Perché il bacio tra Thomas e Damiano in Polonia è più di un bacio

Condividi

Nelle ultime ore tanto si è parlato del bacio fra Thomas e Damiano, il chitarrista e il cantante dei Maneskin, la band italiana del momento che sta scalando tutte le classifiche mondiali, tanto da fare concerti ed essere amati persino in America, che nulla ha a che fare con l’Eurovision. La band è famosa per il look eccentrico, per il make up sugli occhi e soprattutto perché non hanno paura di dire che love is love, e che l’amore è bello in ogni sua forma, che sia fra due persone di sesso opposto o da due persone dello stesso sesso. Ed è importante che abbiamo trasmesso questo messaggio proprio nella Polonia omofoba di Duda.

polonia-maneskin-damiano-thomas-bacio
Fonte: Twitter

Da quando hanno vinto l’Eurovision i Maneskin ne hanno passate davvero tante. Dai media francesi che accusano il cantante di aver pippato in diretta internazionale, dalla Bielorussia che li definisce «pervertiti, omosessuali degenerati, spazzatura che sa di AIDS», criticando il loro stile e addirittura affermando che «tutto il mondo sprofonderà in questo abisso, ma la Bielorussia rimarrà un’isola di libertà» (la stessa Bielorussia con i media censurati e che fa deviare un volo per arrestare un oppositore). E poi c’è anche lo pseudo-dramma con Emma, che non ritiene giusto come loro siano stati acclamati per il loro stile mentre lei fu criticata aspramente.

Riguardo la Polonia, invece, ve ne abbiamo parlato tantissime volte, ma ne parleremo all’infinito, finché il popolo di Duda non comincerà a rispettare i diritti umani di tutte le persone, a prescindere da sesso, genere e orientamento sessuale. Ma facciamo un piccolo recap: cosa succede in Polonia? Ebbene, tralasciando il divieto di abortire imposto durante una pandemia e nonostante tutte le manifestazioni delle donne, uno dei problemi umani principali in Polonia è l’omofobia.

polonia-maneskin-damiano-thomas-bacio
Fonte: FreePik

Duda la scorsa estate ha firmato una Carta della Famiglia, che però include solo la famiglia eterosessuale. La comunità LGBT è vista come una mera ideologia, non come delle persone vere e proprie. Non è possibile fare propaganda, spiegare agli adolescenti o a nessun altro che l’amore omosessuale è reale e giusto tanto quanto quello eterosessuale; non è possibile esporre le bandiere della comunità LGBT; non è possibile adottare per le coppie LGBT; hanno poi creato lettealmente delle zone LGBT Free, ovvero delle zone libere da LGBT.

Proprio per questo motivo il bacio dei Maneskin non è solamente un bacio come altri che si sono dati, così come non lo è il messaggio che hanno voluto condividere sui social dopo l’esibizione. In questa occasione la loro è stata una vera e propria protesta, una protesta per l’amore combattuta con un bacio.

Thomas e Damiano dei Maneskin e il bacio in Polonia

polonia-maneskin-damiano-thomas-bacio
Fonte: Twitter

«Pensiamo che a tutti dovrebbe essere permesso baciare in questo modo senza aver alcun tipo di paura. E pensiamo anche che tutti dovrebbero essere completamente liberi di essere chi cavolo vogliono. Grazie Polonia e ricordate che l’amore non è mai sbagliato», hanno scritto i Maneskin su Twitter, dopo l’esibizione al Polsat SuperHit Festiwal, in diretta sulla tv polacca. Il bacio è stato dopo l’esibizione di I wanna be your slave, ormai famosa in tutto il mondo.

Anche su Twitter arrivano i complimenti per la band italiana, per il gesto che hanno voluto trasmerre: «Damiano e Thomas dei Maneskin, durante l’evento Polsat SuperHit Festival 2021, si sono baciati in segno di protesta nei confronti della politica omofoba adottata in Polonia»; «scusate ma ci rendiamo conto di quello che hanno fatto i Maneskin in Polonia o no?» e ancora «a tutte le persone che non vivono in Polonia: Damiano e Thomas dei Maneskin si sono mangiati di fronte al popolo più omofobo dell’Europa.». Quindi, ancora una volta, complimenti Maneskin, non solo per i vostri successi musicali ma soprattutto per i messaggi che avete deciso di trasmettere.

Autore

  • Giulia, 22 anni, blogger. Amo scrivere, leggere, guardare serie tv e anime, i gatti e seguire le giuste polemiche. Instagram: @murderskitty

close

Non perderti le nostre news!

Non inviamo spam! Leggi la nostra Informativa sulla privacy per avere maggiori informazioni.

Previous post Pride Milano: 12enne picchiato da alcuni omofobi mentre andava al Pride
Next post The Ordinary, maschera all’acido salicidico 2%: recensione