Tag: sport

Sport femminili: i pantaloni bianchi sono un problema con il ciclo
Sport

Sport femminili: i pantaloni bianchi sono un problema con il ciclo

Le calciatrici inglesi e le tenniste di Wimbledon si sono unite per combattere i pantaloncini bianchi negli sport femminili, che sono un disagio non solo per le sportive ma anche per tutte le donne durante il ciclo mestruale, poiché si sta con il costante disagio di essersi sporcate. Tuttavia, mentre noi donne non sportive non siamo obbligate a indossare dei pantaloni bianchi durante le mestruazioni, le sportive sono costrette a indossare delle divise bianche anche durante quel periodo. Finalmente lo sport femminile comincia a essere riconosciuto. Certo, ci sono sempre diverse difficoltà, solo lo scorso anno la nazionale femminile norvegese di pallamano è stata multata perché non indossa la divisa-bikini, ma almeno in Italia essere una calciatrice sarà ufficialmente una professione e ...
Donne trans negli sport femminili: la Louisiana le bandisce
Sport

Donne trans negli sport femminili: la Louisiana le bandisce

Il Fairness in Women's Sports Act, che vieta alle donne transgender di partecipare agli sport femminili, diventerà ufficialmente legge in Louisiana. Il governatore John Bel Edwards non ha intrapreso alcuna azione sul disegno di legge a guida repubblicana entro la fine della sessione legislativa, consentendo quindi al disegno di legge di diventare legge. In America come in tutto il mondo, negli ultimi mesi, la partecipazione delle donne trans agli sport femminili è stato uno degli argomenti, insieme all'aborto, di cui più si è discusso. Potrebbe interessarvi: Lia Thomas: “le donne trans non sono una minaccia per lo sport femminile” Lia Thomas La situazione delle donne trans che decidono di gareggiare negli sport del sesso in cui si riconoscono, non è così semplice. Tuttavia, non è...
LGBT: dal coming out di Jake Daniels al braccialetto “pride” di Jacopo Guarnieri
Sport

LGBT: dal coming out di Jake Daniels al braccialetto “pride” di Jacopo Guarnieri

Due giorni fa abbiamo celebrato la giornata contro l'omobitransfobia, ricordando come le persone LGBT siano esattamente delle persone alla pari di quelle etero. Detto così, sembra un dettaglio piuttosto scontato, eppure per qualcuno non è ancora così. Per questo motivo, leggere delle scelte di persone importanti nello sport, come Jacopo Guarnieri e Jake Daniels, che scelgono di far sentire la propria voce e di lanciare un messaggio, ci lascia un sorriso sulle labbra, e ci fa avere speranza per il futuro. Josh Cavallo LGBT e sport spesso non vanno di pari passo, soprattutto se quello sport è il calcio. D'altronde, lo abbiamo visto anche con Joshua Cavallo, il primo calciatore in attività a fare coming out, che non si è limitato solo a questo: ad esempio, in occasione dei Mondiali a Q...
Marcell Jacobs al pronto soccorso: ha dovuto saltare la gara
Flash News

Marcell Jacobs al pronto soccorso: ha dovuto saltare la gara

Un problema gastrointestinale dell'ultimo minuto ha costretto l'oro olimpico Marcell Jacobs a dare forfait alla gara in Kenya, chiamata Kip Keino Classic e che si svolte a 1800 metri dal mare. Insieme a lui, c'era anche Filippo Tortu, anche lui oro olimpico all'ultima olimpiade. Marcell Jacobs «Marcell non potrà presentarsi ai blocchi di partenza oggi perché è ancora sotto osservazione al Pronto soccorso del Ruaraka Uhai Neema Hospital, gestito dalla Ong italiana World Friends. Ci teniamo a ringraziare lo staff e i medici, Gianfranco Morino e Washington Njogu, che sono stati molto attenti, cordiali e professionali con Marcell e con tutti noi. Ringraziamo anche il personale dell’Ambasciata d’Italia, in particolare il security officer, che ci hanno dato assistenza in tutta questa vic...
Essere una calciatrice in Italia sarà ufficialmente una professione
Sport

Essere una calciatrice in Italia sarà ufficialmente una professione

Meravigliosa notizia per le sportive e per il femminismo: essere una giocatrice di serie A nel calcio femminile sarà ufficialmente considerato come essere un'atleta professionista, e quindi potrà essere considerata a norma di legge una vera e propria professione, come già avviene nello sport maschile. Proprio mentre in molte cercano di far comprendere che il fatto che un figlio possa avere anche il cognome della madre non è una cosa negativa, abbiamo da festeggiare anche un'altra sconfitta del patriarcato: essere calciatrice è ufficialmente un lavoro. Nel 2022 ci sono ancora delle persone che sono convinte che ci siano sport da donna e sport da uomini (o, in generale, cose da uomini o cose da donne). Calcio, basket, rugby, sono degli sport da uomini. Ginnastica artistica, ritmica, ...
Boris Johnson contro le donne trans negli sport femminili
Sport

Boris Johnson contro le donne trans negli sport femminili

Si parla di molto spesso delle donne trans che gareggiano negli sport con donne cisgender. A volte non sono neanche donne, ma bambine. L'opinione di Donald Trump o di molti governatori negli Stati Uniti, così come quella dei senatori italiani, la sappiamo molto bene, ma adesso si è espresso anche Boris Johnson, che ha quindi giustificato anche la sua scelta di escludere le persone trans dal divieto alle barbarie delle terapie di conversione. Fonte foto: La Repubblica Facciamo un passo indietro. La situazione delle donne trans che decidono di gareggiare negli sport del sesso in cui si riconoscono, non è così semplice. Tuttavia, non è una scelta che si può fare per ideologia. Sono le stesse competizioni che stabiliscono un regolamento per decidere quando può e quando non può una perso...
Kateryna Monzul: l’arbitra ucraina dirigerà la femminile di serie A Inter-Sampdoria
Sport, Ucraina News

Kateryna Monzul: l’arbitra ucraina dirigerà la femminile di serie A Inter-Sampdoria

Domani, domenica 20 marzo, l'arbitra Kateryna Monzul dirigerà la partita di serie A fra Inter e Sampdoria, alle 14:30 al centro sportivo Giacinto Facchetti di Milano. Sarà la prima esperienza in un campo italiano per l'arbitra che è scappata dalla guerra ed è stata accolta nel nostro Bel Paese con molto piacere da parte della FIGC. Kateryna Monzul è un'arbitra molto famosa e questa non sarà la sua prima partita importante. Ha infatti diretto diverse gare di Europa League sia a livello del calcio maschile, che femminile. JUANMA - UEFA / GETTY IMAGES Molte volte, forse troppe, se si pensa a un ufficiale di campo, si pensa a un uomo, sia a livello di calcio, che di basket, che di tanti altri sport. Tuttavia, le donne con una passione non si fanno intimorire e continuano con la propria ...
Guerra in Ucraina: da cosa sono stati bannati i russi
Economia e finanza, Ucraina News

Guerra in Ucraina: da cosa sono stati bannati i russi

La guerra in Ucraina sta distruggendo le vite di tantissime persone (ucraine come russe) da ormai una settimana. Più di un milione di persone sono scappate dal Paese, raggiungendo i confini più sicuri. Intanto, in Russia, ci sono manifestazioni contro Putin, tanti arresti ma anche tantissime aziende che hanno deciso di non continuare a lavorare nel Paese. Chi non apre i negozi (parliamo di grandi aziende, ovviamente), chi decide di escludere da competizioni o eventi, chi semplicemente elimina qualsiasi cosa russa. Di recente si è parlato molto della storia che ha coinvolto l'università di Milano Bicocca, che aveva deciso di rinviare un corso su Dostoevskij, scrittore russo morto nell'Ottocento, tenuto dallo scritto Paolo Nori, che subito ha denunciato la situazione. «Ho ricevuto q...
Greta Baccaglia: identificato il molestatore
Sport

Greta Baccaglia: identificato il molestatore

Identificato il molestatore di Greta Beccaglia, la giornalista molestata mentre faceva una diretta alla fine di una partita di calcio in Toscana. Un uomo le si è avvicinato e le ha toccato il sedere, mentre altri le hanno detto altre cose e, come raccontato da lei stessa, un altro le ha toccato le parti intime. Greta stava solo lavorando, stava seguendo il suo sogno, e non è possibile, non è accettabile, che accada una cosa del genere. Soprattutto mentre in campo tutti i giocatori avevano disegnato una striscia rossa per la giornata contro la violenza sulle donne. «Quando sono uscita hanno iniziato a urlarmi cose non carine mentre io ero a lavoro, mentre ero in diretta e uno si è anche permesso di tirarmi uno schiaffo sul culo. Questa è una cosa inaccettabile, soprattutto nel 2021,...
Joshua Cavallo è il primo calciatore in attività a fare coming out
Sport

Joshua Cavallo è il primo calciatore in attività a fare coming out

Che il mondo del calcio sia popolato da tantissimi uomini bigotti, omofobi e sessisti, non è una novità. Ma lo è il fatto che Joshua Cavallo, un calciatore professionista di 21 anni che gioca nell'Adelaide United, ha trovato il coraggio per essere una luce in mezzo all'oscurità, facendo coming out. Sì, parliamo proprio di coraggio, perché sappiamo quanto tossico sia lo sport più seguito al mondo e abbiamo visto con i nostri stessi occhi la reazione di tantissimi tifosi che, nel 2021, ancora ritengono che la bravura di un calciatore sia dovuta a quante donne si porta a letto. Joshua CavalloFonte: Virgilio Sport Joshua Cavallo con il suo coming out non ha fatto notizia solo perché omosessuale. Oggi tantissime persone riescono a trovare la forza di mostrarsi per quel che sono davvero....