Chiara Ferragni entra a far parte del Cda di Tod’s

Condividi

Ieri Chiara Ferragni insieme a Tod’s hanno annunciato che l’influencer più famosa d’Italia entrerà a far parte del Cda della celebre azienda di moda. Inutile dire che c’è chi è stato felice, c’è chi, com’è giusto che sia, se n’è fregato e chi, probabilmente verde dall’invidia, ha voluto giudicare Chiara Ferragni, decidendo addirittura di non acquistare più dal brand. E va bene Karen, faranno a meno di te.

chiara-ferragni-tod-s
Fonte: twitter

Tod’s è un’azienda italiana che produce calzature, abbigliamento e accessori con vari marchi, come Hogan, Fay o Roger Vivier (oltre all’omonimo ovviamente). Nel 2000 è stata quotata nell’indice FTSE Italia Mid Cap della Borsa di Milano e, quando ieri Chiara Ferragni ha annunciato la sua collaborazione, il titolo è passato da 11,6% a 32,04 euro e continua ancora a salire. D’altronde, Chiara Ferragni non è una persona a caso, ma è la prima influencer italiana, colei che ha portato le influencer in Italia, colei che ha creato un nuovo mestiere per la nostra generazione.

In effetti, prima di passare alla notizia principale, non possiamo non citare quello che Chiara Ferragni ha fatto, mentre tutti i boomers (e non solo) continuano a deriderla solo perché non fa un lavoro tradizionale: la scorsa settimana l’influencer ha avuto il coraggio di smascherare la regione Lombardia in una situazione tanto delicata come quella dei vaccini. Sia lei che Fedez più volte si sono occupati di ingiustizie o di aiutare altre persone e, proprio di recente, hanno cercato di intervenire per quanto concerne il DDL Zan. Possono sembrare sciocchezze ma, considerando che ci sono influencer che parlano di come una donna non debba mai farsi vedere in tuta dal fidanzato, bisognerebbe solo ringraziare.

chiara-ferragni-tod-s
Fonte: twitter

Chiara Ferragni nel Cda di Tod’s

Diego Della Valle ha scelto Chiara Ferragni, blogger e influencer, con una propria linea di abbigliamento, calzature e accessori, come membro del consiglio di amministrazione di Tod’s. La bionda aveva già collaborato con il brand tramite alcune pubblicità, ma adesso la situazione è più seria e soprattutto impegnativa per Chiara, che sarà la voce delle nuove generazioni.

chiara-ferragni-tod-s
Fonte: twitter

«Ritenendo sempre più importante occuparsi di impegno sociale, della solidarietà verso il prossimo e della sostenibilità nel rispetto dell’ambiente e del dialogo con le giovani generazioni, il gruppo Tod’s nomina Chiara Ferragni membro del Cda», ha scritto Della Valle in una nota, annunciando l’ingresso dell’influencer fra i membri del Cda e facendo guadagnare il 14% in borsa al brand.

«Mi fa molto piacere che Chiara Ferragni sia entrata nel cda di Tod’s. La conoscenza di Chiara del mondo dei giovani sarà sicuramente preziosa. Inoltre, insieme, cercheremo di costruire progetti solidali e di sostegno per chi ha più bisogno, sensibilizzando e coinvolgendo sempre di più le nuove generazioni in operazioni di questo tipo», ha detto ancora. Il gruppo Tod’s invece commenta:

«Siamo certi che la conoscenza di Chiara del mondo dei giovani, unita all’esperienza dei membri del cda, possa costruire un gruppo di pensiero dedicato a progetti focalizzati alla solidarietà verso gli altri, con forte attenzione al mondo giovanile che, mai come in questo momento, ha bisogno di essere ascoltato».

Chiara ovviamente ha ringraziato Diego Della Valle «per la fiducia e il rispetto che ha nei miei confronti come donna e manager. Unirmi al gruppo Tod’s significa dare voce alla mia generazione con una delle eccellenze dell’Italia nel mondo». A noi non resta che fare un grande in bocca al lupo a Chiara Ferragni, sicuri che riuscirà a brillare anche in questa nuova avventura.

Autore

  • Giulia, 22 anni, blogger. Amo scrivere, leggere, guardare serie tv e anime, i gatti e seguire le giuste polemiche. Instagram: @murderskitty

close

Non perderti le nostre news!

Non inviamo spam! Leggi la nostra Informativa sulla privacy per avere maggiori informazioni.

Previous post #34 – Riviviamo i classici della nostra adolescenza: R u mine?
Next post Malika, 22 anni, cacciata da casa perché omosessuale