#29 – Impariamo il polacco: guardiamo un film insieme

Condividi

Come vi avevo promesso, oggi guardiamo un film polacco insieme. Avendo Netflix, ho scelto Amore al quadrato (qui trovate il film), che è forse uno dei meno imbarazzanti e comunque non troppo pesanti che ci sono. L’alternativa era Sexify, ma gli episodi sono abbastanza lunghi (una 50ina di minuti circa), mentre noi vedremo 5 minuti ad articolo, analizzando frase per frase, per cui vedere un film che dura un’ora e quaranta minuti è decisamente la scelta giusta. Come faremo? Continuate a leggere e mettetevi alla prova insieme a me.

impariamo-il-polacco-film-1

Quello che vi consiglio se siete all’inizio dell’apprendimento del polacco è di vedere prima il film (anche solo i primi dieci minuti) in lingua italiana, o magari in polacco con i sottotitoli in italiano. Poi passate alla lingua polacca con i sottotitoli in polacco. Conoscendo il significato di quello che stanno dicendo, sarà più semplice comprendere il significato delle parole polacche. Sarebbe più utile farlo anche con film visti e stravisti, come Harry Potter, tuttavia per vederlo in un’altra lingua avremmo bisogno di un VPN e poi meglio vedere un film proprio polacco.

Per quanto riguarda Amore al Quadrato, Miłość do Kwadratu in lingua originale, parla di Enzo, un giornalista che si occupa delle star e che ha la fama del Don Giovanni e Monika/Klaudia, un’insegnante che, per guadagnare di più, fa anche la modella, indossando una parrucca e delle lenti a contatto in modo da non farsi riconoscere. Mentre sono sul set, tra i due nasce una scintilla, ma anche nella vita comune, con l’identità di Monika, i due si conoscono e scoppia un’altra scintilla. Enzo quindi si trova a impazzire per due donne, che però sono la stessa. Come finirà la loro storia d’amore?

L’idea iniziale era di analizzare 20 minuti ad articolo, ma in realtà sarebbe abbastanza complesso e lungo, per cui prenderemo i primi cinque minuti. Se dovessi fare esattamente l’analisi grammaticale e logica sarebbe molto complesso, quindi indicherò solo il significato delle parole. Non tradurremo tutte le battute ma magari solo le più lunghe, in quanto tradurre un “nie” sarebbe troppo anche per chi si trova all’inizio dell’apprendimento. Buona visione a tutti voi e perdonatemi per aver scelto un film così imbarazzante.

Impariamo il polacco con un film: Amore al Quadrato (primi 5 minuti)

«Prosiłem, żeby Gucio nie spał w naszym łożku»
La prima parola è il verbo chiedere ma anche supplicare, mentre żeby è una congiunzione che significa perché o affinché. Gucio è il nome del cane che in italiano viene tradotto con Willy. Spał è un verbo, dormire, naszym significa nostro e, infine, łożku è il letto. La prima frase pronunciata nel film quindi verrebbe tradotta (vi ricordo che non ho alcuna laurea in polacco e sono un’autodidatta, per cui potrei benissimo sbagliarmi e, anzi, se non siete d’accordo con la traduzione fatemelo sapere!): «Ti supplico, affinché Gucio non dorma sul nostro letto».

«Nigdy nie mów na Gustawa Gucio»
Questa non è molto difficile. Nigdy è l’avverbio mai, mów invece è il verbo chiamare. Il resto sono i due nomi “Gustawa” e “Gucio”. La traduzione è quindi: «Non chiamare Gustaw Gucio».
«Gdzie byłeś?» è una domanda che significa letteralmente «Dove sei stato?». Le viene risposto «nidgzie», che significa «da nessuna parte».

«Obudziłeś go, a to bardzo niedobrze, ponieważ w tym tygodniu mamy krycie».
Obudziłeś go significa “l’hai svegliato”, bardzo molto e niedobrze non buono, male. Quindi lo tradurremmo non “non va molto bene”. Ponieważ è “perché” , mentre w tym tydodniu è letteralmente “questa settimana”. Mamy sappiamo essere il verbo avere e krycie significa accoppiamento. Letteralmente, quindi: «L’hai svegliato, non va bene, questa settimana ha l’accoppiamento».

«Brak snu źle wpływa na libido, kochanie»
Brak è mancanza, snu sonno, źle male, mentre wpływa è il verbo influire. Libido è come l’italiano libido. Infine, kochanie è un soprannome carino che significa “amore”, “tesoro”, piccolo”. Letteralmente, quindi: «La mancanza di sonno influisce male sulla libido, amore».

A questo punto cambiamo scena e passiamo a conoscere la seconda protagonista.

«Wiesz co, bo… My będyiemy jakieś ryby łowić?»
La prima parte, prima dei puntini, significa letteralmente «Sai una cosa, perché…». A questo punto si interrompe e si continua con my, che è il pronome polacco noi, będyiemy che è il verbo essere al futuro, mentre jakieś significa qualche, circa specie, insomma è un aggettivo. Ryby łowić hanno un significato simile: il primo pesce, il secondo pescare. La traduzione di questa frase è quindi: «Che pesce dobbiamo pescare?».

«Nie łowić, tylko przyciągać. I nie ryby, a uwagę»
Alcune parole già le conosciamo dalle frasi precedenti, per cui: tylko significa soltanto, mentre przyciągać è il verbo attirare. Uwagę, infine, è l’attenzione. Quindi: «non pescare, solo attirare. E non pesci, ma attenzioni». La protagonista è una docente, per cui si riferisce ad attirare l’attenzione dei suoi studenti.
«Nic z tego nie kumam»
Breve e significa: «non capisco niente».

«Nie przejmuj się, moj dyrektor też nie kuma».
Anche qui ci sono parole dal polacco che conosciamo già. Przejmuj è il verbo preoccuparsi, dyrektor è simile al nostro direttore o, in questo caso, preside, też significa anche ma, insieme a nie, significa neanche. Quindi, letteralmente lo traduciamo dal polacco all’italiano con: «non preoccuparti, neanche il mio preside capisce».

«Jeszcze jedna reklamka i po robocie».
Jeszcze significa ancora, jedna è uno, reklamka è intuibile, in quanto simile all’italiano reclamo. Quello che potrebbe darci problemi è po robocie. Po significa, poi, dopo, mentre robocie è lavoro. Quindi traduciamo con: «ancora un’altra pubblicità» la prima parte. Per l’ultima ho un po’ di difficoltà. In italiano viene tradotta con “e siamo a posto”, ma non ho idea di quale sia la traduzione letterale.

«Te przebjeranki mnie wykończą, ale spłacę dług ojca i finito».
Przebjeranki sono i travestimenti, mentre wykończą è il verbo uccidere. Ale significa ma, come abbiamo visto nei primi articoli in cui ci occupavamo della grammatica del polacco. Spłacę significa pagare, restituire, dług sono i debiti, ojca è padre mentre finito ha il nostro significato, sebbene non sia un verbo ma più un avverbio che significa “basta”. Traduciamo quindi: «Questi travestimenti mi uccideranno, ma pagherò i debiti di mio padre e basta».

«Po prostu mam tego dość».
Questo è un modo di dire abbastanza semplice: «ne ho solo abbastanza di questo». Qui saltiamo in quanto sono brevissime battute.
«Monia, już ci mówiłem, ten goły tyłek ma także serce, rozum, uczucia, marzenia…».
Monia è il nome proprio, Monica. Już ci mówiłem invece significa “te l’ho già detto”. Goły significa nudo, tyłek è un modo volgare per dire culo, ma è sempre il verbo avere, także è anche. Comincia poi una serie di nomi: serce è cuore, rozum testa, uczucia sentimenti e marzenia sogni.

«A do tego swietnie wychodzi na zdjęciach».
Traduciamo swietnie con perfettamente, wychodzi con il verbo uscire e, infine, na zdjęciach nelle foto. Quindi: «ed esce anche perfettamente nelle foto».
«Gdyby każby facet myślał jak ty, to świat byłby całkiem spoko».
La prima parola significa se, la seconda tutti e, infine, la terza uomini. Quindi “se tutti gli uomini”. Myślał è il verbo pensare, “jak ty” come te. Nella seconda parte della frase abbiamo świat che significa mondo, całkiem è l’avverbio davvero, completamente e spoko è tranquillo, fantastico. Quindi: «se tutti gli uomini fossero come te, il mondo sarebbe un posto completamente fantastico».

impariamo-il-polacco-film-1

E qui concludiamo la prima parte del film. Non siamo a cinque minuti precisi ma sarebbe stato inutile iniziare una scena senza poterla concludere. Alla settimana prossima!

Autore

close

Non perderti le nostre news!

Non inviamo spam! Leggi la nostra Informativa sulla privacy per avere maggiori informazioni.