Tag: aborto

Il diritto a non abortire non può esistere, perché nessuna donna è costretta ad abortire
Opinioni attuali

Il diritto a non abortire non può esistere, perché nessuna donna è costretta ad abortire

Giorgia Meloni, in un comizio a Genova, ha parlato dell'aborto e di come Fratelli d'Italia (che ha candidato dei politici antiabortisti) non stia cercando di affossare la legge 194. Ovviamente, considerando gli ideali della destra e anche i diversi post che scrivono sui social individui come Simone Pillon (che fa comunque parte di un partito alleato di FDI), non viene difficile comprendere perché in molti ritengano che Giorgia Meloni una volta al potere possa abolire l'aborto, tuttavia sembra che queste non siano le sue intenzioni. Anzi, vuole dare persino più diritti a chi non vuole abortire perché, si sa, in Italia sei obbligata ad abortire. Ah, non è così? Uno dei tanti post di Simone Pillon Giorgia Meloni non è alleata delle donne, a prescindere che sia pro o contro l'aborto. La...
L’Ungheria ascolterà il “battito del feto” prima di abortire
News dal mondo

L’Ungheria ascolterà il “battito del feto” prima di abortire

Ah, l'Ungheria. Non basta essere omofobi e considerare le persone LGBT alla pari dei pedofili, ma adesso anche maschilisti: Viktor Orbán ha deciso che se una donna decide di abortire, quindi decide di prendere una decisione sul suo corpo e sulla sua vita, dei medici dovranno sentire prima il battito del cuore del feto. Insomma, qualcosa che ci ricorda molto la heartbeat act, che è stata già criticata da molti medici. Ricordiamo, ancora una volta, che Viktor Orbán è stretto alleato sia di Matteo Salvini che di Giorgia Meloni. Proprio Salvini qualche settimana fa ha lodato la «legge più avanzata per la famiglia» che si trova in Ungheria. Perché? Perché «la donna dopo il terzo figlio è un soggetto fiscale molto ridotto, dal quarto figlio non lo è più, congedi parentali estesi anche ai...
Una bambina di 11 anni è incinta, e la famiglia si rifiuta di farla abortire
News dal mondo

Una bambina di 11 anni è incinta, e la famiglia si rifiuta di farla abortire

Una bambina di 11 anni che già in precedenza ha partorito dopo aver subito uno stupro ad appena 10 anni, è nuovamente incinta di un secondo bambino. Lo confermano le autorità brasiliane, dove è successa questa tragedia. La gravidanza è stata scoperta venerdì scorso, quando la bambina è stata esaminata durante il soggiorno presso un rifugio a Teresina, Piaui, Brasile nord-orientale. I servizi per l'infanzia hanno immediatamente riferito i risultati al Dipartimento di polizia per la protezione dei bambini e degli adolescenti (DPCA), che indagheranno sullo stupro e sulla gravidanza. La madre di lei si rifiuta di farla abortire. DPCA L'aborto per le bambine è un argomento molto discusso nell'ultimo periodo. Ad esempio, Philip Gunn, membro della camera del Mississippi, ha affermato di ri...
Texas: armi ai giovani maggiorenni e legge sull’aborto sempre più restrittiva
News dal mondo

Texas: armi ai giovani maggiorenni e legge sull’aborto sempre più restrittiva

La vita è importante per il Texas. Ma solo se quella vita appartiene a feti ancora non nati. Perché evidentemente delle vite delle 21 vittime, di cui 19 bambini e due insegnanti morte in una sparatoria scolastica per mano di un ragazzino, valgono meno di un feto, meno della vita di una donna, di una bambina, che è stata stuprata E la testimonianza è come il giudice abbia respinto il divieto di possesso di armi per i giovani fra i 18 e i 20 anni, ma come, sempre in Texas, chi ricorre all'aborto rischia persino l'ergastolo. La situazione in Texas era piuttosto critica già lo scorso, quando ancora la Roe vs. Wade non era stata ribaltata. Ricorderete, infatti, l'Heartbeat Act, che vieta l’aborto dopo che è stata rilevata la prima attività cardiaca embrionale, quindi dopo circa sei sett...
Florida: aborto negato a una 16enne, “troppo piccola per prendere questa decisione”
News dal mondo

Florida: aborto negato a una 16enne, “troppo piccola per prendere questa decisione”

Lunedì una corte d'appello della Florida ha impedito a un'adolescente di 16 anni di ricorrere all'aborto, dicendo che non è "sufficientemente matura" per scegliere di porre fine alla sua gravidanza. Ma evidentemente è abbastanza matura per poter sopportare un parto e crescere un'altra vita umana, che dipenderà completamente da lei. La situazione negli Stati Uniti è tragica e non sembra voler cambiare, non va incontro alle donne, alle ragazzine e, abbiamo visto, neanche incontro alle bambine vittime di stupro. «La Costituzione non fa alcun riferimento all’aborto e nessun diritto del genere è implicitamente protetto da alcuna disposizione costituzionale, inclusa quella su cui ora si basano principalmente i difensori di Roe e Casey: la Due Process Clause del quattordicesimo emendament...
Aborto: il duro discorso di una dodicenne davanti al legislatore del West Virginia
News dal mondo

Aborto: il duro discorso di una dodicenne davanti al legislatore del West Virginia

Una dodicenne ha tenuto un discorso alla Camera dei delegati del West Virginia per opporsi alla legislazione che vieta l'aborto nello Stato. Nelle ultime settimane sono state tantissime le testimonianze da parte di donne e ragazzine che si sono, improvvisamente, viste private del diritto di scegliere sul proprio corpo. Addirittura, in alcuni casi abbiamo visto una bambina venir privata dell'aborto e manipolata per poter mantenere la gravidanza, conseguenza di uno stupro. Questo non può essere un paese civile. «La Costituzione non fa alcun riferimento all’aborto e nessun diritto del genere è implicitamente protetto da alcuna disposizione costituzionale, inclusa quella su cui ora si basano principalmente i difensori di Roe e Casey: la Due Process Clause del quattordicesimo emendament...
Quando l’aborto viene negato alle bambine vittime di stupro: caso del Brasile
News dal mondo

Quando l’aborto viene negato alle bambine vittime di stupro: caso del Brasile

Nelle ultime settimane abbiamo più volte parlato del delicatissimo tema dell'aborto. In particolare, però, ci siamo anche soffermati sui casi in cui l'aborto è stato negato a delle vittime di stupro, a delle bambine vittime di stupro. Eclatante la storia della bambina di dieci, il cui stupratore è stato arrestato proprio la settimana scorsa. In Brasile, però, la situazione non è tanto diversa dagli Usa, infatti l'aborto è consentito solo in caso di stupro o se la vita della donna è in pericolo. E il bigottismo ancora una volta è prevalso. La dottoressa Caitlin Bernard, un ostetrico-ginecologo di Indianapolis, ha ricevuto una telefonata qualche settimana fa, tre giorni dopo la sentenza della Corte, da un medico in Ohio che aveva una bambina di 10 anni nel suo studio che era incinta ...
USA, aborto: sempre più uomini cercano la vasectomia
News dal mondo

USA, aborto: sempre più uomini cercano la vasectomia

In seguito alla scelta della Corte Suprema statunitense di rendere incostituzionale il diritto all'aborto, molti uomini stanno reagendo al problema decidendo di fare una vasectomia, che tra l'altro, sebbene sia molto complesso e spesso è sconsigliato, può anche essere reversibile. In ogni caso, molti sondaggi e report degli Stati Uniti hanno fatto sapere che in sempre più cliniche aumentano le telefonate per prenotare una visita da quando l'aborto è stato reso incostituzionale e illegale per diversi stati. «La Costituzione non fa alcun riferimento all’aborto e nessun diritto del genere è implicitamente protetto da alcuna disposizione costituzionale, inclusa quella su cui ora si basano principalmente i difensori di Roe e Casey: la Due Process Clause del quattordicesimo emendamento»....
Aborto USA: la violenza verso gli operatori in aumento
News dal mondo

Aborto USA: la violenza verso gli operatori in aumento

Di recente la National Abortion Federation (NAF) ha pubblicato un interessante quanto tragico rapporto sulla violenza nei confronti di persone che lavorano nelle cliniche pro-aborto, che documenta un aumento significativo della violenza e delle minacce di violenza contro i fornitori di aborti nel periodo precedente la decisione della Corte Suprema così come anche le sfide affrontate dai fornitori durante la pandemia. E considerando come sta andando la situazione, si ritiene che la violenza continuerà ad aumentare. «La Costituzione non fa alcun riferimento all’aborto e nessun diritto del genere è implicitamente protetto da alcuna disposizione costituzionale, inclusa quella su cui ora si basano principalmente i difensori di Roe e Casey: la Due Process Clause del quatto...
Aborto: il Parlamento europeo vuole inserirlo nella Carta dei diritti
News dal mondo

Aborto: il Parlamento europeo vuole inserirlo nella Carta dei diritti

Mentre negli USA ci sembra di andare sempre più indietro, il Parlamento europeo ha dato il via libera con 324 voti favorevoli, 115 contrari e 38 astenuti alla risoluzione in cui l’Eurocamera chiede di inserire l’aborto nella Carta dei diritti fondamentali dell’Unione europea. Ovviamente questo può essere un grande problema per alcuni paesi, in particolare la Polonia che ormai da due anni ha deciso di fare una guerra contro le donne e i loro diritti. In Italia, invece, potrebbe essere un modo per ricordare ai troppi medici obiettori che l'aborto è un diritto della donna. Potrebbe interessarvi: Abortire in Europa è davvero così semplice? «La Costituzione non fa alcun riferimento all’aborto e nessun diritto del genere è implicitamente protetto da alcuna disposizione costituzionale,...
Aborto: Biden vara misure per tutelare la privacy online
Flash News

Aborto: Biden vara misure per tutelare la privacy online

Joe Biden, che sin dal principio si è detto contrario alla decisione della Corte Suprema di rendere incostituzionale l'aborto, ha deciso di agire a favore delle donne, annunciando che varerà una serie di misure per tutelare i diritti delle donne. Tra queste, fa sapere la Casa Bianca in una nota, ci sarà anche la protezione dei dati online. Scelta simile è stata presa da Google. Jen Fitzpatrick, vicepresidente del gruppo californiano, fece sapere che «se i nostri sistemi identificano che una persona ha visitato una struttura (sensibile), rimuoviamo quelle voci dalla cronologia di localizzazione poco dopo la visita».
Le star di Hollywood raccontano l’aborto
Opinioni attuali, Vip news

Le star di Hollywood raccontano l’aborto

Da quando la Corte Suprema ha deciso di rendere incostituzionale l'aborto negli Stati Uniti d'America, ovvero facendo scegliere a ogni singolo Stato se rendere o no legale l'aborto, la situazione non è cambiata più di tanto. Tuttavia, abbiamo visto come questo ha messo in difficoltà persino delle bambine, come ad esempio una bambina dell'Ohio di 10 anni rimasta incinta che ha dovuto viaggiare fino in Indiana per poter ricorrere a un aborto sicuro. In seguito a tutte queste vicende, però, diverse star di Hollywood hanno deciso di raccontare la propria esperienza. Le parole del giudice Samuel Alito sono state queste: «la Costituzione non fa alcun riferimento all’aborto e nessun diritto del genere è implicitamente protetto da alcuna disposizione costituzionale, inclusa quella su cui ora s...
Mississippi: membro della Camera ritiene che una 12enne stuprata e incinta non dovrebbe abortire
News dal mondo

Mississippi: membro della Camera ritiene che una 12enne stuprata e incinta non dovrebbe abortire

Continua la discussione sull'aborto, ma non pensavamo di dover arrivare al punto di leggere che un Presidente possa arrivare al negare l'aborto a una bambina di 12 anni che è stata violentata e messa incinta dal padre. Sia chiaro che questa è stata un'ipotesi (ma un'altra che vedremo, non lo è), al momento non ci sono casi denunciati di 12enni incinta per mano del padre, tuttavia se dovessero esserci, il portavoce della Mississipi House proteggerebbe il feto e non la bambina che è già nata. Insomma, non è una novità: d'altronde continuano a votare per le armi legali nonostante le morti di tantissimi bambini e adolescenti. Perché ucciderli da feti se poi moriranno a scuola? Fonte foto: Daily Mail «La Costituzione non fa alcun riferimento all’aborto e nessun diritto del genere è impli...
Aborto USA: Google cancellerà la localizzazione delle donne che vanno alla clinica per l’intervento
News dal mondo

Aborto USA: Google cancellerà la localizzazione delle donne che vanno alla clinica per l’intervento

Jen Fitzpatrick, vicepresidente del gruppo californiano, ha annunciato che Google cancellerà la localizzazione delle donne che si recheranno nelle cliniche per ricorrere a un aborto. Dopo la decisione della Corte Suprema di rendere incostituzionale l'aborto, concedendo quindi a ogni Stato di scegliere se legale o no, diverse Big Tech si sono mosse per dare una mano ai cittadini per proteggere i loro diritti sul proprio corpo, e Google non è ovviamente da meno. «La Costituzione non fa alcun riferimento all’aborto e nessun diritto del genere è implicitamente protetto da alcuna disposizione costituzionale, inclusa quella su cui ora si basano principalmente i difensori di Roe e Casey: la Due Process Clause del quattordicesimo emendamento». «Quella disposizione è stata ritenuta garante ...
La Corte Suprema limita i poteri del governo per regolamentare le emissioni inquinanti
News dal mondo

La Corte Suprema limita i poteri del governo per regolamentare le emissioni inquinanti

Uno degli obiettivi annunciati da Biden all'inizio del suo mandato riguardava le politiche ambientali: il presidente si era impegnato a ridurre di almeno il 30% le emissioni di gas serra rispetto al 2005, tutto entro il 2030. Tuttavia, a causa di una decisione della Corte Suprema che limita i poteri dell'EPA, l'ente governativo che tutela l'ambiente e che ha il potere di regolamentare le emissioni inquinanti a livello federale, il suo obiettivo diventa sempre più irraggiungibile. La sentenza riguardava un’azione legale intentata dallo stato del West Virginia, che sosteneva che l’EPA non possedeva l’autorità di legiferare sul settore dell’energia nei singoli stati o sulle singole centrali. Fonte: APNews Dopo una catastrofica sentenza sull'aborto che ha fatto il giro del mondo, la Cor...
Aborto USA: le Big Tech supportano il diritto all’aborto
News dal mondo

Aborto USA: le Big Tech supportano il diritto all’aborto

Non facciamo che parlare di aborto, del diritto della donna ad abortire e scegliere sul proprio corpo, ma evidentemente non è abbastanza, perché continuiamo a leggere di persone contrarie all'aborto che vogliono imporre la propria idea. Se sei contrario all'aborto, non abortire. Ma non costringere nessuno a non farlo. Intanto, però, anche le Big Tech, come Apple, Meta, Microsoft, Google e tanti altri, stanno reagendo, dando il proprio supporto alle donne. Fonte foto: Twitter «La Costituzione non fa alcun riferimento all’aborto e nessun diritto del genere è implicitamente protetto da alcuna disposizione costituzionale, inclusa quella su cui ora si basano principalmente i difensori di Roe e Casey: la Due Process Clause del quattordicesimo emendamento». «Quella disposizione è stata rit...
Germania: eliminato il divieto di dare informazioni sull’aborto
Flash News, News dal mondo

Germania: eliminato il divieto di dare informazioni sull’aborto

Mentre negli Stati Uniti le donne e tutte le persone che hanno a cuore i loro diritti stanno lottando per far sì che la Corte Suprema faccia un passo indietro sulla sentenza concernente l'aborto, mentre in Italia persone come Simone Pillon pregano affinché anche in Italia si arrivi a una decisione del genere, mentre in Polonia delle donne muoiono perché i medici si rifiutano di farle abortire anche a costo della loro stessa vita, la Germania dà uno schiaffo morale a tutti e decide di abolire un articolo di legge risalente al nazismo che vietava ai medici di fornire informazioni sull'aborto. "Non ti piace l'aborto? Ignoralo, come già ignori le sparatorie scolastiche"Fonte foto: web «La Costituzione non fa alcun riferimento all’aborto e nessun diritto del genere è implicitamente prote...
Definire “una grandissima vittoria” la sentenza USA sull’aborto è danzare sulle tombe delle donne morte
Opinioni attuali

Definire “una grandissima vittoria” la sentenza USA sull’aborto è danzare sulle tombe delle donne morte

Simone Pillon ritiene una «grandissima vittoria» la sentenza USA riguardante l'aborto, chiedendo persino che questa «brezza arrivi anche da noi». Mario Adinolfi, invece, la definisce una «decisione storica», sottolineando che «finalmente il diritto universale a nascere prende forma». Tuttavia, se da una parte prende forma il diritto universale a nascere, viene calpestato il diritto a vivere, il diritto di scegliere sul proprio corpo e sulla propria vita, di ogni donna. Perché vietare l'aborto non fa diminuire gli aborti. Ma fa solo aumentare il pericolo che una donna deve affrontare durante una gravidanza. Perché di gravidanza e di aborto, si muore. Fonte: The Guardian «La Costituzione non fa alcun riferimento all’aborto e nessun diritto del genere è implicitamente protetto da alcun...
Corte Suprema ribalta Roe v. Wade: negli USA non esiste più il diritto costituzionale all’aborto
Flash News, News dal mondo

Corte Suprema ribalta Roe v. Wade: negli USA non esiste più il diritto costituzionale all’aborto

Ormai è ufficiale: la Corte Suprema ha eliminato il diritto costituzionale all'aborto, annullando la decisione Roe v. Wade del 1973, che garantiva l’aborto a tutte le donne, lasciando adesso la questione della legalità dell'aborto agli stati. Tuttavia, se pensiamo a Stati come il Texas, che ha avuto l'ardore di approvare una Heartbeat Act, ci rendiamo conto come la situazione diventerà critica per le donne statunitensi. Potrebbe interessarvi: Texas: ripristinata la legge anti-abortoUSA: si voterà per abolire l’aborto Fonte: New York Times Negli USA l’aborto è sotto attacco in particolare dopo la morte della compianta Ruth Bader Ginsburg, che è stata sostituita dall’antiabortista e conservatrice Amy Coney Barrett, rendendo quindi la Corte suprema a maggioranza repubblicana. L...
La Polonia insegna al mondo quali sono i rischi di vivere in un Paese dove l’aborto è vietato
Opinioni attuali

La Polonia insegna al mondo quali sono i rischi di vivere in un Paese dove l’aborto è vietato

Negli Stati Uniti si continua a discutere sull'aborto e su come lo si vorrebbe rendere illegale, questo perché la vita è importante. Ma quello che non si capisce, o che forse non si vuole proprio comprendere, è che rendere illegale l'aborto non farà cessare i casi di aborto, ma li renderà solo più pericolosi. La Polonia è un perfetto esempio di come l'aborto sia un omicidio, ma per la donna. La storia di Izabela Sajbor, morta perché i medici non volevano abortire il feto che non aveva alcuna possibilità di sopravvivere, ne è la lampante testimonianza. La cognata di Izabella Sajborn mentre visita la sua tomba.Anna Liminowicz per il New York Times L’aborto negli Stati Uniti è sotto attacco in particolare dopo la morte della compianta Ruth Bader Ginsburg, che è stata sostituita dall’an...