La terapia ormonale per le persone trans sarà gratis

Condividi

Finalmente una lieta notizia per la comunità LGBT: tutte le persone transgender che vogliono iniziare una terapia ormonale per cambiare il proprio genere biologico, potranno farlo senza dover fare sacrifici immani per potersi permettere i farmaci. Una conquista, una vittoria non solo per la comunità ma anche per i diritti umani.

Lo scorso anno il prezzo dei farmaci per le persone che soffrivano di disforia di genere era aumentato del 300%. Il Progynova, un ormone sessuale femminile che appartiene al gruppo dei farmaci per la Terapia Ormonale Sostitutiva (TOS), era passato dal costare €3 a costarne €10, poiché declassato dalla fascia A dei medicinali a alla fascia C.

Questo aveva causato molto malcontento, poiché era un farmaco essenziale per i transgender. Ma, pere fortuna, quest’incubo è concluso, anche e soprattutto grazie alla giunta della Regione Emilia Romagna e alla Gazzetta, che ha inserito le determine dell’Agezia del Farmaco.

A dare la notizia è stato il Mit, il Movimento identità trans insieme ad altre organizzazioni LGBTQ+:

TERAPIA ORMONALE SOSTITUTIVA PER TUTT* IN TUTTA ITALIA

📣 Tutela e garanzia del benessere e della salute trans,…

Pubblicato da MIT – Movimento Identità Trans su Giovedì 1 ottobre 2020

Terapia ormonale finalmente gratuita

terapia-ormonale-italia
Fonte: pinterest

L’Aifa ha stabilito che «i farmaci per le persone transgender debbano essere a pieno carico dello stato mettendo fine a un’epoca di arbitrarietà nella somministrazione di questi farmaci vitali e rinforzando un principio di parità e di rispetto delle persone, che ci auguriamo resti un criterio basilare per il futuro».

Una conquista per la comunità LGBT, per la comunità transgender  ma anche per i diritti umani delle persone, per la vicinanza all’uguaglianza tanto ambita. Il cordinatore di Arcigay Emilia-Romagna afferma che questa decisione «finalmente valida il termine transgender nella terminologia ufficiale» e «contribuisce a superare una situazione normativa che considera ancora purtroppo la chirurgia il punto di riferimento principale».

La regione Emilia Romagna è partita dalla legge creata per contrastata l’omolesbobitranegatività, approvata nel 2019, all’art.5 stabilisce che «il servizio sanitario regionale, i servizi socio-assistenziali e socio-sanitari sostengono e promuovono iniziative di informazione, consulenza e sostegno sulle tematiche specifiche che coinvolgono le persone gay e lesbiche, transgender e intersex. Le medesime iniziative sono offerte ai genitori e alle famiglie».

Su questo presupposto, ha garantito dalla giornata di ieri che le «persone residenti la possibilità di ricevere i farmaci sotto stretto controllo del servizio sanitario regionale, secondo le indicazioni di appropriatezza prescrittiva stabilite dalla Commissione regionale del farmaco».

terapia-ormonale-italia
Fonte: pinterest

Per cui, se vorrete iniziare la transizione, se volete finalmente iniziare a essere chi sentite di essere, se volete rendere concreta la persona che siete dentro al corpo che sentite non vi appartenga, non dovrete fare altro che presentarvi alla farmacia ospedalieria presentando il piano teraupetico e iniziare la terapia ormonale che tanto avete desiderato, e potrete farlo gratuitamente.

Da oggi, da quest’ottobre 2020, l’Italia è un paese più vicile, un paese dove l’uguaglianza comincia a essere estesa anche alle minoranze. Adesso, non ci resta che cambiare la mentalità.

Autore

  • Giulia, 22 anni, blogger. Amo scrivere, leggere, guardare serie tv e anime, i gatti e seguire le giuste polemiche. Instagram: @murderskitty

close

Non perderti le nostre news!

Non inviamo spam! Leggi la nostra Informativa sulla privacy per avere maggiori informazioni.