Una bambina di 11 anni è incinta, e la famiglia si rifiuta di farla abortire

Condividi

Una bambina di 11 anni che già in precedenza ha partorito dopo aver subito uno stupro ad appena 10 anni, è nuovamente incinta di un secondo bambino. Lo confermano le autorità brasiliane, dove è successa questa tragedia. La gravidanza è stata scoperta venerdì scorso, quando la bambina è stata esaminata durante il soggiorno presso un rifugio a Teresina, Piaui, Brasile nord-orientale. I servizi per l’infanzia hanno immediatamente riferito i risultati al Dipartimento di polizia per la protezione dei bambini e degli adolescenti (DPCA), che indagheranno sullo stupro e sulla gravidanza. La madre di lei si rifiuta di farla abortire.

bambina-11-anni-incinta-aborto
DPCA

L’aborto per le bambine è un argomento molto discusso nell’ultimo periodo. Ad esempio, Philip Gunn, membro della camera del Mississippi, ha affermato di ritenere che una ragazza di 12 anni violentata e messa incinta da suo padre non dovrebbe essere autorizzata ad abortire. Secondo lui le leggi sull’aborto non dovrebbero fare alcuna eccezione per lo stupro o per l’incesto, perché «la vita inizia al concepimento» e «ogni vita è preziosa». Tranne le vite delle bambine già in vita, però, di quella non importa.

Allo stesso modo, in Ohio, a una vittima di stupro di 10 anni, rimasta incinta, è stato negato l’aborto. «A una bambina di 10 anni vittima di abusi è stato negato un aborto in Ohio perché era incinta da 3 giorni e 6 settimane. Questa è una pazzia. Ha 10 anni!», ha scritto il procuratore generale della Carolina del Nord, Josh Stein, su Twitter. «Una bambina di 10 anni viene violentata. Lo Stato la costringe a rimanere incinta e le dice di considerarla una “opportunità”. Questo non è l’Iran. Questo non è Galaad. Questo non è ipotetico. Questo è successo oggi in Ohio», ha invece scritto Gavi Begtrup, candidato alla rappresentato dello Stato dell’Ohio.

11enne vittima di stupro rimane incinta: negato l’aborto dalla famiglia

La bambina sarebbe rimasta incinta per la seconda volta, ma il padre di lei ha detto alla polizia e ai media locali che sua figlia si rifiuta di rivelare chi è il padre, e al momento non ci sono dei sospetti ufficiali. Globo, quotidiano del Brasile, ha confermato che l’undicenne porterà a termine la gravidanza, sebbene abbia la possibilità di ricorrere all’aborto in quanto è consentito in caso di stupro. Il caso è esploso solo qualche mese dopo che il presidente Bolsonaro ha denunciato l’aborto di un’altra vittima di stupro, anche lei undicenne, definendolo “inaccettabile“.

bambina-11-anni-incinta-aborto

La ragazza la cui gravidanza è stata scoperta dai servizi sociali venerdì è rimasta incinta per la prima volta nel gennaio 2021 dopo essere stata stuprata. Un cugino, che presumibilmente era uno dei sospettati, è stato ucciso poco dopo la notizia del crimine, anche se il suo assassino non è stato trovato e il movente non è mai stato ufficialmente stabilito. I genitori della piccola sono divorziati e vivono separatamente, ma entrambi hanno deciso che la figlia avrebbe portato il bambino a termine la gravidanza, andando contro il parere dei professionisti medici e legali.

Dopo la nascita, la bambina e suo figlio neonato hanno vissuto a casa di suo padre, ma lui ha chiesto che i servizi sociali li prendessero in cura nel mese di agosto, citando problemi comportamentali. Una volta in cura, però, i lavoratori hanno notato rapidamente che la ragazza si comportava in modo strano e hanno deciso di condurre una visita medica. La portavoce dei servizi sociali Renata Bezerra ha dichiarato: «al rifugio, hanno notato che il suo comportamento era diverso ed è stata portata all’ospedale di maternità».

Continua: «hanno fatto alcuni esami di routine in modo che potesse rimanere al rifugio e le è stato chiesto di sottoporsi a un test Beta-hCG. Il test è risultato positivo, indicando che era incinta di 10 settimane e un giorno». I servizi sociali hanno stabilito che la bambina deve essere stata stuprata e ingravidata nel mese di giugno. Si pensa che vivesse a casa di suo padre al momento, ma questo non è stato confermato. I servizi sociali hanno quindi informato i genitori della gravidanza della ragazza venerdì e hanno fortemente consigliato loro di autorizzare un aborto, ma sia il padre che la madre hanno rifiutato.

bambina-11-anni-incinta-aborto

Bezerra ha detto: «venerdì, quando siamo arrivati a casa sua con un test di gravidanza positivo, abbiamo cercato di sollecitarla a ottenere un aborto legale, tramite il Pubblico Ministero, ma avevamo bisogno dell’autorizzazione dei suoi genitori. E sua madre non l’ha autorizzato». Gli agenti del DPCA hanno aperto un’indagine sullo stupro e la fecondazione della bambina. Il sospetto, se catturato, rischia una pena detentiva compresa tra gli 8 e i 15 anni per sesso con un minore di età inferiore ai 14 anni.

close

Non perderti le nostre news!

Non inviamo spam! Leggi la nostra Informativa sulla privacy per avere maggiori informazioni.