Olimpiadi 2020: i successi di oggi, 1 agosto

Condividi

Continuano le Olimpiadi a Tokyo 2020, e anche i successi dei nostri azzurri. Ieri abbiamo assistito a un nuovo record italiano, abbiamo visto una nostra azzurra arrivare sul terzo gradino del podio, ma non solo! Oggi, però, gli italiani a Tokyo non sono da meno e ci hanno fatto davvero sognare, abbiamo guadagnato altre splendide medaglie in diverse discipline. Ormai manca una settimana alla fine dei giochi olimpici di quest’anno, e possiamo dire che, a metà percorso, siamo già tanto fieri dei nostri atleti. Continuiamo così ragazzi, per poter chiudere con il botto!

Fonte: Italia Team

Le Olimpiadi di Tokyo 2020 sono ufficialmente iniziate. La cerimonia è iniziata alle 13 circa del 23 luglio e, per la prima volta, ci siamo trovati davanti a uno stadio vuoto, senza pubblico, senza nessuno a gioire o a urlare. Gli spalti del National Stadium erano vuoti a causa delle direttive anti-Covid19, non c’era pubblico e gli atleti erano distanziati per evitare ulteriori contagi, infatti sono diversi gli sportivi che hanno dovuto rinunciare alle Olimpiadi a causa di questo virus che, ancora una volta, ci privano di qualcosa e, in questo caso, di un sogno.

Perché le Olimpiadi sono un sogno. Per noi sono solo delle competizioni in cui seguiamo i nostri atleti preferiti, in cui possiamo sostenere il nostro paese che si sta ancora riprendendo dalla pandemia che ci ha bloccati per più di un anno. Ma per gli atleti sono un sogno, l’obiettivo di una vita per cui si ha lavorato per anni interi tutti i giorni e, per questo motivo, vogliamo inaugurare un buona fortuna a tutti. Sono però anche una festa, sono una ricorrenza gioiosa, per questo vedere lo stato vuoto ci ricorda solamente il periodo che stiamo passando.

Noi di Cup of Green Tea ci occuperemo di alcuni sport, ma intanto vi ricordiamo che qui (inserire collegamento ad articolo con tutti gli atleti) trovate tutti gli atleti italiani in gara. Nel prossimo paragrafo invece troverete tutte le gare di cui ci siamo già occupati (aggiorneremo volta per volta, per cui stay tuned):

Vi ricordo anche che qui trovate alcuni consigli per capire come seguire le Olimpiadi di quest’anno.

Olimpiadi 2020: i successi della nona giornata

Come sicuramente sapete, ci sono tantissime discipline, quindi non riusciremo a coprire interamente tutti gli sport, tuttavia vi lasciamo i risultati di tutti e qualche dettaglio in più su altri, giusto per tenervi aggiornati sul fronte Olimpiadi, in modo che, se vi trovate al bar a bere un caffè con gli amici, saprete di cosa parlare.

Tiro a segno, pistola automatica 25m maschile – qualificazioni

In data odierna all’Asaka Shooting Range si è disputato il primo turno di qualificazioni della categoria di tiro a segno di pistola automatica 25m maschile. A rappresentare l’Italia Tommaso Chelli e Riccardo Mazzetti.

Buona performance di Chelli: ha raggiunto l’undicesima posizione con uno score di 288/300. Domani si terrà il secondo turno valido per altri 300 punti e Chelli dovrà provare a rientrare nella finale a sei per proseguire il suo sogno olimpico.

Mazzetti, invece, si dimostra incerto: con uno score di 285/300 dovrà faticare per arrivare alla finale a sei. Veramente imprevisto per il finalista di specialità di Rio 2016.

A guidare la classifica di questo primo round di qualificazioni troviamo Bessaguet (Francia) e Quiquampoix (Francia). Sono tra i favoriti in queste Olimpiadi di Tokyo 2020 con uno score di 297/300 per entrambi.

L’imprevedibilità, però, aiuta molto nella categoria di pistola automatica. Domani alle 01:30 di notte per il fuso orario italiano si disputerà il secondo round di qualificazioni.

Buona fortuna ai nostri azzurri!

olimpiadi-2020-nona-giornata

Atletica

La nona giornata di Olimpiadi, e la terza per l’atletica, è abbastanza piena sul fronte italiano. Vedremo in scena Gianmarco Tamberi nella finale di salto in alto e Marcell Jacobs nella semifinale e, speriamo, anche in finale, ma considerando quanto il suo debutto ai giochi sia stato strepitoso, le aspettative sono tanto alte. Insieme a loro, ci sono anche le qualificazioni di lancio del martello con Sara Fantini e le batterie dei 400 metri con Davide Re ed Edoardo Scotti. Per il salto in lungo femminile purtroppo manca Larissa Iapichino a causa di un infortunio.

Riguardo il lancio del peso, la quota per qualificarsi direttamente in finale è di 73.50. La nostra Sara Fantini ha raggiunto 72.31 nel suo miglior risultato stagionale, per cui per qualificarsi dovrà cercare o di fare meglio oppure di eguagliarsi in modo da riuscire a essere fra le prime nei ripescaggi. La nostra azzurra sarà la terza a lanciare, dopo i due nulli delle rappresentanti della Finlandia e dell’Ungheria. Riesce ad arrivare a quota 71.68, un ottimo risultato che cercherà ancora di migliorare.

Al secondo tentativo e al terzo, tuttavia, si peggiora: 69.26 e 69.26, ma la sua prima prova potrebbe comunque consentirle di arrivare in finale, bisogna aspettare che anche il gruppo B finisca la gara in modo da vedere chi sono le dodici finaliste. Finite le qualificazioni, Sara Fantini riesce a qualificarsi, tuttavia ha un margine di quasi un metro sulla tredicesima posizione. Magari però la nostra azzurra riuscirà a fare di meglio!

Iniziano intanto le batterie dei 400 metri maschili. Nella quarta batteria abbiamo il nostro azzurro Davide Re, che cercherà di raggiungere la semifinale. La sua è una batteria molto veloce, tanto che riesce ad arrivare solo quinto e con un tempo di 45.46, che potrebbe non essere abbastanza per la qualificazione. Nell’ultima batteria c’è invece Edoardo Scotti, che riesce ad arrivare quarto in batteria con un tempo di 45.71, che non è abbastanza per la semifinale. Riesce invece Davide Re tramite i ripescaggi!

Si concludono con queste qualificazioni le gare del mattino di queste Olimpiadi 2020, nella sessione serale ci sono salto in alto e cento metri, delle gare non da sottovalutare per i nostri Gianmarco Tamberi nel salto in alto come per Marcell Jacobs (che ieri ha battuto il recordo italiano ai 100 metri) e Filippo Tortu per i 100 metri, ma anche per gli altri azzurri in gara.

Iniziamo con il salto in alto, quindi con Gianmarco Tamberi che fa un perfetto primo salto, con un grande margine a 2.19, e poi un secondo a 2.24. Ci sta facendo sognare Jimbo, abbiamo la pelle d’oca e cominciamo a pensare al meglio. Continua la sua scalata, riuscendo a saltare anche 2.27 senza alcun errore, e lo stesso vale per i 2.30. Gianmarco Tamberi in queste Olimpiadi è in ottima forma e si vede! Al momento solo in cinque sono rimasti senza errori, lui, Barshim, Lovett, Starc e Woo.

Continua ancora senza errori a 2.33 il nostro magico Jimbo, al momento in testa con Barshim. A passare i 2.33 senza errori infatti sono Barshim, Nedasekau e Tamberi, ma il bielorusso ha sbagliato un salto per cui è in seconda posizione al momento. Con i 2.35 la stecca trema ma non cade, Gianmarco Tamberi continua la sua lotta per l’oro contro Barshim, qatariota che continua a non sbagliare fino ai 2.39. Anche Tamberi purtroppo sbaglia i 2.39, ma per davvero pochissimo. Il suo rivale sbaglia anche il secondo tentativo, stesso discorso per Harrison che quindi regala una medaglia al nostro azzurro.

Rimangono in tre in gara: Barshim e Tamberi che lottano per il primo posto e Nedasekau che ormai ha la medaglia di bronzo al collo. Sbaglia Barshim e quindi si ferma a 2.37, ora tocca a Tamberi. Stessa fine del collega qatariano, e questo significa che i due ottengono la medaglia d’oro ex-aequo, medaglia meritatissima per entrambi che hanno fatto una gara splendida. Bravissimi entrambi gli sportivi!

Nei 100 metri abbiamo nella seconda semifinale Filippo Tortu, che purtroppo arriva ultimo in batteria e quindi non ci sono speranze per lui nella finale. Adesso facciamo il tifo per Marcell Jacobs, che continua a a fare record su record: 9.84 e record italiano e d’Europa. Marcell vola in finale e con lui voliamo anche noi.

La finale dei 100 metri maschile è una delle più attese, soprattutto dopo l’oro al salto in alto che ci ha fatto già gasare. Si mettono in posizione di partenza gli atleti, con Marcell Jacobs nella terza corsia. Dopo una falsa partenza, gli atleti partono e, dopo 9.80 secondi, Jacobs è ufficialmente oro nei cento metri, e a noi sembra di sognare: l’uomo più veloce al mondo è italiano. Grandissima giornata quella di oggi per l’Italia che guadagna ben due ori e riesce a salire nella TOP10 del medagliere di queste Olimpiadi.

olimpiadi-2020-nona-giornata
Marcel Jacobs e Gianmarco Tamberi, oro alle Olimpiadi del 2020.
Fonte: Italia Team

Intanto nei 100 metri a ostacoli femminili abbiamo Luminosa Bogliolo, alla seconda semifinale. Anche l’azzurra straccia il record italiano con un tempo di 12.75, ma purtroppo, in quarta posizione, non riesce ad arrivare in finale. È comunque un ottimo risultato e uno spunto da cui partire per le prossime gare. Bravissima Luminosa!

Nei 400 metri ostacoli abbiamo il nostro Alessandro Sibilio che riesce a chiudere la batteria al terzo posto con 47″93, ma è a un passo dalla finale che si svolgerà domattina. Non è ancora finita per il nostro azzurro a queste Olimpiadi, dobbiamo attendere la conclusione delle batterie per capire se sarà ripescato o no. Alla fine della terza e ultima semifinale, possiamo ufficialmente dire che Sibilio vola in finale, poiché nell’ultima batteria tutti i tempi sono più lenti rispetto al terzo della seconda. Grandissimo Alessandro, appuntamento a domani per la finale!

Nuoto

Anche oggi, al nono giorno di Olimpiadi, le nostre azzurre sono pronte a farci sognare. Con la 4×100 mista assisteremo all’ultima finale olimpica di Federica Pellegrini, che farà la gara insieme a Margherita Panziera (dorso), Arianna Castilioni (rana) ed Elena Di Liddo (farfalla) che gareggeranno contro Russia, Svezia, Australia, Canada, Usa, Giappone e Cina. Intanto vi avvisiamo anche che Emma McKeon ha preso ufficialmente il suo nono oro in solo due edizioni delle Olimpiadi, è ufficialmente una campionessa con la C maiuscola.

Parte la nostra staffetta e, ai 100 metri, l’Italia è ultima, mentre guadagna posizione ai 200, perdendo nuovamente ai 300. Manca l’ultimo sprint finale con Federica Pellegrini, che riesce ad arrivare sesta con un tempo di 3’56″68. Il gradino più alto del podio è dell’Australia con 3’51″60, seguita dagli USA con 3’51″73 e il Canada con 3’52″60. Brave comunque le nostre ragazze, è stata una gara molto difficile!

Lorenzo Zazzeri settimo nella finale dei 50 metri stile libero, l’azzurro ha chiuso con 21.78. Niente medaglia nemmeno per Gregorio Paltrinieri nei 1500 stile libero, che ha nuotato da vero fuoriclasse ma ha concluso al quarto posto fuori dal podio in 14’45”01. L’oro allo statunitense Finke, argento per l’ucraino Romanchuk e bronzo al tedesco Wellbrock.

Nella 4×100 mista maschile arriva uno storico bronzo per gli azzurri Thomas Ceccon, Nicolò Martinenghi, Federico Burdisso e Alessandro Miressi, che hanno completato la prova in 3:29.17. Bronzo più che meritato per i nostri atleti, avanti così ragazzi!

Una notizia molto importante, intanto, è che Federica Pellegrini non si ritira: questa non è stata l’ultima gara della regina del nuoto italiana, ma, al momento, il ritiro è segnato a novembre: «Sentivo che era il momento giusto di smettere, sono molto serena, anzi non vedo l’ora che arrivi il dopo. Poi so che dopo qualche tempo arriverà la malinconia, è inevitabile. Rimarrò in gara fino a novembre con le ISL. Per il momento sono molto serena. Grazie mille a chi mi ha seguita per tutti questi anni, sono stati bellissimi, anche con momenti difficili. Un’altalena di emozioni».

Pallavolo

Con Zaytsev e Giannelli a riposo, gli azzurri travolgono i sudamericani e consolidano il secondo posto nel girone.

Nel primo set faticano un po’ i nostri atleti, ma l’atteggiamento positivo li porta a vincere nonostante abbiano subito le battute e gli attacchi precisi degli avversari.

Nei set successivi rimane invariata la situazione, si vede la differenza di tasso tecnico tra le due squadre e la contesa resta equilibrata fino a set inoltrato.

Ottima prestazione di Osmany Juantorena, che con il passare dei minuti dimostra di essere uno dei migliori italiani e regala giocate da campione insieme a ben 17 punti.

Ora si attendono i sorteggi dei quarti di finale delle Olimpiadi di Tokyo 2020: siamo con voi ragazzi!

Osmany Juantorena – Fonte Twitter

Autori

close

Non perderti le nostre news!

Non inviamo spam! Leggi la nostra Informativa sulla privacy per avere maggiori informazioni.

Previous post Gruppo di hacker attacca il portale dei vaccini della Regione Lazio
Next post Abruzzo in fiamme: le città chiedono aiuto