Tag: salvini

Il Vaticano stringe la mano a Salvini e Orbán
News dal mondo

Il Vaticano stringe la mano a Salvini e Orbán

Per ogni volta che Papa Francesco si dimostra diverso e soprattutto di amare tutte le persone a prescindere dal loro orientamento sessuale, il Vaticano decide di tagliargli le ali e fargli fare o dire qualcosa che va contro la comunità LGBT. Come quando ha detto di amare i figli omosessuali così come sono, e poi il Vaticano ha voluto far sapere di essere contrario al DDL Zan come se l'Italia non fosse uno stato laico in cui la Chiesa cattolica c'entra poco e niente. Questa volta gli hanno fatto stringere la mano al più omofobo ed estremista d'Europa, Viktor Orbán e al leghista Matteo Salvini, che va dove vola il vento. Fonte: Twitter Se pensiamo al Vaticano e alla comunità LGBT ci viene subito da pensare alle orribili parole pronunciate da Papa Wojtyla che, nel 2000 in seguito a un ...
Le fake news su Facebook hanno 6 volte più interazioni delle notizie certificate
Opinioni attuali

Le fake news su Facebook hanno 6 volte più interazioni delle notizie certificate

Uno studio sul comportamento degli utenti di Facebook nel periodo delle elezioni del 2020, condiviso dal Washington Post, ha dimostrato che durante i mesi che vanno da agosto 2020 a gennaio 2021 è aumentato il numero di interazioni e condivisioni di fake news sul social network di Mark Zuckerberg, che più volte ha detto di lottare per eliminare completamente queste dalla propria piattaforma, ma sembra che sia una lotta fin troppo difficile, poiché i risultati dimostrano che sono 6 volte maggiori le condivisioni di fake news. Fonte: Pinterest Internet, i social, sono delle piattaforme che hanno completamente cambiato il nostro modo di vivere e di leggere la notizia. Titoli clickbait creati solo per far aprire un link a un utente, oppure titoli sconvolgenti che sembrano spiegare tutto...
DDL Zan: da Salvini, a De Luca, Sclavi
News dal mondo

DDL Zan: da Salvini, a De Luca, Sclavi

Siamo quasi a settembre, per cui si ricomincia a parlare del DDL Zan dopo una pausa di un mese (per cui dobbiamo ringraziare Italia Viva che ha deciso di corteggiare la Lega e la destra in generale). Nel mese che verrà speriamo di poter chiudere definitivamente questa storia, e di poterlo fare a testa alta, potendo essere fieri della nostra Italia. Intanto, però, le opinioni a riguardo continuano a essere negative, da Matteo Salvini che continua con la storia della "famiglia", a Vincenzo De Luca che si ritiene contro la giornata contro l'omotransfobia, a Fabrizio Sclavi che ritiene che il DDL Zan non sia necessario. A luglio abbiamo seguito con tanta attenzione gli interventi durante le sedute in aula per decidere cosa fare con il DDL Zan, e ne abbiamo sentite di tutti i colori, dalla ...
Durigon si è dimesso: concluso il caso Latina
News dal mondo

Durigon si è dimesso: concluso il caso Latina

Finalmente possiamo dare una buona notizia: il sottosegretario Claudio Durigon, leghista che aveva proposto di revocare il nome della piazza Falcone-Borsellino di Latina per inserire nuovamente quello originale, ovvero ad Arnaldo Mussolini, fratello minore di Benito Mussolini, si è dimesso. Il caso ovviamente ha fatto tanto scalpore e infatti sono stati in tanti, dai civili ai colleghi politici, a chiedere le dimissioni del leghista. Dopo quasi tre settimane, finalmente sono arrivate e possiamo dire ufficialmente concluso questo triste capitolo del 2021. Ma non dimentichiamo comunque chi è che lo ha sostenuto fino alla fine. «Questa è la storia di Latina, la storia che qualcuno ha voluto anche cancellare con quel cambio di nome a quel nostro parco, che deve tornare a essere quel parco ...
Leo Battaglia, il leghista nemico dell’ambiente
Opinioni attuali

Leo Battaglia, il leghista nemico dell’ambiente

Chi è Leo Battaglia? Leo Battaglia è un agente immobiliare di Castrovillari, candidato della Lega alle regionali del 3 e 4 ottobre che ha avuto la splendida idea di lanciare da un elicottero un involucro in plastica con all'interno una mascherina e il volantino con il suo nome, il logo del partito e la scritta "omaggio". Tralasciando il fatto che sembra quasi una corruzione, il gesto è pessimo per il nostro ambiente. Una persona che ama la Calabria che già sta bruciando per i troppi incendi non avrebbe neanche dovuto pensare di buttare così tanta spazzatura per strada, nel mare e sulle spiagge. Foto di un utente su Facebook Perché, in fin dei conti, il gesto di Leo Battaglia possiamo proprio paragonarlo a quelle persone che invece di trovare un cestino e tenere la spazzatura in mano...
Salvini non vuole accogliere i rifugiati politici: «l’Italia non può accogliere altre migliaia di migranti»
Vip news, News dal mondo

Salvini non vuole accogliere i rifugiati politici: «l’Italia non può accogliere altre migliaia di migranti»

Si passa da un Matteo all'altro. Qualche giorno fa a essere in tendenza su Twitter era #RenziFaiSchifo, oggi invece ci siamo svegliati con un #SalviniFaiSchifo. Cos'ha fatto questa volta il leader della Lega Matteo Salvini? Niente di nuovo, in realtà. Si è dimostrato per il solito incoerente che va dove lo portano le onde dei voti e dei consensi. Il 15 agosto chiedeva di salvare le donne e i bambini afghani, ieri ha aggiunto di accogliere chi ha collaborato con l'Italia, per poi mettersi come al solito a fare la vittima (sempre incoerente), oggi invece scrive di aprire le porte solo per donne e bambini, ma ieri ha scritto solo «qualche decina». Sono giorni che parliamo di quel che sta avvenendo in Afghanistan. Sono giorni che cerchiamo di informare e sensibilizzare nel nostro piccolo. ...
Afghanistan: ultime news e i messaggi dalla politica italiana
News dal mondo

Afghanistan: ultime news e i messaggi dalla politica italiana

La situazione in Afghanistan è tragica e per questo ci rattrista vedere quanto molte persone continuino a ignorare quel che sta succedendo proprio in questo momento. Noi vi abbiamo già cercato di raccontare cosa stanno passando tutte quelle persone, così come abbiamo cercato di spiegarvi chi sono i talebani e soprattutto come aiutare le persone afghane in questa circostanza, tuttavia adesso vediamo anche le dichiarazioni dei nostri politici. Cosa stanno dicendo e soprattutto cosa stanno proponendo di fare per migliorare la situazione? Prima di ciò vi aggiorniamo sulle ultime news. Nell'articolo precedente ci siamo fermati a quando è stato proclamato Emirato islamico dell'Afghanistan, con la dichiarazione di un miliziano che ha affermato dal palazzo presidenziale che «il nostro Paese è ...
Renzi è con Salvini su Durigon: «No alla sfiducia»
News dal mondo

Renzi è con Salvini su Durigon: «No alla sfiducia»

Matteo Renzi continua a sostenere Matteo Salvini. Prima ha contribuito al suo ritorno al Governo facendo cadere il Governo Conte, poi lo ha sostenuto contro il DDL Zan cambiando idea proprio all'ultimo, e adesso ha deciso di difenderlo persino sul fronte Durigon. Perché, insomma, è normale affermare di voler rinominare un parco che ha i nomi di due giudici che hanno lottato e sono morti a causa della mafia con il nome di uno la cui unica onorificenza è stata quella di essere il fratello di un dittatore che ha portato alla morte centinaia di italiani. Tutto normale. Fonte: Twitter Se vi siete persi l'ultima della Lega, ve la riassumiamo in breve (oppure trovate tutta la storia qui). «Questa è la storia di Latina, la storia che qualcuno ha voluto anche cancellare con quel cambio di n...
Andrea Santucci, ex consigliere leghista: «Farei intitolare piazza a Hitler»
News dal mondo

Andrea Santucci, ex consigliere leghista: «Farei intitolare piazza a Hitler»

Sulla scia dell'ex collega Durigon, anche Andrea Santucci vorrebbe non dimenticare la storia e commemorare Hitler invece che i Partigiani nel piazzale di Roma Ostiense. Quello che però i leghisti non comprendono è che un conto è dimenticare e rinnegare la storia, un altro è studiare la storia e decidere da quale parte schierarsi, ovvero non quella di chi ha ucciso migliaia di persone, tra cui anche i bambini, solo perché ebrei. Tuttavia, nonostante con Durigon la Lega non si sia minimamente espressa, per Santucci hanno già risposto e si sono distaccati. Evidentemente osannare Mussolini va bene, ma Hitler no. Andrea Santucci Non è proprio un periodo d'oro per la Lega di Matteo Salvini. A parte i sondaggi e il consenso generale da quando ha deciso di entrare al governo, da quando il s...
I Maneskin vincono l’Eurovision: Italia sul primo gradino del podio dopo 30 anni
Vip news

I Maneskin vincono l’Eurovision: Italia sul primo gradino del podio dopo 30 anni

Dalle strade di Roma al gradino più alto del podio, la storia dei Maneskin è la storia di un sogno che si realizza, di una band italiana che parte dal suonare per strada e finisce per arrivare secondi a X-Factor, primi a Sanremo e poi all'Eurovision Song Contest, il programma televisivo più longevo di sempre, che va di pari passo con la nascita dell'Unione europea di radiodiffusione. Nel 1956 si è tenuta la prima edizione, ma l'Italia è riuscita a vincere solo tre volte: con Gigliola Cinquetti, con Toto Cotugno e, dopo 31 anni, i Maneskin. Fonte: Instagram «Dalle strade di Roma, al grande palcoscenico dell'Eurovision. È incredibile ed è tutto grazie a voi», hanno scritto i Maneskin su Instagram due giorni fa, allegando una foto di quando ancora si esibivano per strada, nel 2016, in...