#6 – Impariamo il polacco: gli avverbi

Condividi

In questa cocente giornata dell’ultimo giorno d’agosto, ci mettiamo a imparare gli avverbi e gli aggettivi numerali in polacco, per la nostra rubrica quotidiana di Impariamo il polacco. La scorsa settimana ci siamo immersi in alcuni termini del glossario che potrebbero esservi utili in un viaggio o anche se decideste di frequentare l’Erasmus+ in Polonia.

Questa settimana tocca invece agli avverbi, che, in italiano, sono relativamente semplici, o meglio lo sono per noi che con l’italiano siamo cresciuti. Nella nostra lingua esistono diversi tipi di avverbi, ma quelli che tutti più conoscono sono sicuramente quelli che finiscono in -mente. Tuttavia, gli avverbi sono anche di tempo (ieri, oggi, domani,…) oppure di luogo (lì, qui, là,…) e anche opinativi (certo, no, chissà). Insomma, ve ne è una grande varietà!

In polacco, gli avverbi possono formarsi in diversi modi, vediamoli subito insieme.

Per scrivere questa rubrica adopererò il libro “Impariamo il polacco, manuale per principianti” di Bartnicka Barbara della casa editrice Wiedza Powszechna.

Gli avverbi in polacco

Gli avverbi in polacco si formano aggiungendo il suffisso -o, -e, -ie al tema dell’aggettivo. Un esempio è ostatni, che vuol dire ultimo. Se volessimo dire ultimamente, quindi, aggiungeremmo la -o alla fine, ottenendo: ostatnio, ultimamente.

Ecco altri esempi:

  1. łatwy, facile: łatwo, facilmente
  2. dokładny, esatto: dokładnie, esattamente
  3. kulturalny, cultura: kulturalnie, culturalmente

Tuttavia, gli avverbi in polacco non si formano solamente dall’aggettivo, ma anche dai sostantivi. Ecco alcuni esempi:

  1. przypadek, caso: przypadkiem, per caso
  2. czas, tempo: czasami, a volte
  3. noc, notte: nocą, di notte

Altri avverbi invece sono a sé stanti, come gdzie, dove, nigdy, mai e kiedy, quando.

I gradi dell’avverbio

impariamo-il-polacco-avverbi
Fonte: Pinterest

La formazione del comparativo di maggioranza e minoranza e il superlativo è relativamente simile a quella dell’aggettivo che abbiamo già visto, per cui sarà più semplice ricordarla ma bisogna comunque fare attenzione a non confonderla.

Il comparativo di maggioranza, di minoranza e il superlativo degli avverbi si possono formare premettendo bardziej, più, mniej, meno per quanto riguarda il comparativo di maggioranza e minoranza, e naijbardziej, il più, najmniej, il meno, per quanto concerne il superlativo.

Ecco, anche in questo caso, degli esempi:

  • zimno, freddo:
    bardziej zimno, più freddamente
    mniej zimno, meno freddamente
    najbardziej zimno, freddissimamente
    naimniej zimno, il meno freddamente

Vediamo invece, adesso, il modo più comune per formare i gradi dell’avverbio, ovvero aggiungendo la terminazione -ej alla fine del termine per il comparativo e naj…ej per il superlativo:

głęboko, profondamente głębiej, più profondamente najgłębiej, profondissimamente
daleko, lontano dalej, più lontano najdalej, lontanissimo
dokładnie, esattamente dokłladniej, più esattamente najdokadniej, esattissimamente
impariamo-il-polacco-avverbi
Fonte: pinterest

Forme irregolari

Lo sappiamo benissimo che le regole più fastidiose quando stai cercando di imparare una nuova lingua, sono proprio le eccezioni o le forme irregolari, e questo perché non hanno una vera e propria regola grammaticale dietro che tu puoi capire e applicare, ma devi imparare questi termini così come sono, senza farti troppe domande. Per qualcuno è più semplice, ma per chi è dedito alle regole grammaticale e odia imparare le cose a memoria, sono la parte più complessa di una nuova grammatica.

E, chiaramente, la lingua polacca non fa eccezione, perché abbiamo già visto che se una cosa può essere complessa, i polacchi sono capaci di renderla ancora più complessa. Quindi ecco una tabella con alcune delle forme irregolari polacche:

dobrze, bene lepiej, meglio naijlepiej, benissimo/ottimamente
źle, male gorzej, peggio najgorzej, malissimo/pessimamente
wiele, molto więcej, più najwięcej, moltissimo
mało, poco mniej, meno najmniej, pochissimo
lekko, leggermente lżej, più leggermente najlżej, leggerissimamente
wysoko, in alto wyżej, più in alto najwyżej, molto in alto

 

Anche oggi abbiamo concluso questa lezione di Impariamo il polacco, sperando di aver davvero imparato qualcosa di questa fin troppo complessa lingua. La settimana prossima tratteremo degli aggettivi numerali.

Do następnego spotkania! (Alla prossima!)

Autore

  • Giulia, 22 anni, blogger. Amo scrivere, leggere, guardare serie tv e anime, i gatti e seguire le giuste polemiche. Instagram: @murderskitty

close

Non perderti le nostre news!

Non inviamo spam! Leggi la nostra Informativa sulla privacy per avere maggiori informazioni.