Russia: 9 giorni dopo l’inizio della guerra in Ucraina [5 marzo 2022]

Condividi

Siamo arrivati a quasi 10 giorni dalla guerra in Ucraina e le notizie che escono giorno dopo giorno contribuiscono solo a demoralizzarci di più. Se pensavamo che la guerra sarebbe potuta finire in pochi giorni, in meno di una settimana, ovviamente ci siamo solo illusi. Tantissime persone hanno dovuto abbandonare la propria casa, la propria routine, tutto quello che davano per certo, e sono scappati in un paese con quelle poche cose che potrebbero servire. Dall’altra parte, un popolo che non ha la possibilità di informarsi se non tramite i media di Putin, con tutti i social censurati e con l’incarceramento di giornalisti.

ucraina-russia-guerra-nono-giorno
Conseguenze del bombardamento della centrale elettrica di Okhtyrka, nell’Ucraina orientale. La centrale è stata bombardata nella notte tra il 3 e il 4 marzo. La città è senza elettricità da allora.

Per i giorni precedenti:

  1. Russia: è scoppiata la guerra contro l’Ucraina [aggiornamenti del 24 febbraio 2022]
  2. Russia: la guerra contro l’Ucraina [25 febbraio 2022]
  3. Russia: continua la guerra contro l’Ucraina [26 febbraio 2022]
  4. Russia: il quarto giorno di guerra contro l’Ucraina [27 febbraio 2022]
  5. Russia: siamo al quinto giorno di resistenza dell’Ucraina [28 febbraio 2022]
  6. Russia: sesto giorno di bombardamenti contro l’Ucraina [1 marzo 2022]
  7. Russia vs Ucraina: sette giorni dopo, la guerra non ha ancora fine [2 marzo 2022]
  8. Russia: la guerra continua dopo una settimana [3 marzo 2022]
  9. Russia: le ultime novità della guerra contro l’Ucraina [4 marzo 2022]

Facciamo giusto una brevissima digressione sui giorni precedenti alla guerra. Cos’è successo nei giorni scorsi? Il primo a parlare di terza guerra mondiale per riferirsi al conflitto fra la Russia e l’Ucraina è stato proprio il Presidente Biden, ed è sempre stato lui, insieme agli Stati Uniti, a provare a prevedere quando ci sarà un attacco. Quando, perché per gli americani è stato sicuro sin dal principio che ci sarebbe stato. «La Russia sta cercando un pretesto per invadere l’Ucraina», aveva detto Jake Sullivan. Inizialmente si pensava che sarebbe stato mercoledì 16 febbraio, ma invece è iniziato giovedì 24 febbraio. Putin l’ha chiamata operazione per proteggere il Donbass. Insomma, ecco il casus belliUna guerra iniziata per proteggere.

Più di una settimana fa, poi, Vladimir Putin ha deciso di riconoscere l’indipendenza delle repubbliche separatiste ucraine di Donetsk e Lugansk, firmando al Cremlino, in diretta televisiva, il riconoscimento con i leader delle due repubbliche del Donbass. Ha affermato il presidente russo: «L’Ucraina è serva dei padroni occidentali, se avrà armi di distruzione di massa il mondo cambierà drammaticamente. Kiev deve fermare immediatamente le operazioni militari». Questa decisione è stata presa «dopo una richiesta del capo della Repubblica popolare di Donetsk al ministero della Difesa della Federazione Russa, per garantire l’attuazione delle funzioni a sostegno della pace sul territorio prima della conclusione dell’accordo di amicizia, cooperazione e mutuo soccorso» con Mosca.

«Oggi la leadership dell’alleanza ha dato il via libera all’ulteriore bombardamento di città e villaggi ucraini, rifiutandosi di stabilire una no-fly zone (sopra l’Ucraina)» ha detto Zelensky nei giorni scorsi, poiché gli USA hanno deciso di non evitare a qualsiasi aereo o elicottero di sorvolare l’Ucraina e quindi di evitare che le bombe esplodessero sul territorio anche civile. Intanto Putin: «Nel corso della sua operazione speciale, l’esercito russo sta adottando tutte le misure possibili per salvare la vita dei civili e le notizie di presunti bombardamenti di Kiev e di altre grandi città sono grossolani falsi di propaganda».

La diretta del nono giorno di guerra in Ucraina

La prima informazione della notte riguarda il paracadutista bielorusso detenuto. Yevgeny Zhukov riferisce che l’uomo avrebbe detto di non voler combattere dalla parte dei russi e che ha anche informato le guardie di frontiera ucraine con informazioni sulla posizione e sul numero di truppe al confine. L’ambasciata degli Stati Uniti ha detto di non aver inviato un messaggio a nome dell’Incaricata d’Affare degli Stati Uniti Kristina Kvien dicendo che «ci saranno forti bombardamenti stasera» e che i russi prenderanno di mira tutti gli attivisti civili dopo aver catturato la città e imposto la legge marziale.

I senatori democratici e repubblicani degli Stati Uniti hanno ricevuto un invito a partecipare a un incontro Zoom con il presidente Volodymyr Zelensky. L’incontro si terrà questo pomeriggio alle 16.30. L’Ucraina ha poi chiesto alla Germania una fornitura di armi pesanti. Secondo AFP, questo include carri armati, sottomarini ed elicotteri da combattimento. Un portavoce del Ministero della Difesa tedesco ha affermato che un certo numero di forniture erano pronte per la spedizione, ma non ha specificato quali.

Anche Kharkiv è bombardata e i civili sono invitati a spostarvi in un rifugio. La gestione della centrale nucleare di Zporizhzhya a Energodar è «nelle mani ucraine». Le truppe russe controllano il perimetro dell’impianto. Secondo “Kommersant”, la gran parte delle compagnie aeree russe ha ricevuto una notifica dai locatori europei sulla risoluzione dei contratti di riassicurazione la notte dell’8 marzo. Gli aviatori interpretano questo come un’impossibilità di effettuare voli. Intanto anche L’ABC e il CBS hanno smesso ti trasmettere dalla Russia a causa della censura di Putin.

ucraina-russia-guerra-nono-giorno
Un soldato ha salvato un bambino in Ucraina

La Federazione Internazionale di Ginnastica bandisce gli atleti russi e bielorussi dalle competizioni che iniziano il 7 marzo. Inizialmente era stato deciso che avrebbero dovuto gareggiare sotto bandiera neutrale. Le autorità cinesi hanno annunciato la necessità di intensificare in modo completo l’istruzione e la formazione militare nel 2022. In più aumenteranno il budget militare a 229,5 miliardi di dollari.

Il Pentagono ha informato che la Russia ha lanciato più di 500 missili nella settimana dall’inizio della sua invasione su vasta scala dell’Ucraina. I russi stanno lanciando diversi tipi di missili a una velocità di circa due dozzine al giorno, ha detto un funzionario del Pentagono. La Russia intanto annuncia che è pronta a schierare fino a 1.000 mercenari in più in Ucraina, fa sapere la CNN. Allerte antiaeree si sentono a Cherkihiv e a Kiev, in seguito anche a Kiev Oblast e a Zhytomyr.

Singapore ha annunciato sanzioni contro la Russia che includono quattro banche e un divieto di esportazione di elettronica, computer e articoli militari. Il primo ministro canadese Justin Trudeau visiterà l’Europa dal 6 all’11 marzo per coordinare nuove sanzioni contro la Russia e mostrare sostegno all’Ucraina. Trudeau si recherà nel Regno Unito, Lettonia, Germania e Polonia. Nel distretto di Bucha vicino a Kiev, le forze russe hanno aperto il fuoco su un’auto con dei civili. Due persone sono morte, di cui una ragazza di 17 anni.

«Le forze armate continuano a mantenere i confini e in alcune direzioni contrattaccano e costringono il nemico a ritirarsi con perdite, interrompono le comunicazioni posteriori e infliggono colpi schiaccianti», leggiamo su NEXTA Live. Sul Kyiv Independet invece leggiamo che il personale della centrale nucleare di Chernobyl è rimasto intrappolato per 10 giorni dopo la sua cattura da parte delle forze russe. Gli operai lavorano a turni, il personale è «stanco mentalmente e fisicamente, emotivamente», ha affermato Yury Fomichev, sindaco di Slavutych.

ucraina-russia-guerra-nono-giorno
Un attacco aereo russo ha colpito il vilaggio di Markhalevka, vicino a Kyiv, uccidendo sei persone tra cui un bambino

Il consigliere dell’ufficio presidenziale, Mykhaylo Podolyak ha riferito che oggi sarà aperto un corridoio umanitario a Mariupol e Volnovakha. Il cessate il fuoco è dichiarato oggi dalle 9:00 alle 16:00. L’evacuazione dei civili inizierà alle 11.00. I media italiani invece scrivono che gli yacht degli oligarchi russi Alexei Mordashev e Gennady Timchenko sono stati confiscati. Il costo degli yacht è di 65-75 milioni di euro.

Boris Jounson, primo ministro inglese, ha detto a La Repubblica che «il rischio di un incidente nucleare è evidente, purtroppo» e per evitarlo servono «subito l’Onu e l’agenzia dell’atomo Aiea a protezione delle centrali ucraine. Un altro attacco come quello dell’altra notte, e la sicurezza e la salute di tutta Europa saranno in enorme pericolo». «Dobbiamo lavorare strenuamente insieme: il rischio è quello di una catastrofe pan-europea», e ha aggiunto che «dobbiamo far capire al Cremlino che un’altra Chernobyl sarebbe un disastro anche per la Russia».

Il segretario di Stato americano Antony Blinken ha dichiarato alla BBC che «l’Ucraina può assolutamente vincere contro la Russia». Ha aggiunto che «la guerra non è già finita come avrebbe potuto programmare il presidente russo Vladimir Putin». «Se è intenzione di Mosca cercare in qualche modo di rovesciare il governo e installare il proprio regime fantoccio, gli ucraini rifiuteranno questo in un modo o nell’altro», ha aggiunto.

«Questa guerra deve essere fermata immediatamente, è necessario sedersi al tavolo dei negoziati. Il nostro presidente sta conducendo una diplomazia molto intensa. Avrà colloqui con Putin domani», ha detto il portavoce presidenziale turco Ibrahim Kalin in onda sul canale N-TV, secondo quanto riporta la Tass. Zelensky alla nazione: «Oggi è sabato ma non significa nulla. Il nostro Paese non ha più i fine settimana. Non importa cosa c’è sull’orologio o sul calendario. E sarà così finché non vinceremo».

Il ministro russo degli Esteri Serghei Lavrov in una conferenza stampa: «sembra che l’Ucraina inventi sempre dei motivi per aggiornare i termini» in base a cui tenere i negoziati con la Russia. Intanto l’evacuazione dei civili da Mariupol è stata rinviata a causa di multiple violazioni della tregua annunciata dalla Russia. Sempre il ministro degli esteri: «Zelensky è dispiaciuto che la Nato non intervenga, vuol dire che non vuole risolvere il conflitto con la diplomazia. Cerca di provocare il conflitto contro la Russia con la partecipazione della Nato. Ha una frenesia militarista».

La Guardia di Finanza italiana ha arrestato la proprietà dell’oligarca Alisher Usmanov e del propagandista Vladimir Solovyov. Secondo quanto riferito, il servizio di sicurezza ucraino ha sparato e ucciso Denis Kireev, un membro della squadra negoziale ucraina. Apparentemente è stato ucciso mentre resisteva all’arresto con l’accusa di tradimento. Intanto il governo di Londra ha consigliati ai cittadini in Russia di lasciare il paese: «Se la presenza in Russia non è necessaria, consigliamo vivamente di partire utilizzando le rimanenti vie commerciali».

La Russia, tra l’altro, ha affermato che considererà l’imposizione di una no-fly zone nei cieli dell’Ucraina come una partecipazione diretta al conflitto armato. Il pubblico ministero del Tribunale di Norimberga ritiene possibile l’incarcerazione di Putin. «Voglio vedere Putin dietro le sbarre, e questo è possibile», ha detto Benjamin Ferenc, giudice veterano di 101 anni, che ha processato i criminali nazisti. Oleksii Honcharenko, politico ucraino e presidente del consiglio regionale di Odessa: «Secondo le mie informazioni, la legge marziale potrebbe essere introdotta in Moldavia il 9 marzo. Il presidente moldavo e la massima leadership della Moldavia hanno informazioni per le quali la Russia si sta preparando per l’invasione del Paese».

Zelensky ha fatto appello ai senatori degli Stati Uniti per una no-fly zone, un divieto di petrolio russo e una sospensione delle carte Visa e Mastercard in Russia. «I corridoi umanitari devono entrare oggi a Mariupol e Volnovakha, per salvare donne bambini e anziani e dare cibo e medicine a chi è rimasto. Stiamo facendo di tutto per far funzionare l’accordo», ha detto il presidente. Le forze ucraine hanno preso il controllo di Mykolaiv, dopo aver sequestrato l’equipaggiamento degli occupanti russi. Secondo il governatore dell’Oblast di Mykolaiv, Vitaly Kim, ci sono vittime tra i civili, ma il numero deve ancora essere determinato.

Intanto, mentre tantissime aziende e società hanno deciso di chiudere i rapporti con la Russia (Guerra in Ucraina: da cosa sono stati bannati i russi), la società di tabacco giapponese JTI Group, conosciuta per le marche Winston, Camel, LD, Sobranie, ha deciso di non fermare la propria attività in Russia. Il direttore ha detto che la società è neutrale e apolitica. In Italia intanto il Viminale fa sapere che sono 11.323 i cittadini ucraini entrati in Italia finora dall’inizio del conflitto, di cui 5.620 donne, 1.198 uomini e 4.505 minori.

Nuovi dati sulle vittime: «Dalle 4:00 del 24 febbraio 2022 fino alle 24:00 del 4 marzo 2022, l’Ufficio dell’Alto Commissario delle Nazioni Unite per i diritti umani (OHCHR) ha registrato 1.058 vittime civili in Ucraina: 351 morti e 707 feriti». Gli ucraini intanto hanno distrutto anche l’accesso alla diga Seversky Saltov, nel distretto di Volchansk, per rallentare l’avanzata dell’esercito russo a Kharkiv.

I paesi della NATO che condonano l’invio di mercenari in Ucraina diventano complici di crimini di guerra, ha detto il ministero degli Esteri russo. Zelensky, invece, ha comunicato a Erdogan della sua disponibilità a incontrare Putin a Istanbul o ad Ankara. Ufficialmente però il terzo round di negoziazioni sarà lunedì 7 marzo, ha annunciato un membro della delegazione ucraina su Facebook, il legislatore David Arakhamia.

«Gli attacchi devono cessare e, qualunque siano le condizioni e le aspettative per i negoziati, dovrebbe essere data loro una possibilità. Il presidente Recep Tayyip Erdogan ha già trasmesso questa proposta sia a Putin che a Zelensky. Ieri, in una telefonata con il signor Zelensky, il presidente dell’Ucraina ha ribadito di nuovo di essere pronto a incontrare Putin a Istanbul, Ankara, dove vuole. Il nostro presidente aveva già consegnato questo messaggio a Putin», ha detto il portavoce presidenziale Ibrahim Kalin (Turchia) ai microfoni di ‘Trt Haber’.

La prefettura di Roma ha annunciato su Twitter che per «l’Emergenza profughi dall’Ucraina il 5 marzo» è «istituito in Prefettura un help desk dedicato. Per segnalazioni su arrivi e informazioni su regolarizzazione, accoglienza e servizi scrivere a emergenzaucraina.pref_roma@interno.it». I russi intanto hanno sequestrato un ospedale psichiatrico con 670 persone a Borodyanka, a 60 km da Kiev: «Sono persone con esigenze speciali, necessitano di aiuto costante, molti di loro sono stati costretti a letto per anni. Stanno finendo l’acqua e le medicine», ha detto il governatore della regione Oleksiy Kuleba. Secondo fonti locali, gli assalitori sarebbero forze cecene arrivate e i contatti con l’istituto sono interrotti.

Intanto tantissime società interrompono le attività in Russia. L’ultima è il Gruppo Prada, che scrive su Linkedin che «la nostra preoccupazione principale è per tutti i colleghi e le loro famiglie colpiti dalla tragedia in Ucraina ai quali continueremo a garantire supporto. Il Gruppo continuerà a monitorare gli sviluppi». Ha anche aderito alla chiamata di Camera Nazionale della Moda e contribuito con una donazione, giovedì scorso, all’agenzia italiana delle Nazioni Unite per i Rifugiati Unhcr.

Von der Leyen: «L’Unione europea deve liberarsi completamente della dipendenza dal gas, petrolio e carbone dalla Federazione russa attraverso la diversificazione, l’efficienza energetica e la transizione energetica». Yulia Tymoshenko, leader dell’Unione panucraina Batkivschyna, ha invitato la comunità internazionale a chiudere il cielo sull’Ucraina: «Chiudete i cieli sull’Ucraina! I nostri bambini ripetono oggi come una preghiera quando razzi e bombe lanciati dal Cremlino volano contro di loro. Vogliono vivere, non morire. Chiudetee i cieli sopra l’Ucraina! Gli ucraini supplicano insieme a milioni di persone in tutto il mondo. Perché gli attacchi alle nostre centrali nucleari rappresentano una minaccia nucleare per tutta l’Europa».

«C’è un confine molto immaginario nel rifiuto di chiudere il cielo sopra l’Ucraina, separando la preoccupazione per il mondo dalla debolezza. Dobbiamo vivere con onore, perché oggi coloro che decidono di chiudere il cielo sopra l’Ucraina hanno paura, ma domani potrebbe semplicemente non esserlo», ha aggiunto. Ricordiamo che la Russia nel pomeriggio ha detto che considera come una partecipazione diretta al conflitto armato.

Di Maio su Facebook: «Senza perdere un attimo di tempo, stiamo intervenendo per rafforzare con altri Paesi la nostra cooperazione energetica. Lavoriamo per aumentare le nostre forniture di gas nel breve, medio e lungo periodo, per evitare ogni genere di ricatto e avere alternative al gas russo. Dopo Algeri, oggi sono in Qatar a Doha con l’Ad di Eni, Claudio Descalzi. Dobbiamo agire in fretta per arginare i potenziali effetti economici di questa guerra portata avanti dal governo russo e tutelare famiglie e imprese italiane. Oggi ho avuto i primi colloqui e domani si continuerà».

Il primo ministro Israeliano ha segretamente visitato la Russia per parlare con Putin. Il premier Naftali Bennett è arrivato a Mosca per dei negoziati non annunciati con il presidente russo Vladimir Putin. A confermarlo è il portavoce del Cremlino, Dmitry Peskov. Sembrerebbe che il premier Bennett abbia informato il presidente Macron sulla conversazione.

Zelensky ha invitato gli ucraini a continuare con la resistenza: «Ogni metro della nostra terra ucraina conquistata dalla protesta e dall’umiliazione degli occupanti è un passo avanti, verso la vittoria». Putin invece ha firmato un decreto sui pagamenti al personale militare e alle loro famiglie: i familiari di un militare morto in Ucraina o in Siria riceveranno 5 milioni di rubli, per un soldato ferito, 3 milioni di rubli. Ecco quanto vale la vita umana per Vladimir Putin.

Putin ha incaricato il Consiglio dei Ministri di stilare un elenco dei paesi che hanno imposto sanzioni contro la Russia entro 2 giorni. Il presidente Ucraino su Twitter: «Sono grato a Ursula von der Leyen per l’importante decisione di concedere immediatamente il diritto di soggiorno nell’UE agli ucraini che fluiscono in Europa a causa dell’aggressione russa. La prima tranche di 500 milioni di EUR fornita dall’UE aiuterebbe gli ucraini a garantire condizioni di vita dignitose».

I media ucraini hanno riferito che stanno avvenendo sparatorie ed esplosioni a Kharkiv. Le esplosioni si sono verificate nella zona di North Saltovka, nel nord-est della città, e un grattacielo starebbe bruciando.

ULTIMO AGGIORNAMENTO: 22.40

Autore

close

Non perderti le nostre news!

Non inviamo spam! Leggi la nostra Informativa sulla privacy per avere maggiori informazioni.