Tag: influencer

FaceApp e le altre app che hanno rovinato la vita degli adolescenti
Beauty e benessere, Opinioni attuali

FaceApp e le altre app che hanno rovinato la vita degli adolescenti

Ieri ho scoperto che FaceApp non è solo un'applicazione in cui puoi renderti più vecchio o addirittura del sesso opposto, bensì puoi anche creare un make up degno di una make up artist e che ti cambia completamente i connotati. L'ho provato su me stessa, in una foto in cui non indossavo un filo di trucco, e sono rimasta sconvolta dal risultato, da come io fossi omologata alla bellezza che le influencer del calibro di Kylie Jenner fanno passare per unica. Tuttavia basta aprire i profili di più influencer per renderci conto di quanto siano divenute tutte uguali e, soprattutto, irreali. Le ragazzine che utilizzano i social questo devono comprenderlo. Questa è la mia foto originale La bellezza che vediamo sui social non è sempre reale. Spesso è frutto di pose, di luce, di make up, ma so...
Stormi, la figlia di 3 anni di Kylie Jenner, potrebbe lanciare un suo brand
Vip news

Stormi, la figlia di 3 anni di Kylie Jenner, potrebbe lanciare un suo brand

È piccola, è carina ed è una delle baby influencer più popolari al mondo. Stiamo ovviamente parlando di Stormi Webster, figlia dell'influencer Kylie Jenner e del rapper Travis Scott, che sembrerebbe star per lanciare un suo brand personale. Sì, a 3 anni. Ma, d'altronde, i tempi sono cambiati e ovviamente la madre vuole dare subito un futuro alla figlia e, considerando che lei lavora con il make up oltre che con i social, è ovviamente l'eredità più semplice da lasciare alla giovanissima figlia. Perché si pensa che Kylie abbia in progetto di lanciare un brand con il nome della figlia? Tutto è iniziato con il secondo episodio della sua serie Youtube Kylie Cosmetics, che ripercorre proprio la nascita e l'ascesa del brand di bellezza di Kylie prima del rilancio e rebrand di Kylie Cosmetics...
Quando dai troppo potere alle influencer sbagliate: la storia di Imen Jane con Francesca Mapelli
Opinioni attuali, Vip news

Quando dai troppo potere alle influencer sbagliate: la storia di Imen Jane con Francesca Mapelli

Abbiamo perdonato Imen Jane per aver finto di essere laureata, ma nel momento in cui manchi gravemente di rispetto a una ragazza che sta semplicemente lavorando credendoti superiore a lei solo perché hai un seguito sui social network, dimostri solamente di essere una persona vuota che non riesce a sfruttare al meglio quel che ha. L'influencer divenuta famosa per le sue spiegazioni sull'economia avrebbe potuto dare una grande lezione su come i giovani vengano sfruttati e invece ha deciso di essere una snob classista e anche una bulla. La ragazza si è scusata, ma ha subito cancellato le storie. Imen Jane si trovava a Palermo insieme a Francesca Mapelli e, al momento, l'unica cosa buona e giusta che hanno fatto è stato aiutare a pulire le spiagge insieme all'associazione plasticfreeit...
Secondo Damiano Er Faina il catcalling è un complimento
Opinioni attuali

Secondo Damiano Er Faina il catcalling è un complimento

Non ci dovremmo neanche stupire più di tanto considerando il soggetto, Damiano Er Faina non si meriterebbe neanche un articolo dedicato solo per una storia, tuttavia ritengo che la situazione sia più grave del previsto. Cari uomini che ancora non lo hanno compreso, ripetiamolo insieme: fischiare a una donna come se fosse un cane, non è un complimento. Urlare dei "complimenti" per strada come se foste al mercato della frutta, non è un complimento. Siamo nel 2021 e non ci dovrebbe neanche essere bisogno di scrivere una cosa del genere, ma purtroppo è necessario. Fonte: pinterest Le storie di Damiano Er Faina Prima di far comprendere perché il catcalling è completamente sbagliato, è una molestia e non è assolutamente per alcuna ragione al mondo un complimento, vediamo la storia di D...
Quanto guadagna un influencer?
Curiosità

Quanto guadagna un influencer?

Quanto guadagna un influencer? Da quando è nata questa nuova figura lavorativa, le critiche sono volate. Da chi sostiene che non possa essere un lavoro (perché è noto che un lavoro devi odiarlo e non può essere così semplice), a chi li chiama nullafacenti solo perché hanno un lavoro fuori dal comune o semplicemente perché si sono creati il proprio mestiere. Prima degli influencer c'erano gli youtuber e insieme agli influencer ci sono i tiktoker, di cui abbiamo già parlato in un precedente articolo. In realtà, sfatiamo questo mito: non è una passeggiata essere un influencer. Non è ovviamente complesso e stancante questo fare il muratore, ma anche essere influencer ha il suo perché. Non sempre hai voglia di sistemarti e scattarti una foto, non sempre hai voglia di fotografare tutto quello...
Baby influencer: la bufera sui social network
Opinioni attuali

Baby influencer: la bufera sui social network

I social sono stati sotto accusa negli ultimi giorni, da quando una bambina di 10 anni è morta, secondo alcuni, a causa di una challenge su Tiktok, poi un'adolescente è scappata sempre con una amica conosciuta sullo stesso social. Tuttavia, poi sono state messe sotto i riflettori le cosiddette baby influencer, quelle bambine che spesso vengono spronate dalla loro stessa madre a posare in prove succinte per ottenere dei likes e dei followers su Instagram. Il caso che più ha fatto scalpore fra le baby influencer e di cui ha parlato anche Selvaggia Lucarelli è stato quello di Benny G., ma come lei ci sono anche tante altre bambine che vengono sessualizzate, anzi, anche più di lei. Benny G., se la cerchiamo su Google, è una cantante neomelodica. Tuttavia, quello che fa molto contestare,...
16enne scappa da casa con un’amica conosciuta su Tiktok (che noi conosciamo già)
News dal mondo

16enne scappa da casa con un’amica conosciuta su Tiktok (che noi conosciamo già)

Tiktok di nuovo nel mirino dei media: dopo, secondo alcune ipotesi azzardate dalle testate, aver portato al suicidio con una challenge mortale una bambina di 10 anni, ha permesso a una 16enne, Selena Jennifer Castillo, di conoscere la ragazza, sua coetanea, con cui sarebbe scappata il 16 gennaio, giorno in cui ha lasciato un biglietto alla madre, una chiamata al fratello. Non si avrebbero più sue notizie da quel giorno, sebbene stia continuando a caricare dei brevi video sul social tramite il tablet del fratello. «Mami scusami, ma non mi sento tanto bene. Starò bene o da papi o da un’amica. Appena trovo un telefono ti chiamo. Scusami, ti amo», ha scritto la 16enne alla madre su un bigliettino, per poi sparire. Il padre, a "La Nazione", ha raccontato che «sabato ha telefonato al frat...
Quali sono stati i post con più like su Instagram nel 2020?
Curiosità

Quali sono stati i post con più like su Instagram nel 2020?

Sì, la dobbiamo smettere di pensare al 2020, un anno completamente da dimenticare. Ma, in fin dei conti, se non si pensa alle tragedie o al virus, non è poi così male pensare all'anno appena passato, giusto? Per cui pensiamo a cose più leggere e superficiali, come ad esempio le foto dei nostri cari influencer che hanno ricevuto più likes su Instagram. Scopriamole insieme. Instagram: i 10 post con più likes nel 2020 Lo scorso anno è stato molto particolare, fra matrimoni, gravidanze e morti, e anche molti dei post che hanno ricevuto più likes raccontano esattamente queste tre cose. Alcuni sono delle stesse persone, come ad esempio Kyle Jenner che occupa quattro posti della classifica o Cristiano Ronaldo che ne guadagna invece due. Ma, senza perdere altro tempo, vediamo subito la classific...
Com’è cambiato il giornalismo con i social network?
Opinioni attuali

Com’è cambiato il giornalismo con i social network?

Oggi voglio fare una piccola considerazione, non è un attacco personale mirato a qualcuno di specifico, ma più una riflessione, spesso indirizzata anche a me. Un tempo se facevi il giornalista eri una persona forte, qualcuno che dice sempre la verità e che si schiera. Qualcuno che non ha paura di inserire il proprio nome sotto una serie di considerazione. Oggi, invece, essere giornalista significa anche scrivere un articolo su quale personaggio di Spongebob ti rappresenta. Complice la globalizzazione come anche l'uso dei social network, oggi non ci vuole niente a essere un blogger o un giornalista. Insomma, anche io, un giorno mi sono svegliata e ho detto voglio creare un blog per esprimere le mie idee e le mie opinioni, per informare le persone su quello che accade nel mondo cercando d...
Tiktok e la lotta ai sex workers (o a chiunque usi OnlyFans)
Vip news

Tiktok e la lotta ai sex workers (o a chiunque usi OnlyFans)

Noi abbiamo già parlato di OnlyFans e abbiamo compreso come sia utilizzato sia da chi ci pubblica i propri nudes e lo utilizzi in quanto sex worker, sia da chi semplicemente ci pubblica la propria arte. Tuttavia, per TikTok chiunque utilizzi un link di OnlyFans nel proprio profilo viola le policy a prescindere e quindi il proprio account viene bannato direttamente, senza alcun preavviso. Per TikTok, chi utilizza OnlyFans è un sex worker per cui il suo link non può essere spammato sulla piattaforma in alcun modo, neanche tramite linktree che, ad esempio, consente di inserire in un link più link e quindi invece di promuovere solo un profilo tra Twitter o Instagram, si potevano promuovere entrambi per spostare il traffico di TikTok il cui algoritmo spesso consente di essere più visibili risp...