GP di Monza 2021: 50% di pubblico e biglietti raddoppiati

Condividi

Tutti gli appassionati di F1 hanno iniziato a risentire degli effetti della pandemia di Covid-19 quando interi Gran Premi hanno incominciato ad essere cancellati o calendarizzati in date differenti dalla FIA, a causa dell’alto rischio di contagio tra gli spettatori e tra i diversi team in competizione. Il GP di Monza non fa eccezione: nel 2020 il Gran Premio nel Tempio della Velocità si è tenuto a porte chiuse come tutte le precedenti gare. Gli organizzatori si sono premurati di invitare 250 persone, tra medici e infermieri impegnati nella lotta alla malattia, ad assistere a questo Gran Premio.

Anche il Campionato mondiale di Formula 1 2021 ha sofferto a causa delle disgrazie create dalla pandemia, come testimoniano i casi del GP del Canada o del GP d’Australia. Ma se il Gran Premio d’Italia sembrava esserne rimasto immune, la notizia di quest’ultimi giorni ha provocato non pochi dissensi e polemiche.

Il GP di Monza aprirà al pubblico, ma non sarà per tutti

L’automobilismo è uno sport per ricchi. Non è la malevolenza a parlare, basta la realtà dei fatti.

Gestire una scuderia, costruire una vettura, organizzare un Gran Premio, sono attività necessarie e strettamente legate al mondo della F1, che richiedono costi non indifferenti di cui doversi preoccupare. L’Autodromo Nazionale Monza, inaugurato nel 1922, anche quest’anno avrà l’onore di ospitare il GP d’Italia tra le sue porte, ma sarà in grado di permettere l’entrata soltanto al 50% degli spettatori usualmente ospitati al suo interno.

Questo provvedimento è stato elaborato in seguito alla preoccupante risalita dei contagi in Italia di Covid-19, nonostante le prime notizie avessero mostrato grande fiducia nella possibilità di contenere il 90% del pubblico previsto.

A risentirne, infatti, non sono soltanto i fans della F1, ma tutti coloro che lavorano per l’organizzazione di questa gara. La mancanza di pubblico dell’anno precedente aveva enormemente penalizzato non solo le entrate dell’autodromo, ma dell’intera città, privata dell’annuale picco di turisti appassionati di motori.

Purtroppo, per sopperire al danno economico dello scorso anno e a quello potenziale di questo Campionato i tifosi si sono risvegliati con un’amara sorpresa: il prezzo dei biglietti resi disponibili è stato raddoppiato rispetto al listino proposto per gli scorsi eventi. Sono stati resi disponibili in seguito all’annuncio pubblicato dall’Autodromo Nazionale Monza.

Per citarne alcuni:

gp-di-monza-biglietti-prezzi
  • 1 CENTRALE: 150,00 € – 700,00 €
  • 26A LATERALE DESTRA A: 150,00 € – 500,00 €
  • 6B ALTA VELOCITÀ B : 150,00 € – 400,00 €
  • 19 USCITA ASCARI B: 150,00 € – 400,00 €
  • 21A LATERALE PARABOLICA A: 80,00 € – 300,00 €
  • 2 GRADINATE TRAGUARDO: 80,00 € – 250,00 €

E questo è solo un riferimento al listino prezzi mostrato da TicketOne per i biglietti che permetteranno di accedere all’autodromo in data domenica 12 settembre, per ammirare esclusivamente il Gran Premio di Monza.

Aperta è anche la disponibilità di presenziare alle prove libere e alle qualifiche dei giorni precedenti, caratterizzati dalla seconda Sprint Race della F1, oltre alle F1 Experiences organizzate per vivere un’avventura veramente indimenticabile.

Tifosi, siete pronti a tornare nel Tempio della Velocità?“: le reazioni dei fans

gp-di-monza-twitter

Con queste parole, allegate alla locandina qui riportata, l’account Twitter dell’Autodromo Nazionale Monza annuncia l’inizio della vendita dei biglietti per il GP d’Italia e le reazioni dei fans non mancano ad arrivare.

C’è chi la prende con ironia mentre le lacrime minacciano di scivolare sulle loro guance, e c’è chi onestamente dichiara la propria opinione: sono in molti a criticare il listino prezzi di queste competizioni in seguito alla volontà espressa dalla stessa Formula 1: il desiderio di permettere ad un pubblico più giovane di interfacciarsi al mondo dei motori.

Si è esteso un divario mal celato da parecchi anni che potrebbe rendere l’automobilismo uno sport talmente inarrivabile da poter essere apprezzato dal vivo soltanto da un’élite ristretta di appassionati.

Con questi prezzi non saranno certamente i giovani ad avvicinarsi alla F1, ma costringeranno i ragazzi già coinvolti a seguire le dirette TV su Sky Sport F1 HD e Sky Sport Uno o in live streaming su SkyGo e NowTV da casa, stanziati sul loro divano, mentre attori, influencer e magnati della società odierna si godranno il brivido della Formula 1 direttamente sotto i loro occhi.

gp-di-monza
Fonte: Automoto

La storia della Formula 1 è costellata di grandi piloti, quest’anno il GP di Monza avrà la fortuna di vederne correre venti. Rendere questa esperienza più economica avrebbe permesso a qualcuno di quei famigerati giovani di tifare nel Tempio della Velocità per almeno uno di loro.

Autore

  • Giulia, Giu per chiunque, 17 anni, studentessa e fonte di stress a tempo pieno. Adoro scrivere, conoscere e imparare. Instagram: @/xoxgiu

close

Non perderti le nostre news!

Non inviamo spam! Leggi la nostra Informativa sulla privacy per avere maggiori informazioni.

Previous post Olimpiadi 2020: i successi di oggi, 29 luglio
Next post Giornata mondiale dell’amicizia: TOP5 migliori amicizie nelle serie tv