F1: terzo motore per la Ferrari di Leclerc

Condividi

Nonostante sia appena giunta la pausa estiva per il Campionato mondiale di Formula 1, il GP d’Ungheria ha lasciato fin troppi conti in sospeso tra i diversi piloti che sono stati coinvolti negli incidenti provocati da Bottas e Stroll: a pagarne le conseguenze più amare sono state le vetture di Ferrari, Red Bull e McLaren.

La scuderia Red Bull ha già esposto le sue difficoltà nel sopperire ai danni riportati dalle monoposto di Verstappen e Perez, ma torna a fare capolino anche la vicenda Leclerc-Stroll, in seguito alla scellerata manovra del pilota dell’Aston Martin.

Proprio quest’ultima si era già ritrovata per diverse ragioni al centro delle attenzioni mediatiche: una tra tutte mostra la squalifica di Sebastian Vettel, riconosciuta dalla FIA a causa di disguidi nella rilevazione del carburante rimasto, ma già richiesta precedentemente all’inizio gara per la scelta di aver indossato una maglietta richiamante la bandiera LGBTQ+, schierandosi apertamente contro la politica disumana di Orbàn.

Le dinamiche dell’incidente Leclerc-Stroll

ferrari-leclerc-ungheria
Fonte: Instagram – Charles Leclerc

Appena avvenuto l’incidente causato da Bottas alla prima curva dell’Hungaroring, Leclerc supera le vetture di Norris, Verstappen, Perez, rimaste coinvolte assieme alla Mercedes di Bottas, ma viene centrato in pieno da Stroll.

Non ci sono attenuanti: Stroll ha tentato un sorpasso azzardato, pericoloso e inattuabile anche per i migliori piloti della F1, quindi ha frenato in ritardo ed è finito sull’erba, ma ha portato con sé la Ferrari di Leclerc.

Non è mancato ad arrivare il commento di Mattia Binotto, team principal della Scuderia Ferrari: “Oggi gli inglesi direbbero ‘disapponted’. La pioggia per noi era una bella occasione, lo si stava anche creando perché Charles è partito cauto e si trovava secondo o terzo nel momento in cui è stato letteralmente speronato da uno che non si sa da dove sia arrivato, completamente senza il controllo della propria vettura. La cosa dispiace, l’occasione era ghiotta“.

É stata una partita di bowling, finire così in una domenica prima delle vacanze è una m***, non so come sia possibile. Stroll era cinque o sei posizioni dietro, sono frustrato perché sapevamo di poter far bene, per questo alla partenza ero stato cauto. Alcuni troppo aggressivi? Anche io a volte ho esagerato nelle prime curve, ma non è realistico pensare di guadagnare cinque o non so quante posizioni in una curva. Oggi sono frustrato perché sapevo di avere le possibilità di fare bene. Sono partito cauto ed è andata a finire così“, così ha esordito il pilota monegasco.

Ferrari distrutta: terzo motore per Leclerc

ferrari-leclerc-ungheria
Fonte: Formula 1

Questo è un ulteriore colpo per la Scuderia Ferrari e per il pilota monegasco. Questo danno ha un impatto economico e anche conseguenze nelle competizioni, considerando i restanti 12 week-end di gara di questa stagione, è altamente probabile che il team potrebbe essere obbligato ad inserire un quarto ICE – motore a combustione interna – alla SF21 di Charles, incorrendo dunque ad una penalizzazione in griglia“.

Queste sono state le parole rilasciate dalla scuderia attraverso un comunicato ufficiale.

L’esaminazione della SF21 del numero 16 effettuata ieri a Maranello ha rivelato che oltre al danno dovuto all’incidente, il motore era irreparabilmente danneggiato e non potrà essere utilizzato nuovamente, in seguito all’impatto avuto con l’Aston Martin di Lance Stroll“.

Il motore distrutto dall’impatto con l’Aston Martin di Stroll era già il secondo impiegato dalla scuderia, ciò significherebbe che il terzo motore che verrà installato prima dell’avvento del Gran Premio del Belgio non apporterà alcuna penalità.

Ma sarebbe impensabile credere che la Ferrari di Charles Leclerc resisterà in condizioni ottimali soltanto con questo terzo motore, fino al termine del Campionato mondiale di F1: la necessità di inserire un quarto motore costerà a Leclerc una penalità in griglia.

Oltre a tale inconveniente, la scuderia dovrà caricarsi dei costi che saranno dovuti alla riparazione dei danni causati dall’incidente: si rischia l’incombenza di un’ulteriore penalità se dovesse superare il limite di spese consentito durante la stagione dal nuovo regolamento istituito dalla FIA.

Charles Leclerc ha perso molto a causa degli eventi che hanno segnato il Gran Premio d’Ungheria: con un terzo motore soltanto a metà della stagione e nessun punto guadagnato nell’ultima gara, dovrà affrontare altre difficoltà incombenti. La classifica aggiornata pone Leclerc dietro al compagno di scuderia Carlos Sainz.

A questo proposito, gli auguriamo una seconda metà di stagione sensazionale e senza precedenti! #EssereFerrari

ferrari-leclerc
Fonte: Instagram – Charles Leclerc

Autore

  • Giulia, Giu per chiunque, 17 anni, studentessa e fonte di stress a tempo pieno. Adoro scrivere, conoscere e imparare. Instagram: @/xoxgiu

close

Non perderti le nostre news!

Non inviamo spam! Leggi la nostra Informativa sulla privacy per avere maggiori informazioni.

Previous post Olimpiadi 2020: i successi di oggi, 4 agosto
Next post Maneskin con Iggy Pop insieme per una nuova versione di “I Wanna be your slave”