifying, sarà ultimo in griglia per il Gran Premio d’Italia, in seguito alla sostituzione della Power Unit.

Prestazione inizialmente non all’altezza delle aspettative per Max Verstappen, riuscito comunque a chiudere in P3.

Sorprendono ancora Pierre Gasly e Antonio Giovinazzi, rispettivamente P6 e P10. Charles Leclerc chiude in P7, seguito in P8 da Carlos Sainz. P4 per Lando Norris e P5 per Daniel Ricciardo.

Sanzione (solo) pecuniaria da 5.000€ per le scuderie di Aston Martin e Alpine: i meccanici avrebbero causato una condizione di unsafe release una volta permesso a Vettel e Ocon di uscire dai box.

Brutto incidente per Sainz durante le PL2 in curva Ascari, simile a quello provocato da Vettel nel 2019: ha perso il controllo della vettura causando l’impatto contro le barriere. Sainz é dolorante, ma non riporta gravi danni a differenza della sua monoposto. I meccanici dovranno riparare la vettura prima dell’inizio della Sprint Qualifying per permettere al pilota di difendere e soprattutto migliorare la sua posizione.

Problemi anche per il compagno di scuderia Charles Leclerc, il quale é dovuto rientrare ai box cinque minuti prima della fine del turno per motivi di salute. Era già stata attuata una sostituzione del motore a causa di un problema all’impianto di lubrificazione riscontrato durante le qualifiche del venerdì.

Manca poco all’inizio della Sprint Qualifying: Carlos Sainz e la sua monoposto sono pronti per tornare in pista!

Viene dato il via alla Sprint Race: 18 giri per determinare l’ordine di partenza del Gran Premio d’Italia.

Verstappen conquista subito la P2 grazie ad una brutta partenza per Hamilton, ma viene chiamata la safety car con bandiera gialla: incidente al Lap 1, Gasly finisce a muro e perde l’ala anteriore per un contatto con una McLaren, ma non ci sarà nessuna investigazione! Contatto anche tra Tsunoda e Kubica.

Giovinazzi raggiunge la P8 e salgono anche le Ferrari in P6 e P7. Schumacher conquista la P15.

Entrambe le McLaren hanno superato Hamilton che finisce in P5.

Siamo al Lap 6, il fastest lap è ancora di Bottas. Schumacher scende in P18 e Russell ritorna in P15.

Lap 7, Hamilton si avvicina a Norris, ma la McLaren vola e continua a mantenere il passo. Ancora P3 per Ricciardo e P8 per Giovinazzi.

Ricordiamo che Bottas partirà dal fondo della griglia, quindi attualmente la pole è di Verstappen: mancano 10 giri!

Tentativo di sorpasso PerezStroll: Perez passa sulla ghiaia e chiude il sorpasso, ma deve cedergli la posizione.

Lap 12, il fastest lap è di Verstappen.

Siamo arrivati al Lap 15 e Giovinazzi viene pressato da Perez per la P8. Latifi davanti a Russell in P14.

Lap 16, Perez rimane incollato a Giovinazzi. Viene chiusa l’investigazione su Perez-Stroll.

Lap 18 e il fastest lap è ancora di Verstappen. P5 per la Mercedes di Hamilton.

Siamo giunti al termine della Sprint Race! La P1 viene conquistata da Bottas, ma questa posizione spetterà domani in griglia di partenza a Verstappen. Seguono in P3 Ricciardo e in P4 Norris. Nessun punto per Hamilton che termina in P5.

Bottas conquista 3 punti, mentre Verstappen si aggiudica 2 punti e aumenta il distacco da Hamilton. Un punto anche per Ricciardo. P6 per Leclerc e P7 per Sainz. P8 per Giovinazzi!

sprint-qualifying-monza-sainz-leclerc
Fonte: Instagram – @ scuderiaferrari

DIRETTA – GP d’Italia: Gran Premio

gp-monza-griglia-di-partenza
Fonte: Instagram – @ projectdivebomb

Ma non sarà più lo stesso Autodromo Nazionale di Monza ad ospitare il Gran Premio d’Italia: la Parabolica di Monza, una delle zone più famose del circuito, é stata ribattezzata Curva Alboreto, in onore di Michele Alboreto, l’ultimo pilota italiano a vincere un GP alla guida di una Ferrari. Venuto a mancare nel 2001 a causa di un incidente al Lausitzring, avvenuto mentre collaudava una Audi R8 Sport in preparazione della 24 Ore di Le Mans, Alboreto era considerato un pilota grintoso, capace di sfiorare il titolo mondiale nel 1985.

ferrari-curva-alboreto-parabolica-monza
Fonte: Instagram – @ scuderiaferrari

Al Tempio della Velocità troviamo gli ori olimpici di Tokyo 2020 e persino la coppa vinta agli Europei dalla nazionale di calcio italiana!

E anche Usain Bolt porta i suoi saluti al GP d’Italia.

Nel frattempo le prime immagini dai box Red Bull e McLaren!

ricciardo-verstappen
Fonte: Instagram – @ f1

Diamo il via al GP d’Italia! 53 giri nel Tempio della Velocità.

Lap 1, Ricciardo subito in P1! Hamilton esce fuori pista dopo un contatto con Verstappen, ma la bandiera gialla scatta con Giovinazzi, virtual safety car: contatto tra Giovinazzi e la Ferrari di Sainz. Giovinazzi era riuscito a superare entrambe le Ferrari alla partenza.

Giovinazzi scende in P19, Tsunoda per un problema riscontrato prima di inizio gara non correrà il GP d’Italia, Gasly in P18. Ma quest’ultimo è costretto ai box: fine della gara anche per l’altro pilota di Alpha Tauri.

Lap 4, Verstappen rimane incollato a Ricciardo e compie il fastest lap. Nessuna investigazione per il contatto Hamilton-Verstappen. Bottas sale in P13. Nessun danno per la monoposto di Sainz, ma segue con fatica la Ferrari di Leclerc.

Ottima prestazione delle due McLaren: Verstappen continua a pressare Ricciardo, ma non recupera ancora la P1; Norris tiene testa alla Mercedes di Hamilton!

Siamo al Lap 8 e vengono assegnati 5 secondi di penalità per Giovinazzi. Verstappen mantiene il fastest lap.

Lap 9, Perez conclude il sorpasso su Sainz ruota a ruota e procede all’attacco di Leclerc. Bottas supera Vettel e raggiunge la P12.

Lap 12 e Hamilton attacca la McLaren di Norris per la P3: la difesa di Norris continua, Hamilton penalizzato dal clipping.

Bottas sale in P10 al Lap 13. Latifi in P11. Il duello tra Norris e Hamilton avvantaggia la Ferrari di Leclerc! Ricciardo, fenomenale, ancora in P1.

Siamo al Lap 15 e si apre con un contatto tra Vettel e Ocon, “Non mi ha lasciato spazio“, riferisce il pilota dell’Aston Martin, aperta l’investigazione della FIA. Diminuisce il distacco tra Verstappen e Ricciardo, ma aumenta quello tra Leclerc e Hamilton-Norris. Bottas in P9.

Lap 18, il fastest lap è ancora di Verstappen.

20 giri in P1 per la McLaren di Ricciardo! Buon ritmo anche per Leclerc che torna a recuperare. 5 secondi di penalità anche per Ocon dopo aver forzato Vettel fuori pista.

Lap 21, tutte le gomme iniziano a penalizzare i tempi dei piloti, ma impossibile pensare adesso ad un pit stop se si vuole evitare il traffico prima di Sainz in P7. Verstappen sotto investigazione.

Lap 22, pit stop per Ricciardo. Lap 23, pit stop per Verstappen, ma problemi nell’assemblaggio della gomma sinistra anteriore: scende disastrosamente in P10 con davanti Alonso in P9. Hamilton supera Norris e raggiunge la P1. Perez in P3. Bottas in P6.

Verstappen supera Alonso. P1 per Leclerc dopo il pit stop di Hamilton: 4,2 secondi.

Ma é subito collisione al Lap 26 tra Hamilton e Verstappen! Errore del pilota della Red Bull, ma Hamilton non ha lasciato spazio. Entrambe le vetture sono fuori gara. L’investigazione sarà attuata alla fine dei 53 giri. Se non ci fosse stato l’halo l’incoscienza di Verstappen avrebbe potuto costare la vita al pilota della Mercedes.

Leclerc ancora in P1. Lap 27, pit stop per Leclerc: è virtualmente secondo dietro a Ricciardo. P9 per Russell.

Fonte: Tania Zofei

Lap 30: P1 di Ricciardo, P2 di Leclerc e P3 di Norris. Finisce la corsa della safety car. Preoccupanti la Mercedes di Bottas e la Red Bull di Perez.

Norris attacca Leclerc e chiude il sorpasso alla Roggia! Sainz non riesce a difendere la P5 da Bottas. Perez supera la Ferrari di Leclerc. Sorpasso di Leclerc su Bottas, ma deve cedergli la posizione. Anche Perez avrebbe dovuto cedere la posizione a Leclerc, ma ancora nessuna investigazione annunciata.

Chiamata anche la bandiera gialla per Schumacher.

Lap 35, il fastest lap è di Bottas! Diminuisce il distacco tra Norris e Ricciardo. Leclerc in P5 e e Sainz in P6.

E invece arrivano i 5 secondi di penalità per Perez! Bottas si avvicina alla Red Bull di Perez, virtualmente dietro a Stroll in P7. 5 secondi di penalità per Mazepin dopo un contatto in curva 4.

Chiamata ancora la bandiera gialla.

Lap 43, Bottas sorpassa Perez, ma il pilota della Red Bull riconquista subito la posizione. Virtual safety car: finisce la gara di Mazepin a causa di alcuni problemi tecnici. Leclerc attacca Bottas, Sainz è incollato a Leclerc.

Lap 45, Giovinazzi in P14 e il fastest lap è ancora di Bottas.

Siamo al Lap 50, P13 per Giovinazzi. Si spengono le speranze per la Ferrari di salire sul podio. Virtualmente Perez si trova in P6, davanti a Sainz, ma inizia a perdere costanza. Aperta un’investigazione per Stroll: non ha rispettato il regime di bandiera gialla.

Si conclude così l’ultimo giro! Vittoria di Daniel Ricciardo, seguito in P2 dal compagno di scuderia Lando Norris. P3 per Valtteri Bottas. P4 per Charles Leclerc! Il fastest lap è della McLaren, segnato al Lap 53.

Finale speciale per la McLaren: doppietta al Gran Premio d’Italia con il riscatto di Daniel Ricciardo, ed é la prima della stagione! L’ultima vittoria risaliva al GP di Monaco del 2018, correva ancora per la Red Bull. Questa è l’ottava in carriera ed è il suo trentaduesimo podio. Sempre più acceso il duello tra McLaren e Ferrari per il terzo posto nella classifica del Campionato Costruttori.

E termina così anche la nostra diretta, grazie per averci accompagnato in questo week-end di gara al Tempio della Velocità!

lando-norris-and-daniel-ricciardo-share-a-podium
Fonte: Instagram – @ f1
Fonte: Instagram – @ projectdivebomb

Autore

  • Giulia, Giu per chiunque, 17 anni, studentessa e fonte di stress a tempo pieno. Adoro scrivere, conoscere e imparare. Instagram: @/xoxgiu

close

Non perderti le nostre news!

Non inviamo spam! Leggi la nostra Informativa sulla privacy per avere maggiori informazioni.

Previous post Pio e Amedeo si sono premiati da soli? La scoperta di Mr Marra
Next post 11 settembre 2001: undici film e documentari da guardare oggi