Netflix aumenta il costo dell’abbonamento mensile?

Condividi

Netflix è una delle piattaforme di streaming più conosciute e apprezzate in tutto il mondo proprio perché dà la possibilità di guardare un grande catalogo di film, serie tv, documentari, anime e persino k-drama, a un prezzo non troppo elevato e con la possibilità di poter dividere il costo con amici e parenti. Proprio qualche mese fa avevamo parlato di un rumor secondo cui non sarebbe stato più possibile dividere l’abbonamento, mentre adesso si pensa che il costo, semplicemente, aumenterà.

netflix-aumenta-i-prezzi
Fonte: pexels

Non era vero che Netflix non avrebbe più permesso più la condivisione del profilo per chi non vive sotto lo stesso tetto e quindi non condivide lo stesso wifi. Ci avevano pensato anni fa e non lo hanno fatto perché, lo sappiamo noi come loro, ci perderebbero tantissimi soldi. Netflix permette la visione su massimo quattro dispositivi in contemporanea, non ponendo alcun limite sulla rete internet o sul legame familiare, addirittura esistono siti che hanno lucrato su questa cosa (come together price che ti mette in contatto con persone con cui condividere l’account), per cui non è illegale.

Questa era una cosa che abbiamo capito sin da subito e che si è rivelata quindi essere una fake news. Tuttavia, per quanto riguarda l’aumento dei prezzi, non sembrano esserci troppi dubbi, non sembra essere una notizia falsa per ottenere qualche click. Ma c’è anche da dire che il prezzo non aumenterà di 5, 10 o 20 euro, ma solo di una piccola percentuale che, suddivisa con altre persone, non è poi così grave. Ovviamente non siamo noi di Cup of Green Tea a dire se una cosa è cara o no, ma di certo non deve esserci tanto allarmismo solo per un aumento di prezzo (anche perché, se dovesse essere troppo caro, Netflix se ne renderà conto).

Netflix aumenta i prezzi degli abbonamenti

netflix-aumenta-i-prezzi
Fonte: Pexels

Dal 2 ottobre Netflix ha deciso di aumentare i prezzi degli abbonamenti, ma non quello che riguarda il piano base, quindi l’abbonamento da €7,99 che rimarrà tale (in fin dei conti è quella che permette di vedere il catalogo solo da un dispositivo e anche senza HD, non converrebbe far aumentare il prezzo), tuttavia per chi ha un contratto con più schermi, dovrà cominciare a pagare di più.

In primis, c’è l’abbonamento standard (due dispositivi in contemporanea con una qualità Hd) che passa da €11,99 a €12,99. Il Premium (quattro dispositivi fruibili contemporaneamente e una visione in 4k) è quello che aumenta di più, passando da €15,99 a €17,99, quindi di ben due euro. In ogni caso Netflix invierà una notifica via email a tutti gli abbonati da 9 ottobre e in app 30 giorni prima che ci sia l’aumento effettivo.

netflix-aumenta-i-prezzi
Fonte: Pexels

La notizia è stata riportata da un portavoce di Netflix tramite il Sole 24 ore, che fa sapere che l’obiettivo è quello di «offrire un’esperienza di intrattenimento che superi le aspettative dei nostri abbonati» e che hanno preso questa decisione per «riflettere i miglioramenti che apportiamo al nostro catalogo». Tuttavia, Assoutenti con il presidente Furio Truzzi segnalano che questi “miglioramenti” peseranno molto sulle famiglie.

«Dopo le bollette di luce e gas, la benzina alla pompa e i prezzi al dettaglio, un altro rincaro investe le tasche degli italiani, e stavolta a finire nel girone infernale degli aumenti è il settore del tempo libero e del relax. […] Una brutta notizia per i consumatori già alle prese con fortissimi aumenti dei prezzi al dettaglio, con la stangata sulle bollette luce e gas e col caro-benzina, e che determinerà nuovi esborsi in capo alle famiglie», ha detto il presidente Truzzi.

Insomma, forse tante persone si renderanno conto che è troppo e decideranno di eliminare il proprio abbonamento. Solo in questo modo Netflix si renderà conto di aver preso la decisione sbagliata.

Autore

  • Giulia, 22 anni, blogger. Amo scrivere, leggere, guardare serie tv e anime, i gatti e seguire le giuste polemiche. Instagram: @murderskitty

close

Non perderti le nostre news!

Non inviamo spam! Leggi la nostra Informativa sulla privacy per avere maggiori informazioni.

Previous post Giorgio Parisi vince il premio Nobel per la Fisica e lancia un importante appello
Next post Gli abusi sui minori da parte della Chiesa in Francia fanno accapponare la pelle