#35 – Impariamo il polacco: che ore sono? Która godzina?

Condividi

Dopo una lezione di grammatica, passiamo al lessico polacco. Perché, sì, lo abbiamo detto, la grammatica è importante così come lo è anche il lessico o il vocabolario, ma la prima è anche noiosa, per cui cercheremo di variare quanto più possibile le lezioni. Io, poi, sono più per un approccio umanistico nell’insegnamento di nuove lingue, ma chiaramente è difficile cercarlo di trasmetterlo tramite una rubrica sul blog. E, poiché a me stava annoiando vedere il film 5 minuti a settimana, ho deciso di riaprire i libri. Oggi vedremo come chiedere e rispondere all’orario.

impariamo-il-polacco-orario

Voglio ricordarvi, prima di cominciare, che questa rubrica è arrivata al suo 35esimo capitolo. Sebbene ci siano alcune eccezioni con dei termini legati a festività o eventi d’attualità, la maggior parte degli articoli parla proprio di grammatica, partendo con il primo, dove ci siamo approcciati al polacco con l’alfabeto e i digrammi, ma poi abbiamo continuato con le declinazione, le coniugazioni e tanto altro ancora! In alcuni abbiamo anche parlato di lessico, forse proprio in quelli legati alle festività, per cui recuperateli se potete!

Ai tempi utilizzavo il libro “Impariamo il polacco, manuale per principianti” di Bartnicka Barbara della casa editrice Wiedza Powszechna, mentre adesso sto usufruendo di diversi libri. Per la lezione di oggi continuerò con il Basic Polish: A Grammar and Workbook di Dana Bielec. Come vi ho detto la scorsa volta, sto molto apprezzando questo libro, sebbene sia in lingua inglese, poiché alla fine di ogni capitolo ci sono anche degli esercizi. Detto ciò, passiamo subito a come chiedere in polacco l’orario.

Impariamo il polacco: che ore sono?

In primis, l’orario in polacco non è proprio come in italiano. Certo, entrambi chiediamo che ore sono? o a che ora?, ma la differenza sta nella risposta. Mentre noi rispondiamo con sono le 15 e un quarto, loro direbbero che è la quindicesima ora e 15 minuti. Utilizzano quindi i numeri ordinali. O ancora, mentre noi diciamo sono le otto meno dieci, loro direbbero che siamo a dieci minuti dall’ottava ora. E così via.

impariamo-il-polacco-orario

Come in italiano, però, anche in polacco si omette il termine ora, che in polacco è godzina. Non diremo è la quindicesima ora, ma solo è la quindicesima. Insomma, è sottinteso. Chiaramente per parlare di ore bisognerà anche sapere i numeri ordinali (magari vorrete ripetere i numeri cardinali in primis: #7 – Impariamo il polacco: gli aggettivi numerali e i numeri cardinali), e bisogna saperli al femminile.

Per specificare il minuto dell’ora che sta per arrivare, poi, si utilizza za + nominativo dell’ora. Per i minuti passati dell’ora, invece, po + locativo dell’ora. E ancora, per le mezzore, do + genitivo dell’ora successiva. I minuti si declinano come dei sostantivi femminili comuni. Il locativo femminile singolare è come il genitivo singolare, per cui va aggiunto solo -ej al numero ordinale. Facciamo adesso degli esempi:

  • Która jest godzina? Jest…: Che ore sono? Sono le…
  • Jest pierwsza: È l’una
  • Jest piąta (zero) dziewięć: Sono le 5.09
  • Jest ósma pięćdzieści: Sono le 8.50
  • Jest siódma trzydzieści / Jest wpół do ósmej: Sono le 7.30 It’s 7.30
  • Jest dokładnie dwunasta: Sono le 12 in punto
  • Jest południe: È mezzogiorno
  • Jest północ: È mezzanotte
  • Jest za kwadrans czwarta: Sono le 3.45
  • Jest kwadrans po czwartej: Sono le 4.15

Vediamo ora i casi specifici.

O + locativo

La o viene utilizzata prima delle ore piene e facoltativamente prima della mezz’ora. Si traduce con “a” o “alle”.

  1. O której (godzinie)…?: A che ora…?
  2. O dziewiątej: Alle 9.00
  3. O drugiej trzydzieści / o wpół do trzeciej: Alle 2.30

Za + nominativo

Si usa per specificare il minuto dell’ora che sta per arrivare.

  1. Jest za dwadzieścia pierwsza: Sono le 12.40
  2. Jest za pięć szósta: Sono le 5.55

In questo caso vi diamo anche qualcosa di lessico:

  • rano: al mattino
  • przed południem: a.m.
  • po południu: p.m.
  • wieczorem: durante la sera
  • w nocy: durante la notte
  • pół godziny: mezzora

Za, tra l’altro, si usa per esprimere un orario in un tempo specifico, ma senza dire l’orario (ad esempio, fra mezzora, fra un’ora, fra cinque minuti), accompagnato dall’accusativo. Al contrario, per un orario di cui si sa proprio l’orario (ad esempio, le 16, le 18, le 20.30), si usa na, sempre con l’accusativo.

Po + locativo

Si usa per i minuti passati dell’ora.

  1. Jest minuta po drugiej: Sono le 12.01
  2. Jest trzy minuty po jedenastej: Sono le 11.03
  3. Jest sześć minut po czwartej: Sono le 4.06
impariamo-il-polacco-orario

Autore

close

Non perderti le nostre news!

Non inviamo spam! Leggi la nostra Informativa sulla privacy per avere maggiori informazioni.