Chiara Ferragni devolve il compenso di Sanremo in beneficenza: ed è subito polemica

Condividi

Chiara Ferragni condurrà insieme ad Amadeus la prima e l’ultima serata di Sanremo 2023, e ha appena annunciato che devolverà il compenso che riceverà alla rete nazionale antiviolenza D.I.RE. Lo ha annunciato la stessa imprenditrice digitale in una conferenza a Palazzo Parigi, a Milano, dove ha scelto di indossare una maglia con la scritta Girls supporting Girls. Ovviamente, qualsiasi cosa fa Chiara Ferragni, non va bene. Non fa beneficenza? Una con così tanti soldi dovrebbe farla. La fa? Dovrebbe farla in silenzio. La fa in silenzio senza dirlo a nessuno? Torna al punto uno.

Chiara Ferragni è una delle persone più influenti in Italia. Milioni e milioni di followers, non solo nello stivale ma anche nel resto del mondo. Sia lei che Fedez sono stati invitati al Met Gala di quest’anno, e prima di ciò hanno ricevuto il Leone d’oro per l’impegno civico, durante il Covid-19 si è sempre impegnata, sia aiutando le persone che istituendo delle raccolte fondi per aiutare gli ospedali e, grazie a lei e al marito, Fedez, Milano ha avuto un reparto di terapia intensiva in più.

chiara-ferragni-sanremo

Il blog che l’ha resa famosa si chiama The Blonde Salad e oggi è un vero e proprio brand con prodotti di moda che vanno da scarpe a orecchini a collaborazioni importanti con aziende come la Lancome e l’Oreo, ma quella della bionda è stata una vera e propria scalata in un settore difficile e chiuso come quello della moda. Inizialmente ha frequentato l’università Bocconi, ma poi si è resa conto di dover continuare con la propria passione e sebbene le mancasseor solo tre esami, ha deciso di rinunciare.

Qualche mese fa poi è stato annunciato che al suo curriculum si sarebbe aggiunta l’esperienza di conduttrice. «Sanremo è a febbraio, ma grazie alla Rai, all’ad Carlo Fuortes e al direttore Stefano Coletta, ho avuto il mandato a marzo e avuto modo di lavorare al festival: il regolamento è già realizzato e pubblicato, sto iniziando ad ascoltare i brani di giovani e big, e stasera inizia il gemellaggio tra Sanremo e il Tg 1», disse al Tg 1 Amadeus. «Ufficializziamo la più grande imprenditrice digitale a Sanremo», ha aggiunto. «Chiara Ferragni aprirà e chiuderà il Festival, nelle serate di martedì 7 e di sabato 11 febbraio 2023». E il resto è storia.

Chiara Ferragni e la beneficenza che non va mai bene

chiara-ferragni-sanremo

Lungi da noi difendere Chiara Ferragni. La apprezziamo quando fa beneficenza, quando porta l’attenzione sulle giuste cause, ma non sempre siamo d’accordo con lei e con tutto ciò che fa. Penso sia lecito, giusto? Tuttavia, attaccarla a prescindere, è davvero da ipocriti. Contro la beneficenza non ci si dovrebbe mai mettere, che la faccia Chiara Ferragni, Fedez o qualsiasi altra persona. E non diamo per scontato che solo perché sono ricchi è facile fare beneficenza, perché altrimenti la farebbero tutti.

«Ho sempre cercato di legare il mio percorso a diverse cause e quello dell’emancipazione della donna mi è sempre stato a cuore: per questo ho deciso di devolvere l’intero compenso del Festival alla rete nazionale antiviolenza D.I.Re – Donne in Rete contro la violenza», ha detto Chiara Ferragni. Il centro a cui fa riferimento è una rete che gestisce oltre 100 Centri antiviolenza e più di 60 Case rifugio in tutta Italia, con l’obiettivo di rendere visibile il fenomeno della violenza maschile sulle donne. La donazione della Ferragni servirà soprattutto a finanziare progetti legati a favorire l’indipendenza economica delle donne.

Aggiunge: «La violenza non è solo fisica — quella più facile da riconoscere — ma può essere anche psicologica ed economica. Questo progetto va nella direzione di rendere le donne libere e indipendenti economicamente, il passo necessario per sottrarsi alle violenze domestiche. Spero che il mio esempio di donna da sempre autonoma serva a far capire che il lavoro ci rende fiere e libere».

chiara-ferragni-sanremo

Parla poi di relazioni tossiche: «La violenza fisica è più facile da riconoscere, per me è più importante parlare di violenza psicologica, di cui io sono stessa sono stata vittima. Dobbiamo imparare a non accettare come normali comportamenti di eccessivo possesso o gelosia che purtroppo sono molto frequenti. Anche a me è capitato in diverse relazioni prima di quella con Federico (Fedez): cercare scuse è sbagliatissimo, ci sono atteggiamenti da non sopportare, che vanno riconosciuti per dire “non me lo merito”».

Parla anche della sua partecipazione al festival, dicendo di non sapere ancora cosa fare, in quanto ogni co-conduttrice in genere canta, balla o fa dei monologhi. «Vediamo, devo ancora decidere, di certo porterò sul palco i temi che mi stanno a cuore». Ma anche lei ha un po’ di ansia, in quanto non è né un’attrice né una conduttrice: «Mi sto preparando cercando di stare il più tranquilla possibile, devo essere me stessa e basta. Sto facendo le prove davanti alla famiglia e agli amici, sicuramente ce la metterò tutta. Agitazione? Ovviamente ci sarà, altrimenti sarei un automa, ma tutti quelli cui chiedo consiglio mi dicono una cosa sola: “goditela!”».

Chiaramente, visto che si parla di Chiara Ferragni, sono arrivate subito le polemiche. Non poteva mancare la solita Selvaggia Lucarelli, sempre pronta ad andare contro i Ferragnez, ma ancora niente da Serena Doe. Online, il web è diviso, ma fortunatamente le critiche sono meno del rispetto che sta ricevendo. Almeno in questo caso, si dovrebbe solo stare in silenzio se non si hanno cose belle da dire.

close

Non perderti le nostre news!

Non inviamo spam! Leggi la nostra Informativa sulla privacy per avere maggiori informazioni.