Commissione europea avvia procedure contro Polonia e Ungheria per le politiche anti-LGBT

Condividi

L’Unione Europea, dopo diversi solleciti avvenuti anche tramite la piattaforma social Twitter, ha deciso di intervenire ufficialmente contro l’Ungheria e la Polonia e, soprattutto, contro le loro politiche anti-LGBT che non tutelano tutti i cittadini allo stesso modo, privando alcuni dell’uguaglianza e dei diritti fondamentali. Sono diverse le procedure che l’esecutivo europeo ha avviato ieri, 15 luglio, per le violazioni dei diritti fondamentali delle persone LGBT, lasciando due mesi di tempo a Budapest e Varsavia per rispondere e intervenire.

ungheria-polonia-lgbt-unione-europea
Matteo Salvini con Mateusz Moraviecki e Viktor Orbán, che hanno siglato la Carta dei Valori europei

Abbiamo parlato più volte dei problemi che le persone LGBT vivono in Polonia e Ungheria, proprio la Polonia e l’Ungheria con cui Matteo Salvini, che due giorni fa in senato ha avuto persino il coraggio di ricordare che in alcuni stati l’omosessualità è un reato, vuole creare un nuovo rinascimento europeo o ancora con cui ha firmato una carta dei valori palesemente omofoba e che viola i diritti fondamentali delle persone LGBT. Ma non solo, ci siamo anche lamentati di come, mentre la Polonia vietava l’aborto, l’Unione Europea si preoccupava di come chiamare un hamburger vegetariano.

Adesso siamo finalmente felici di scrivere che l’Unione Europa ha deciso di alzare la voce e intervenire davvero in difesa di quelle persone. Partiamo dalla Polonia. Duda la scorsa estate ha firmato una Carta della Famiglia, che però include solo la famiglia eterosessuale. La comunità LGBT è vista come una mera ideologia, non come delle persone vere e proprie. Non è possibile fare propaganda, spiegare agli adolescenti o a nessun altro che l’amore omosessuale è reale e giusto tanto quanto quello eterosessuale; non è possibile esporre le bandiere della comunità LGBT; non è possibile adottare per le coppie LGBT; hanno poi creato lettealmente delle zone LGBT Free, ovvero delle zone libere da LGBT.

ungheria-polonia-lgbt-unione-europea
Gli attivisti LGBT davanti il Parlamento in Ungheria

In realtà parliamo tanto della Polonia ma in Italia, in Senato, ne stiamo sentendo davvero di tutti i colori pur di non far approvare il DDL Zan, come persone convinte che ai ragazzini verrà detto “devi diventare femmina” e non che gli verrà semplicemente insegnato il rispetto per le altre persone, a prescindere da sesso, orientamento sessuale e identità di genere. In ogni caso, in Ungheria la situazione non è migliore, tanto che, pensate, hanno abolito qualsiasi film, serie tv o cartone in cui è presente un personaggio LGBT, come se eliminarli dai cartoni li elimini dall’esistenza.

L’ultima legge presentata, si dice che voglia tutelare i bambini dalla pedofilia, e vista così ci sembra anche una legge buona e giusta, peccato però che vieta alle associazioni della comunità LGBT di promuovere i programmi educativi e diffondere informazioni sull’omosessualità o sulla possibilità di richiedere un intervento per fare la transizione da uomo a donna o viceversa. Ergo: gli omosessuali sono visti come dei pedofili. Sono vietate le adozioni da parte di persone gay, single e non sposate. Stabilisce che il governo «protegge il diritto dei bambini all’identità di genere in cui sono nati».

L’Unione Europea interviene contro la Polonia e l’Ungheria sul fronte LGBT

Tuttavia, finalmente, dopo mesi di attesa, finalmente l’Unione Europea alza la voce contro gli stati più omofobi del nostro territorio. L’avviso pubblicato sul sito ufficiale dell’Unione Europea inizia con una frase della presidente Ursula von der Leyen al Parlamento Europeo, il 7 luglio 2021: «L’Europa non permetterà mai che parti della nostra società siano stigmatizzate: sia per il motivo per cui amano, per la loro età, la loro etnia, le loro opinioni politiche o le loro convinzioni religiose».

ungheria-polonia-lgbt-unione-europea
Fonte: Eurobull.it

Dopo questa citazione, inizia il vero e proprio annuncio indirizzato alla Polonia e all’Ungheria: «L’uguaglianza e il rispetto della dignità e dei diritti umani sono valori fondamentali dell’Ue, sanciti dall’articolo 2 del trattato dell’Unione europea. La Commissione utilizzerà tutti gli strumenti a sua disposizione per difendere questi valori», ha scritto l’esecutivo europeo annunciando l’avvio della procedura d’infrazione.

«La Commissione sta avviando procedure di infrazione contro l’Ungheria e la Polonia in relazione all’uguaglianza e alla tutela dei diritti fondamentali», scrivono, iniziando a presentare tutte le infrazioni che i due Stati europei hanno commesso, partendo dalla legge dell’Ungheria che vieta i contenuti LGBT giungendo a quella della Polonia che è accusata di non essere intervenuta a dovere contro le zone LGBT Free adottate da alcune regioni e comuni polacchi.

«I due Stati membri hanno ora due mesi di tempo per rispondere alle argomentazioni della Commissione. In caso contrario, la Commissione può decidere di trasmettere loro un parere motivato e, in un secondo tempo, deferirlo alla Corte di giustizia del l’Unione europea», concludono, prima di scrivere dei lunghi paragrafi in cui approfondiscono le infrazioni che l’Ungheria e la Polonia hanno commesso e che potete trovare, in lingua inglese, a questo link.

Speriamo che, con questo intervento, adesso le persone LGBT in Ungheria e in Polonia possano riottenere «il rispetto della dignità umana, della libertà, della democrazia, dell’uguaglianza, dello Stato di diritto e dei diritti umani» di cui sono stati privati da Stati omofobi e dittatoriali che vivono ancora nel Medioevo. Ora impegniamoci per approvare il DDL Zan in Italia e rendere anche l’Italia un po’ più sicuro per la comunità LGBT.

Autore

  • Giulia, 22 anni, blogger. Amo scrivere, leggere, guardare serie tv e anime, i gatti e seguire le giuste polemiche. Instagram: @murderskitty

close

Non perderti le nostre news!

Non inviamo spam! Leggi la nostra Informativa sulla privacy per avere maggiori informazioni.