Relazioni a distanza: i pro e i contro delle storie d’amore di serie B

Condividi

A causa della quarantena, molti hanno sfiorato per due mesi l’ebbrezza delle relazioni a distanza, ma c’è chi vive una storia d’amore a km di distanza ogni giorno della sua vita, con la quarantena e senza quarantena. E io sono una di loro!

Durante i primi mesi in molti mi hanno detto «ma tu sei sempre a distanza, neanche la senti la mancanza». E io ero tipo il meme di Vault Boy di Fallout che dice “excuse me wtf”, perché, insomma, che significa? Solo perché ho una relazione a distanza non posso sentire la mancanza del mio ragazzo come te, perché io ci sono abituata?

Vi faccio un piccolo spoiler: non ti abitui mai alla mancanza del tuo ragazzo, anche se lo hai avuto sempre distante. Anzi, vi dirò, più passa il tempo, più state insieme, e più lui ti mancherà quando non sarete insieme. Semplicemente, chi ha una relazione a distanza ha le palle per affrontare tutto, poiché, per indole, ha tanta pazienza e il pensiero di stare insieme è più forte di quello di non vedersi.

Per cui, oggi voglio regalarvi qualche consiglio su come sopravvivere alle relazioni a distanza, all’assenza fisica del tuo partner, scoprendo i pro e i contro di queste relazioni che oggi, sebbene viviamo nell’epoca dei social e delle app di incontri, sono ancora viste come relazione di serie B.

Iniziamo con i contro, perché dopo una tempesta c’è sempre un arcobaleno.

Relazione a distanza: i contro

In molti si aspetteranno come contro qualcosa come “la distanza” o “la fiducia“: no, assolutamente no. Per mia esperienza personale, la cosa peggiore dell’avere una relazioni a distanza sono le persone che si intromettono nella tua relazione e, più in generale, nella tua vita. E vi spiego subito perché.

Se inizi una relazione a distanza, che inizi a distanza o che siate costretti con il tempo a stare a distanza, siete entrambi consapevoli che sarete distanti e che dovrete fidarvi l’un dell’altro, ma lo fate proprio perché sapete che, per quella persona, ne vale assolutamente la pena, perché è meglio averla a distanza che non averla affatto. Per cui mettere come contro questi due fattori, è una cavolata.

Tuttavia, le persone sono pesanti, in particolare quelle che magari hanno una cotta per te, o che vorrebbero qualcosa in più da te. Voi non potete neanche immaginare quante volte mi è stato detto: «ma se un ragazzo super bono ci prova con te e che è anche di qui che fai?». Beh, cosa devo fare, Karen? Gli dico, molto gentilmente, che sono impegnata, esattamente come farei se il mio ragazzo vivesse nella mia città.

relazione-a-distanza-pro-e-contro

O ancora «ma perché non ti fidanzati con uno di qui? Non sarebbe più semplice?»: certo, certo che sarebbe più semplice, ma d’altronde, chi lo ha detto che l’amore deve essere facile? Sarò io una immancabile romantica, ma io credo nell’amore, in quell’amore travolgente che ti fa dire, per citare Skins, «fuck it» a qualsiasi cosa. In quell’amore in cui ti basta sapere che c’è, per essere felice. Non so se potete capirmi.

Tuttavia, le mie persone che si intromettono nella mia relazione a distanza preferite, sono quelle che puntano sul lato sessuale, quelle persone che sono in astinenza da una vita intera però poi ti dicono: «ma come fai a resistere? E se hai voglia che fai?» o, addirittura, «Io potrei accontentarti ogni giorno».

Beh, cari ragazzi (perché, scusate, ma solo i ragazzi mi fanno queste domande), vi svelo un piccolo segreto: il sesso non è la parte più importante di una relazione. Non dico che non lo sia, ma sicuramente non è le fondamenta, non è quella cosa che, senza, fa crollare tutto.

La distanza è un problema?

Tra i contro delle relazioni a distanza, ci metterei solo quello appena detto che, in fin dei conti, si può risolvere semplicemente scrivendo un repertorio di frasi con cui rispondere, o limitarsi semplicemente a ignorare. Tuttavia, se ritenete che per voi la distanza sarebbe un problema abbastanza importante, condivido con voi la frase che il mio ragazzo mi ha detto prima di fidanzarci.

«La distanza è un problema solo se lo si vede come tale»

relazione-a-distanza-pro-e-contro

In quel momento non capii cosa volesse intendere, più che altro perché io sarei capace di trovare problemi ovunque, ma poi, man mano che lo conoscevo, man mano che stavamo insieme, che vivevamo avventure insieme, che ridevamo, passeggiavamo, facevamo la spesa, cucinavamo, viaggiavamo, man mano che vivevamo l’un l’altro, l’ho capito.

Quando abbiamo paura, quando non siamo sicuri su qualcosa, tendiamo a vedere solo le cose negative, come quando non ci sentiamo troppo pronti per un esame e pensiamo «lo do al prossimo appello». No, assolutamente no! Provatelo, provatelo e, se va male, lo darete al prossimo appello, ma intanto ci provate e soprattutto avrete sentito o letto alcune domande, così saprete su cosa dovete prepararvi meglio.

Allo stesso modo, la distanza è un problema solo se lo si vede come tale. Chi l’ha detto che una relazione a distanza non può essere positiva? Che non vi farà capire l’importanza di passare del tempo con quella persona? Che non vi farà fidare di più l’uno dell’altra? Che non vi renderà più forte, che non vi farà amare più forte?

Ma, questo, ve lo lascio per i pro.

Relazione a distanza: i pro

Non voglio togliere nulla alle altre relazioni, per cui se sembrerà così, sappiate che non è fatto di proposito. Io credo che tutti i tipi di amore, che siano a distanza, che siano fra un uomo e una donna, fra due donne, fra due uomini o fra più persone, siano spettacolari. L’amore è spettacolare, per cui amate chiunque vogliate, senza aver paura.

Insomma, i pro di una relazione a distanza. Me ne vengono così tanti in mente che non so neanche da dove cominciare.

Penso che metterò al primo posto l’abbraccio quando vi vedete dopo un po’ di tempo, che potrebbe essere due settimane come più di un mese. Quando ho riabbracciato il mio ragazzo dopo 101 giorni a causa della quarantena, mi è sembrato di tornare a respirare, di svegliarmi da una simulazione, da un incubo.

relazione-a-distanza-pro-e-contro

Quando vedi il tuo ragazzo, la tua ragazza, tutti i giorni, dai per scontato che ci sia sempre, che puoi vederti con lui o con lei quando vuoi. Quando invece hai una relazione a distanza, ogni singolo secondo che passate insieme è importante, per cui tutto vale di più. Ti ricordi tutto. Io ricordo ancora la prima volta che mi ha preso la mano. Eravamo a Roma, una delle mie città preferite, e il mio cuore è esploso.

Un altro pro è la fiducia. Quando hai una relazione a distanza impari a fidarti, ad avere i tuoi spazi e a lasciarli al tuo partner e, sebbene sembrino delle cose scontate, in realtà non lo sono affatto. Per vivere in una relazione sana bisogna capire che siete due persone diverse e avete due vite diverse, per cui è okay se si hanno amici dell’altro sesso, è okay se si vuole andare a una festa, è okay se si vuole uscire.

Chiaramente, della fiducia non ci si deve approfittare, perché a tutto c’è un limite. Ma proprio per questo, è importante parlare, stabilire subito cosa si può e cosa non si può fare, trovare dei compromessi in modo da riuscire a vivere al meglio la vostra relazione a distanza.

Sapete, in realtà i pro di una relazione a distanza sono gli stessi di quelli di una relazione nella stessa città, e questo perché i km sono solo dei numeri quando ami una persona. Se scegli di avere una relazione a distanza avrai una persona disposta a prendere treni, aerei, bus solo per passare un po’ di tempo insieme a te, avrai una persona su cui contare sempre, con cui parlare quando ne avrai bisogno, che cercherà di darti una mano e aiutarti.

Io non mi sono mai pentita di aver scelto di stare insieme al mio ragazzo, di aver iniziato una relazione a distanza, e questo perché i momenti passati insieme riescono ad annullare tutti quelli in cui non lo siamo stati. Chiaramente, però, noi abbiamo 22 e 24 anni, stiamo insieme da quando ne avevamo 20 e 22, quindi ci siamo sempre potuti spostare tranquillamente, ma, in età più fanciullesca, sicuramente ci sarebbero stati più problemi.

relazione-a-distanza-pro-e-contro

Voglio concludere dicendovi: è la vostra vita, la vostra relazione a distanza, non fatevi influenzare da nessuno (neanche da me!). Se è la persona giusta, lo sentirete e, se non lo sentirete sul momento, lo realizzerete con il tempo e capirete che la distanza è un problema solo se lo si vede come tale.

Autore

  • Giulia, 22 anni, blogger. Amo scrivere, leggere, guardare serie tv e anime, i gatti e seguire le giuste polemiche. Instagram: @murderskitty

close

Non perderti le nostre news!

Non inviamo spam! Leggi la nostra Informativa sulla privacy per avere maggiori informazioni.

Previous post #6 – Impariamo il polacco: gli avverbi
Next post Come mettere più link nella bio di Instagram