Il governatore del West Virginia ha firmato un disegno di legge contro l’aborto

Condividi

Ci risiamo: un altro governatore degli USA ha firmato una legge contro l’aborto (adesso consentito solo in determinate situazioni mediche o in caso di stupro o incesto). È il caso di Jim Justice, governatore del West Virginia, che ha approvato la House Bill 302 martedì in una sessione speciale, rendendo il West Virginia il secondo stato ad approvare un disegno di legge restrittivo sull’aborto dopo che la Corte Suprema degli Stati Uniti ha ribaltato Roe v. Wade. Il divieto entra in vigore immediatamente, con sanzioni penali previste in 90 giorni.

aborto-west-virginia

Proprio qualche settimana fa abbiamo parlato del duro discorso di una dodicenne davanti al legislatore del West Virginia. Addison è una delle circa 90 persone che hanno parlato in una conferenza pubblica, condividendo le proprie storie sull’aborto prima che una legge fosse approvata per vietarlo. L’Independent riporta le sue parole. «Devo sottoporre il mio corpo al trauma fisico della gravidanza? Devo subire le implicazioni mentali, un bambino che non aveva voce in capitolo su ciò che veniva fatto al mio corpo?». Pone poi una domanda molto importante a cui in troppi non pensano: «Alcuni qui dicono di essere pro-vita. E la mia vita? Della mia vita non ti importa?».

In quell’occasione il governatore del West Virginia Jim Justice, un repubblicano, aveva chiesto ai legislatori di modernizzare e chiarire le restrizioni sull’aborto. «Dal momento in cui la Corte Suprema ha annunciato la propria decisione a Dobbs, ho detto che non avrei esitato a convocare una sessione speciale». «Come ho detto molte volte, sostengo con orgoglio la vita e credo che ogni vita umana sia un miracolo che vale la pena proteggere», disse. Ma nonostante tutte le testimonianze, nonostante le storie di bambine a cui è stato negato l’aborto, nonostante la storia e le parole di Addison, il West Virginia ha deciso di fare un passo indietro sull’aborto.

West Virginia e il passo indietro sull’aborto

Cos’è la HB 302? È la legge che vieta l’aborto in tutti i casi se non per i casi di stupro o incesto fino a otto settimane di gravidanza per gli adulti e le prime 14 settimane di gravidanza per i minori. Tuttavia, la violenza deve essere denunciata alle forze dell’ordine almeno 48 ore prima dell’aborto. Altre eccezioni sono se l’embrione o il feto è morto, se c’è un’emergenza medica o una gravidanza extrauterina, un evento raro in cui l’ovulo fecondato si impianta fuori dall’utero e non può sopravvivere.

aborto-west-virginia
Chris Dorst/Charleston Gazette-Mail/AP

Jim Justice in una conferenza stampa ha dichiarato di aver «fatto esattamente quello che avevo detto che avrei fatto – l’ho firmato». Justice ha detto di essere «orgoglioso di averlo firmato e credo con tutto il cuore che faccia una cosa assolutamente importante: protegge la vita». In risposta, i difensori dei diritti dell’aborto hanno criticato i legislatori per aver votato per vietare l’aborto «dopo settimane di discussioni a porte chiuse».

«Ho detto ancora e ancora e ancora che sono fermamente per la vita», ha detto Justice venerdì. «Ma ho anche detto che dobbiamo avere eccezioni ragionevoli, ragionevoli e logiche», «e credo davvero, davvero che ci siano eccezioni ragionevoli e logiche che ci hanno portato. Ora, con tutto ciò, questa è una legge così volatile e instabile. Ci sono persone che probabilmente non otterranno tutto e tutto ciò che desideravano», ma intanto una persona diversa da un medico autorizzato che esegua un aborto in violazione della legge sarebbe soggetta a reato e fino a 10 anni di carcere.

aborto-west-virginia

Secondo la legge, gli aborti spontanei, i nati morti, la fecondazione in vitro e le cure mediche che provocano la morte accidentale o non intenzionale di un feto non sono considerati aborti. La legge non impedisce la vendita e l’uso di contraccettivi. I fornitori di aborti devono segnalare gli aborti e sono tenuti a informare il genitore di un minore prima che venga eseguito un aborto. Definisce le emergenze mediche come una

«condizione o circostanza che complica a tal punto la condizione medica di un paziente da rendere necessario un aborto per evitare un grave rischio di morte della paziente o un grave rischio di compromissione fisica sostanziale pericolosa per la vita di una funzione corporea importante, esclusa condizioni psicologiche o emotive».

close

Non perderti le nostre news!

Non inviamo spam! Leggi la nostra Informativa sulla privacy per avere maggiori informazioni.