Tag: suicidio

Sara Pedri: la perizia psichiatrica conferma il mobbing
News dal mondo

Sara Pedri: la perizia psichiatrica conferma il mobbing

La tragedia di Sara Pedri ha colpito tutta Italia e, ancora oggi, si spera che possa riuscire a ottenere la giustizia che merita. Aveva 32 anni quando il 4 marzo dello scorso anno è scomparsa da Cles (Trentino). Subito i genitori hanno denunciato la situazione di mobbing a cui loro figlia, e non solo, era sottoposta da quando lavorava nel reparto di ginecologia dell’ospedale Santa Chiara di Trento. Proprio in seguito a ciò, l'ex primario di Ginecologia dell’ospedale dove lavorava Sara, Saverio Tateo, è stato licenziato. Sara Pedri Il caso di Sara Pedri ha evidenziato un grave problema di mobbing che da anni veniva praticato nell'ospedale dove la giovane ginecologa lavorava. Il mobbing, per chi non lo sapesse, è una serie di comportamenti aggressivi subiti da un lavoratore da parte d...
Dazhariaa Quint Noyes, tiktoker suicida a 18 anni
Vip news

Dazhariaa Quint Noyes, tiktoker suicida a 18 anni

Nelle ultime ore si parla della tiktoker morta: si chiamava Dazhariaa Quin Noyes, aveva 18 anni, uno splendido sorriso, 1 milione di followers su Tiktok e 189k su Instagram. Dai suoi fan si faceva chiamare Dee e, sul social dove si postano le foto e gli aggiornamenti, il suo nomignolo è accompagnato da un emoji triste e un cuore nero. In tutte le foto sorride, o ha un'espressione serena, nessuno, neanche i genitori, sono riusciti a credere alla morte della giovanissima figlia. Purtroppo la depressione non lascia scampo, ti colpisce e non sempre permette a chi ti ama di salvarti. «Vi sto infastidendo, questo sarà il mio ultimo post», queste sono le ultime parole che la giovane tiktoker morta a 18 anni ha rivolto ai suoi followers prima di suicidarsi, impiccandosi. È morta l'8 febbrai...
Palermo, bambina morta per una challenge su Tiktok (o forse no)
News dal mondo

Palermo, bambina morta per una challenge su Tiktok (o forse no)

Una bambina di 10 anni di Palermo è morta nelle ultime ore, soffocata dalla cinta dell'accappatoio. Di questa tragedia ancora non ci sono certezze, ma sul web e in varie testate le colpe sono ricadute su Tiktok, ultima applicazione utilizzata dalla bambina. Si parla di Hanging o Blackout Challenge ma, potete cercare voi stessi, sul social non risulta esserci nulla di minimamente pericoloso. Negli articoli che leggiamo online sulla bambina di 10 anni, le testate ci fanno sapere che queste challenge consistono nel soffocamento, sono delle sfide di resistenza in cui i ragazzi si strangolano con una cintura e cercano di capire fino a quanto resistono. Ma, facendo una brevissima ricerca, ci si rende conto che, in realtà, questa ipotetica challenge non esiste, o meglio le challenge ci son...
Mistero sulla morte di Tiziana Cantone: si è davvero suicidata?
News dal mondo

Mistero sulla morte di Tiziana Cantone: si è davvero suicidata?

Sono ormai passati quattro anni da quando Tiziana Cantone, a causa del revenge porn e del conseguente odio che stava ricevendo online e nella sua vita reale, si è tolta la vita, ma ci sono ancora dei dubbi sul suo caso. In primis: perché il suo iPad e il suo smartphone sembrano essere completamente ripuliti, come se non li avesse mai usati? In secundis: come ha fatto una pashmina a creare un solco di 2.5 cm sul suo collo? La madre chiede che sia riesumata per procedere con un'autopsia. Quello che è successo a Tiziana Cantone si sarebbe potuto evitare. Si sarebbe potuto evitare con una mentalità superiore, con più consapevolezza (se fosse successo oggi le persone non avrebbero reagito così) di chi è la vittima, con la legge sul revenge porn che oggi abbiamo ma che 4 anni fa era solo un'u...
Frasi da non dire a una persona che soffre di depressione
Consigli

Frasi da non dire a una persona che soffre di depressione

Sebbene ormai i disturbi mentali siano, non solo frequenti, ma neanche più un tabù, spesso si tende a rivolgersi in modo completamente sbagliato nei confronti di una persona che soffre di depressione, di ansia o anche di anoressia.  Molte volte non lo si fa neanche con cattiveria, ma semplicemente si sottovalutano le parole e soprattutto le conseguenze che possono avere su una persona. Questo, tra l'altro, è un discorso che può valere anche con il bullismo o il cyberbullismo. Può capire che delle cose non vengano dette con cattiveria ma che, in ogni caso, vengano percepite in modo molto negativo e feriscano la persona interessata. Perciò bisognerebbe sempre fare attenzione e porsi due domande prima di inviare un messaggio o aprire bocca, perché non sai mai come quella persona potrebbe rea...
Jonathan Galindo: un undicenne di Napoli è la sua ultima vittima
News dal mondo

Jonathan Galindo: un undicenne di Napoli è la sua ultima vittima

È la Blue Whale, lo Slenderman, la Momo, del 2020, il fenomeno Jonathan Galindo terrorizza i social con messaggi, foto e sfide che, come con quella precedente, portano all'autolesionismo e al suicidio. Apparentemente, un bambino di Napoli di 11 anni si sarebbe ucciso lanciandosi dal balcone proprio per «seguire l’uomo nero col cappuccio». La polizia sta indagando sul caso per istigazione al suicidio. Non si sa con precisione se sia proprio Jonathan Galindo (o colui che si trova dietro i numerosi profili con il creepy Pluto) o qualche altra challenge, ma quello che si sa è che l'undicenne era terrorizzato ed è stato spinto al suicidio da un'altra persona. Si pensa anche che possa essere una persona che, per divertimento, porti i bambini e gli adolescenti al suicidio tramite il web. Prima ...
10 settembre, giornata per la prevenzione del suicidio: chi ti sta intorno è felice?
Curiosità

10 settembre, giornata per la prevenzione del suicidio: chi ti sta intorno è felice?

«Ogni anno 800,000 persone si suicidano e circa 20 milioni tentano il suicidio», così si legge sul sito dell'Onu Italia, ed è per quelle persone, che siano amici, fidanzati, parenti o semplicemente sconosciuti, che è stato scelto il 10 settembre come giornata per la prevenzione del suicidio, in cui più di 100 paesi organizzeranno degli eventi per cercare di sensibilizzare. Tuttavia, bisognerebbe sensibilizzare sulla prevenzione del suicidio, ogni giorno, perché non importa se le persone che vediamo intorno sono sorridenti, sembrano allegre, sembrano avere una vita perfetta, noi non possiamo sapere se lo siano effettivamente, o se stiano solamente fingendo. Spesso si mente per evitare domande, altre volte perché ci si vergogna di ciò che si prova, altre ancora perché si ha paura di venire ...