Croazia: le coppie LGBT potranno adottare

Condividi

Splendida notizia dalla Croazia: le coppie LGBT potranno prendere parte ai processi di adozione, ed ormai è ufficiale! La sentenza sulle adozioni LGBT è stata emanata dal tribunale di Zagabria, è definita «storica» e supporta il diritto delle coppie LGBT di poter applicare il processo per adottare dei bambini, proprio come possono già fare le persone eterosessuali. Adesso, finalmente, più bambini potranno avere una famiglia che li ami e li apprezzi, perché, ricordiamolo, delle persone per essere una famiglia devono essere circondate dall’amore e dal rispetto, a prescindere dal loro sesso.

croazia-adozioni-lgbt
Fonte: pinterest

Mentre in Italia stiamo lottando per far approvare il DDL Zan tenuto in ostaggio dalla destra che ha paura che sia «liberticida» o che afferma che «già esista una legge che tutela gli omosessuali» o tutte le altre cavolate che dicono e che dimostrano solo di non aver mai letto il testo (tra l’altro, a breve parleremo anche della figuraccia di Giorgia Meloni ieri in una radio), in Croazia fanno un passo avanti e decidono di rendere possibili e legali le adozioni LGBT.

Perché per essere una famiglia non serve che ci sia per forza una mamma e un papà, ma potrebbero esserci anche due mamme o due papà, l’importante è che ci sia l’amore e il rispetto. Tra l’altro, quante volte dei bambini si sono trovati a crescere solo con un genitore, oppure con dei nonni, o ancora con una mamma e una nonna, o con un papà e un nonno? Tutti quei figli crescono deviati? Ricordiamo anche che i figli che le persone omosessuali vogliono amare, sono gli stessi che sono stati abbandonati (ovviamente non giudichiamo chi si trova costretto ad abbandonare, sono scelte molto difficili) da coppie eterosessuali.

Adozioni LGBT in Croazia

croazia-adozioni-lgbt
Fonte: pinterest

Lo scorso anno i tribunali croati avevano concesso alle persone dello stesso sesso di poter divenire genitori affidatari (ovvero accudire e prendersi cura di bambini per un periodo limitato di tempo, finché i loro genitori biologici non possono riprenderli con sé), ma i gruppi attivisti hanno lottato per far sì che la Corte Amministrativa di Zagabria rendesse le persone omosessuali anche dei genitori adottivi, e così è stato: le adozioni LGBT in Croazia sono ufficialmente legali.

La Rainbow Family Association ha definito questa sentenza come un «momento storico», per poi affermare che questo «verdetto apre la porta a tutte le coppie gay e lesbiche» che sul territorio croato vogliono adottare un figlio, e garantisce anche che non debbano essere discriminati per il proprio orientamento sessuale. A proposito di ciò, citiamo la coppia formata da Mladen Kozic e Ivo Segota, che, secondo la corte, non devono essere discriminati «nella procedura di valutazione per l’adozione perché sono divenuti una coppia legale».

La Rainbow Family Association ha anche sottolineato che «il diritto del bambino ai migliori genitori adottivi rimane una priorità, e questa sentenza non significa automaticamente che le coppie gay e lesbiche devono diventare genitori adottivi, ma le coppie legali possono ora senza paura contattare il loro centro di assistenza sociale e richiedere una valutazione per l’adozione», proprio come viene fatto per le coppie eterosessuali. Perché, che siano adozioni LGBT o eterosessuali, l’importante è che il bambino sia al sicuro, e sia amato.

croazia-adozioni-lgbt
Fonte: pinterest

Il presidente dell’associazione, Daniel Martinovic, ha anche detto di aspettarsi una lunga lotta che potrebbe anche portare il caso delle adozioni LGBT alla Corte Europea dei Diritti Umani, «tuttavia, il Tribunale amministrativo di Zagabria ha agito correttamente, rispettando la Costituzione, le convenzioni internazionali e le nostre leggi, e ha deciso a favore dei nostri membri Mladen Kozic e Ivo Segota», che nel 2016 avevano richiesto una domanda di adozione ma dopo pochi mesi sono stati respinti in quanto coppia omosessuale (le persone single possono invece adottare).

Questo delle adozioni LGBT in Croazia è un piccolo grande passo per l’uguaglianza e per l’amore e speriamo che, al più presto, possa essere accolto anche in altri paesi nel mondo, in modo che ci siano sempre meno bambini negli orfanotrofi e sempre più nelle case, amati e rispettati a prescindere dal sesso dei propri genitori. E voi cosa ne pensate delle adozioni LGBT?

Autore

  • Giulia, 22 anni, blogger. Amo scrivere, leggere, guardare serie tv e anime, i gatti e seguire le giuste polemiche. Instagram: @murderskitty

close

Non perderti le nostre news!

Non inviamo spam! Leggi la nostra Informativa sulla privacy per avere maggiori informazioni.

Previous post Ossa umane trovate a Modena: sono di Paola Landini?
Next post Giorgia Meloni contro il “gender nelle scuole”, senza sapere cosa il gender sia