Struck: l’app di dating basata sull’astrologia

Condividi

Dopo il gran successo di Tinder o Grindr, che hanno formato diverse coppie o semplicemente contribuito a far divertire i loro utenti tramite incontri o chat, arriva Struck, una nuova app di incontri basata sull’astrologia, in modo da non avere più conversazioni futili (a meno che non siano ciò che cerci) e swipe infiniti e inutili.

Ormai, nel XXI secolo, la gran parte delle coppie si è conosciuta in chat o sui social network, per cui anche il mondo delle app è cercato di stare al passo, creando delle dating app che permettano proprio di incontrare delle persone con cui avere una relazione o semplicemente uscire.

Tinder è la dating app per eccellenza, al momento conta più di 100 milioni di downloand sebbene le recensione sul Play Store le abbiano dato una media di stelle al 3.6, e questo a causa delle clausole a pagamento e anche di “persone che spammano solo i loro social”. Nonostante ciò, comunque, resta la app di incontri più utilizzata non solo in Italia ma anche in tutto il mondo.

Grindr, invece, è la versione analoga a Tinder ma per le persone facenti parte della comunità LGBT, sebbene quest’app sia stata spesso un problema negli stati dove l’omosessualità è illegale. In Egitto, ad esempio, Grindr veniva utilizzata dai poliziotti per identificare, localizzare e poi arrestare le persone omosessuali.

Struck, invece, ha un altro obiettivo: farti conoscere la tua anima gemella.

Vediamo come funziona e quando arriverà in Italia.

Struck: il design dell’app

struck-dating-app-astrologia
Fonte: Struck

La prima cosa a colpire di questa app, è il design. Verrebbe da scaricarla anche a chi non ne ha bisogno, solo per avere un app con un design così innovativo sul proprio smartphone.

Oggi verrebbe definito aesthetic, ma in realtà è solo retrò, ricorda molto le prime versioni di Windows, tutto però clamorosamente rosa.

Oggi gli adolescenti ma anche gli influencer cercano di rendere le proprie foto il più originali possibili, e spesso vengono usati filtri o file .png per aggiungere queste finestre di Windows o gli avvisi che spuntavano sui vecchi pc.

Insomma, è come se si cercasse di tornare indietro, e questo non dovrebbe stupirci anche per il ritorno di molti vestiti vintage (oltre che anche la concezione di bellezza relativamente simile a quella di un tempo).

Per questo motivo, le menti dietro a Struck, formato da tre donne di cui due POC e una LGBT (come fanno sapere sul profilo ufficiale di Struck su Instagram) e un uomo, hanno cavalcato l’onda per creare una dating app non solo innovativa ma anche che possa attirare il pubblico per il suo design.

Nonostante ciò, comunque, l’app è stata più volte rifiutata dallo store della Apple proprio per il design, definito “inappropriato“.

Struck: come funziona

Dopo aver visto il design, è lecito chiedersi: in che modo Struck può farmi conoscere la mia anima gemella? Perché dovrei fidarmi?

Bene, Struck, come ci fanno sapere gli sviluppatori, che prima di cimentarsi in quest’app lavoravano proprio per l’Apple, ha un match basato sulla compatibilità astrologica, quindi sui segni zodiacali, sugli ascendenti e su tutto ciò che si può sapere dalla tua data di nascita.

struck-app-astrologia
Fonte: struck

Non in molti ci credono, alcuni ne sono solo affascinati, ma l’astrologia è sempre esistita e un fondo di verità lo ha sicuramente, per questo è stata fatta questa scelta sulla nuova dating app. Nonostante ciò, è stata comunque rifiutata ben 9 volte dalla Apple:

«Gli uomini bianchi si sono sempre sentiti minacciati dall’astrologia e dalle tradizioni non occidentali, e questo ci è più chiaro dopo aver ricevuto 9 rifiuti dal team di App Review sulla base di contenuti astrologici etichettati come “spam.“»

Insieme alla data di nascita, l’algoritmo di Struck è basato anche sui tuoi interessi, proprio per questo motivo potrai avere solo 4 match al giorno e solo con uno di questi potrai parlare, perché tutti e quattro sono appositamente studiato per permetterti di intraprendere una conversazione non futile e superficiale e soprattutto con una persona che potrebbe realmente interessarti.

Struck: cosa la rende diversa dalle altre dating app

struck-app-dating-astrologia
Fonte: Struck

Abbiamo già citato il numero dei match possibili, rendendola diversa da tutte le altre app, ma la cosa fondamentale che la differenzia è proprio il suo obiettivo: mentre Tinder e Grindr sono basate sulla velocità, su incontri che possono essere o non essere duraturi, Struck vuole farti innamorare follemente.

Struck vuole che tu abbia una buona conversazione, una di quelle in cui ti senti compreso, in cui ti sembra di entrare in un mondo parallelo con quella persona, con cui ti capisci alla perfezione e senti di poterti fidare.

Vuole, quindi, delle conversazioni profonde e non superficiali e quindi sprona i suoi utenti al dialogo e alla conoscenza interiori, non basandosi solo sull’aspetto fisico e su una breve descrizione come invece avviene sulle altre dating app.

Quando deciderai di incontrare il tuo match, non dovrai aspettarti uno di quegli incontri botta e via che possono esserci su Tinder e Grindr, ma ti aspetta un vero e proprio appuntamento romantico. Sempre che sia quello che tu voglia: conoscendo la vera persona che c’è dietro lo smartphone, avrai la possibilità di essere completamente onesta con lei e quindi non illuderti, o illudere, inutilmente.

Struck: quando sarà disponibile in Italia

Se vi siete innamorati di questa app anche solo leggendo, dovete sapere la brutta notizia: al momento è disponibile in versione beta solo in California e nelle vicinanze, soprattutto a San Francisco e a Los Angeles, per poi, piano piano, diffondersi in tutti gli USA.

Solo in un secondo momento, sarà rilasciata in tutto il mondo e anche in Italia, cominciando a diffondere il suo amore anche nello stato più romantico d’Europa.

struck-app-dating-astrologia
Fonte: struck

Autore

  • Giulia, 22 anni, blogger. Amo scrivere, leggere, guardare serie tv e anime, i gatti e seguire le giuste polemiche. Instagram: @murderskitty

close

Non perderti le nostre news!

Non inviamo spam! Leggi la nostra Informativa sulla privacy per avere maggiori informazioni.

Previous post Pokemon Go: perché scaricarlo di nuovo
Next post Giornata dell’amicizia: quali sono i migliori trio degli anime