Joseph Russo: arrestato dopo aver commesso tre crimini d’odio contro gli asiatici in un mese

Condividi

Qualche settimana fa abbiamo parlato per la prima volta di asian hate, dell’odio nei confronti delle persone asiatiche che, anche a causa del Covid-19, è aumentato notevolmente, negli Stati Uniti come nel mondo interno, tuttavia, nonostante il discorso di Joe Biden, non è minimamente diminuito. Negli ultimi giorni Joseph Russo, un 28enne di Brooklyn, è stato arrestato e accusato di aver commesso una serie di crimini d’odio nei confronti delle persone asiatiche.

joseph-russo-asian-hate
Fonte: Grace Meng su Twitter

Il mondo non potrebbe andare peggio. La Turchia esce dalla convenzione di Istanbul che protegge le donne dalla violenza domestica ed Erdogan non dà una sedia alla Presidente della Commissione europea Von der Leyen, nascondendosi dietro le norme anti-Covid-19. La Polonia vieta l’aborto e gli omosessuali non sono considerati come delle persone, bensì come un’ideologia. L’Ungheria vieta le transizioni alle persone transgender e l’unica famiglia legale è quella eterosessuale. Ma non solo.

Proprio negli ultimi giorni in Italia è venuta fuori la storia di Malika, una ragazza di 22 anni che è stata cacciata da casa e minacciata di morte dalla propria madre e dalla propria famiglia solo perché ha fatto coming out, confessando di essere innamorata di una ragazza. E il DDL Zan continua a essere rimandato con scuse e scuse di un Presidente che, nonostante i voti del Parlamento, si rifiuta di far votare anche il Senato perché il suo partito ha votato contro. E io parlo delle situazioni più vicine a noi, perché in altri posti del mondo stanno anche peggio.

In questo mondo pieno di odio, si aggiunge anche quello nei confronti delle persone asiatiche e passa completamente inosservato. Quando fai notare che l’asian hate è aumentato notevolmente negli ultimi mesi, molti ti rispondono che «sì, ma anche i bianchi sono vittime di razzismo in Africa» o ancora «tutti sono vittime di razzismo non dobbiamo preoccuparci solo degli asiatici» come se davvero potessimo permetterci di paragonare il razzismo nei confronti dei bianchi con quello sui neri e sugli asiatici.

Joseph Russo arrestato per crimini d’odio contro gli asiatici

Ma, finita questa premessa, passiamo subito al topic dell’articolo: Joseph Russo, un 28enne di Brooklyn, New York, è stato arrestato all’inizio di questa settimana con diverse accuse, 23 precisamente, che vanno dall’aggressione e negligenza criminale come crimine d’odio, ad alcune minori come minaccia e molestia. Le accuse verso Joseph Russo derivano da tre incidenti nei confronti di newyorkesi asiatici tutti fatti nell’ultimo mese, come spiega il Dipartimento di Polizia di New York.

Fonte: Frances Wang su Twitter

Il primo incidente è stato il 5 marzo. Joseph Russo ha spinto una donna asiatica di 64 anni a terra, ferendola nel lato sinistro del corpo. Poi, come se nulla fosse, Joseph Russo ha continuato a camminare tranquillamente, come se non fosse successo nulla. Il 22 marzo, invece, ha tirato i capelli a una donna asiatica di 32 anni, «causando dolore alla testa e al collo». La polizia ha anche fatto sapere che «non si sono scambiati parole durante l’incidente e nessuna proprietà è stata rimossa». Quindi non è un ladro, ma solo un razzista.

Infine, l’ultimo crimine di Joseph Russo è stato lunedì scorso, quando ha spintonato a terra un uomo asiatico di 77 anni, di fronte a un supermercato di Sheepshead Bay, sempre a Brooklyn. Anche in questo caso, ha spinto, non ha detto nulla, e se n’è andato. La polizia, come fa sapere la CNN, ha detto che la vittima «anche se ha riportato lividi al braccio sinistro, ha rifiutato l’assistenza medica».

Sempre la CNN informa che inizialmente Joseph Russo era stato arrestato con l’accusa di droga e la polizia aveva infatti trovato dei residui di cocaina e crack, con i vari attrezzi per drogarsi. Al momento l’uomo 28enne è trattenuto nella contea di Kings con una cauzione di $100,000. I residenti hanno detto alla CBS2, una stazione televisiva, che sono sorpresi dei luoghi degli attacchi, tuttavia non sono minimamenti stupiti della loro esistenza. Wai Lau, fa sapere sempre la CBS2, non vuole prendere il treno e andare a Manhattan proprio perché ha paura del razzismo verso gli asiatici.

joseph-russo-asian-hate
Fonte: Frances Wang su Twitter

Dal 1 gennaio al 28 marzo 2021 ci sono stati 31 crimini anti asiatici, con i dati forniti dal dipartimento di polizia di New York. Nello stesso periodo dello scorso anno, ce ne sono stati zero, e questo è un dato fin troppo significativo poiché ci dimostra che il Covid-19 non solo miete vittime per il virus, ma anche per l’ignoranza che porta le persone a pensare che è colpa degli asiatici. E questo è anche colpa dei politici che hanno fatto pensare, tramite fake news, che il coronavirus sia stato creato in un laboratorio in Cina.

Autore

  • Giulia, 22 anni, blogger. Amo scrivere, leggere, guardare serie tv e anime, i gatti e seguire le giuste polemiche. Instagram: @murderskitty

close

Non perderti le nostre news!

Non inviamo spam! Leggi la nostra Informativa sulla privacy per avere maggiori informazioni.

Previous post Denise Pipitone: gli errori nel caso
Next post Cosa sta succedendo a Myanmar?