F1 DIRETTA, GP d’Olanda 2022: ritorno a casa per Max Verstappen

Condividi

La Formula 1 torna a Zandvoort per il GP d’Olanda, Gran Premio di casa per il campione del mondo in carica e leader del mondiale Max Verstappen. Seguite con noi la diretta di questi 72 Laps di pura emozione!

La pole position è di Verstappen, soffiata all’ultimo tentativo a Charles Leclerc (errore nel settore centrale per il pilota della Ferrari), prima di una bandiera gialla scatenata dal compagno di scuderia Sergio Perez (P5)! Qualifiche sorprendenti per Mick Schumacher (P8) e Lance Stroll che chiude in P10 senza correre in Q3 per problemi tecnici. L’unica bandiera rossa è stata scatenata dal lancio di un fumogeno in pista in Q2, e lo stesso problema si è verificato in Q3. Carlos Sainz partirà dalla P3, seguito dal sette volte campione del mondo Lewis Hamilton.

Potete seguire la gara in diretta sui canali Sky Sport F1, Sky Sport 1 e Sky Sport 4K, e in streaming su SkyGO e NOW. La differita verrà trasmessa anche su TV8 alle 18:00 (cliccate qui per collegarvi al canale).

DIRETTA, GP d’Olanda: ritorno a casa per Max Verstappen

Ha inizio il GP d’Olanda: ottima partenza per Leclerc, ma Max Verstappen non perde posizioni chiudendogli l’interno. Contatto tra Sainz e Hamilton. Schumacher scende invece in P10 e Norris supera Russell per la P6.

Lap 2, bandiera gialla: Magnussen finisce contro le barriere, ma riesce a rientrare in pista. Il primo fastest lap è del campione del mondo in carica. Leclerc rimane incollato a Verstappen.

Siamo al Lap 6, Hamilton prova a raggiungere Sainz per ottenere la P3. Leclerc non molla: ruba il fastest lap al suo rivale e continua ad avvicinarsi. Russell ha ripreso la posizione su Norris: dalla prossima stagione il pilota della McLaren sarà affiancato da Oscar Piastri, mentre il futuro di Daniel Ricciardo rimane ancora molto incerto.

Lap 9, Leclerc sembra molto più veloce del leader del Gran Premio, mentre Alonso chiude di forza un sorpasso su Gasly per la P12. Ne Leclerc, ne il sette volte campione del mondo sembrano voler lasciare il loro vantaggio, mentre la distanza tra i due piloti della Ferrari continua ad aumentare.

Siamo al Lap 12, Alonso supera anche Tsunoda. Ricciardo rientra ai box per montare gomma gialla. Anche Zhou e Alonso rientrano ai box: gomma bianca per il due volte campione del mondo.

Lap 14, pit stop per Tsunoda, Latifi e Schumacher. Pit stop per Sainz, molto lungo: non c’era ancora una delle gomme posteriori! Pit stop velocissimo invece per Perez, che passa sopra la pistola lasciata dal meccanico della Ferrari. La rossa avrebbe chiamato il suo pilota troppo presto.

gp-d'olanda-ferrari-pit-stop-sainz
Fonte: Instagram @ skysportsf1

Lap 17, la situazione gomme di Verstappen sembra rimanere ottimale: aumenta la distanza da Leclerc. Sorpasso di Schumacher su Vettel per la P16. Bottas e Norris rientrano ai box. Pit stop per Leclerc: le gomme non vanno bene, ma conferma il fastest lap.

Siamo al Lap 19: pit stop per Verstappen da 3.4 secondi, rientra davanti a Leclerc. Il leader provvisorio è Lewis Hamilton. Il fastest lap è di Perez. Verstappen è 3 decimi più veloce di Leclerc: infatti, ruba il fastest lap al compagno di scuderia.

Lap 24, Verstappen si avvicina a Russell. La Ferrari conferma di aver chiamato Carlos Sainz troppo presto all’ultima curva: i meccanici non erano pronti. Ottimo ritmo da parte delle due Mercedes, che giova anche alla Ferrari di Leclerc. Probabilmente contano su una strategia ad una sola sosta. Ma Max Verstappen chiude un meraviglioso sorpasso su Russell e riconferma il fastest lap: conquista la P2 e si lancia all’inseguimento di Lewis Hamilton.

Lap 30, pit stop per Hamilton e Russell resta fuori. Le due Alpine sono in P9 e P10. Ma al Lap 31 rientra anche Russell: esce in pista davanti a Sainz. Verstappen continua ad aumentare il distacco: è il leader indiscusso di questo GP d’Olanda.

Siamo al Lap 34, il fastest lap è di Russell. Perez dovrà difendere la P3 dai due piloti della Mercedes. Scatta il Lap 35 e Hamilton segna il fastest lap, strappando l’ipotetico punto addizionale al compagno di scuderia. Pit stop per Bottas e Magnussen.

Lap 36, Hamilton prova a superare Perez che è costretto ad un bloccaggio: ottima difesa da parte del pilota della Red Bull. Ma Hamilton ci riprova: è vicinissimo e chiude il sorpasso dall’esterno. Si mette in mezzo Sebastian Vettel, che non si fa doppiare subito dalla Mercedes di Hamilton, rallentandola, ma non basta per fargli perdere la P3.

Lap 38, il fastest lap è passato da Hamilton a Perez e ora è di George Russell, che si attacca a Perez. Lewis Hamilton si riprende il fastest lap e Russell supera Perez. La Mercedes corre per il podio e spera nella vittoria.

Lap 41, pit stop per Perez. Segnalato il comportamento di Vettel durante la lotta tra Hamilton e Perez: ha ignorato la bandiera blu. Lap 43, il fastest lap è di Perez. Pit stop per Tsunoda, Albon e Sainz. Perez supera Norris.

Lap 44, BANDIERA GIALLA, Tsunoda va fuori pista, pericolo di safety car, ma riparte: la Ferrari era appena rientrata ai box. Pit stop anche per Leclerc. Tsunoda rientra ai box: pit stop da 31.9 per riallacciare le cinture. SECONDA BANDIERA GIALLA: Tsunoda si riferma a bordo pista e viene chiamato il regime di virtual safety car. Rientrano ai box Norris e Alonso. Pit stop per Verstappen e anche per i due piloti della Mercedes: bianca per il campione del mondo in carica, gialla per Hamilton e Russell.

Lap 50, termina il regime di virtual safety car: il fastaest lap è di Alonso. Si aprirà un’indagine sul comportamento di Yuki Tsunoda. Russell segna il fastest lap, ma Alonso se lo riprende mentre tenta il sorpasso su Norris. Ma Russell non molla: il fastest lap è di nuovo suo.

Siamo al Lap 55, la gomma bianca non sembra portare i risultati sperati per la Ferrari. Sainz cerca il sorpasso su Ocon per la P6. Hamilton strappa il fastest lap. Si ferma l’Alfa Romeo di Bottas, problemi al motore: BANDIERA GIALLA nel primo e nel terzo settore. In casa Ferrari preparano già le gomme. Viene chiamato il regime di safety car: pit stop per Verstappen, monta la gomma rossa. Le due Mercedes superano la Red Bull del campione del mondo in carica. Pit stop anche per Leclerc e Perez.

Lap 58 ancora sotto regime di safety car, pit stop per Sainz e Russell: il pilota della rossa rischia una penalità di 5 secondi per impending su Alonso, mentre la Mercedes lascia la posizione su Verstappen.

alonso-sainz-dutchgp
Fonte: Instagram @ skysportsf1

Termina il regime di safety car al Lap 60: Verstappen è vicinissimo a Hamilton e chiude il sorpasso sul sette volte campione del mondo, riprendendosi la leadership del suo Gran Premio di casa. Sainz sale in P5 superando la Red Bull di Perez: ora si trova dietro a Leclerc. Il fastest lap è di Verstappen, mentre le due Ferrari cercano di ricostruire il podio.

Lap 63, Verstappen riconferma il fastest lap. Leclerc si avvicina a Russell, mentre Hamilton sembra perdere nei confronti di Verstappen. Ruota a ruota tra i due piloti della Mercedes: P2 per Russell che supera il compagno di scuderia, ma Hamilton è molto arrabbiato. Leclerc si avvicina a Hamilton, ma non riesce a chiudere il sorpasso. Incredulità al box Mercedes.

Siamo al Lap 66, Leclerc ci riprova e si prende la P3. Sainz è a rischio: Perez si incolla alla rossa, mentre Norris si avvicina ad Alonso. 5 secondi di penalità per Sainz. Si avvicina anche Alonso a Perez.

Lap 70, Sainz accompagna Perez nella ghiaia e Alonso recupera.

Siamo all’ultimo giro: è ancora accesa la sfida tra Alonso e Norris, mentre il pilota dell’Alpine cerca il sorpasso anche su Perez. MAX VERSTAPPEN VINCE IL GP D’OLANDA 2022, sul podio anche George Russell e Charles Leclerc.

IN AGGIORNAMENTO!

gp-d'olanda-2022-verstappen
Fonte: Instagram @ redbullracing
close

Non perderti le nostre news!

Non inviamo spam! Leggi la nostra Informativa sulla privacy per avere maggiori informazioni.