Netflix: una nuova funzionalità per gli eterni indecisi

Condividi

Vi capita mai di guardare la vostra lista su Netflix e pensare: cosa diamine guardo oggi? A me sì, praticamente ogni sera, e sono sicura che capiti un po’ a tutti voi. È proprio per noi eterni indecisi che la piattaforma di streaming online più popolare al mondo ha deciso di introdurre una nuova funzionalità, la shuffle mode, che permette a tutti di evitare di scegliere ma di affidarci al destino. Vediamo come funzionerà questa nuova aggiunta di Netflix.

shuffle-mode-netflix
Fonte: pexels

Di recente abbiamo ottenuto la modalità solo audio che permette a Netflix di divenire un vero e proprio podcast. Io personalmente non ritengo plausibile come qualcuno possa guardare una serie tv solo ascoltandola, tuttavia se è un documentario potrebbe anche essere abbastanza comodo, paragonabile ai podcast che ascoltiamo su Spotify o su altre applicazioni simili. Da questo punto di vista, non è niente male come aggiunta.

Da Spotify o le app musicali o di podcast, Netflix ha anche preso ispirazione per la shuffle mode, infatti quante volte, magari quando vogliamo ascoltare qualcosa ma non sappiamo di cosa abbiamo bisogno, decidiamo di affidarci alla shuffle mode? A dare per primo l’annuncio di questa novità, sebbene già dalla scorsa estate qualcuno ne stava parlando, è stato il sito di Variety. Vediamo come funzionerà questa nuova mode.

Shuffle mode: come funzionerà?

shuffle-mode-netflix
Fonte: pexels

Alcuni utenti hanno già avuto la fortuna di provare la Shuffle Mode di Netflix, funzione che verrà implementata nel 2021 e sarà quindi disponibile per tutti. Al momento è solo un testing, ma possiamo già descrivere come lo avremo tutti: avrà il solito simbolo della riproduzione casuale, appena cliccato ci sarà la scritta «Non sai cosa guardare? Prova Riproduci qualcosa. Riprodurremo in maniera casuale i titoli del catalogo Netflix in base ai tuoi gusti». Cliccando, poi, si aprirà il primo episodio di una serie o un film.

In realtà, però, noi diciamo shuffle moderiproduzione casuale, ma non sarà una sorta di Mi sento fortunato di Google, perché si baserà comunque sui contenuti che hai guardato precedentemente, quindi sui tuoi gusti personali. Se hai visto tanti documentari sui serial killer di certo non verrà riprodotto un cartone animato con unicorni e arcobaleni ma ci sarà, ad esempio, un film basato su una storia vera.

Lo ha spiegato Greg Peters, COO e chief product officer, durante un’intervista con Q4:

«I titoli disponibili su Netflix quando si preme il pulsante “Play Something”/”Shuffle Play” saranno spettacoli o film simili a quelli che hai visto in precedenza; titoli di generi che hai visualizzato; o contenuti salvati nella sezione “My List”. Ad esempio, quando ho recentemente cliccato “Play Something”, Netflix ha iniziato lo streaming “The Crown” Stagione 1 (spiegando che era un dramma simile a “The Queen’s Gambit”, che ho binge-guardato il mese scorso).»

shuffle-mode-netflix
Fonte: pexels

Greg Peters, nell’intervista riportata su Variety, ha spiegato che hanno scelto di inserire la shuffle mode perché spesso gli utenti pagano il servizio ma «non sono davvero sicuri di quello che vogliono guardare. Capiamo di fare il lavoro giusto quando i nostri membri ci dicono che vogliono cliccare un bottone e permettere a noi di scegliere per loro. Questo è un grande meccanismo che ha funzionato per i membri che lo hanno provato».

Reed Hastings, co-ceo, ha chiesto scherzando a Peters se avessero intenzione di chiamarlo mi sento fortunato, una chiara citazione alla ricerca casuale di Google, o se ci fosse un nome migliore. Peters, allora, gli ha risposto che troveranno un nome più adatto, e che lo sapremo quando sarà del tutto pronto.

Voi siete pronti a provare questa nuova funzionalità, la shuffle mode, oppure siete più il tipo di persona che preferisce prendere decisioni e scegliere da sé cosa guardare su Netflix?

Autore

  • Giulia, 22 anni, blogger. Amo scrivere, leggere, guardare serie tv e anime, i gatti e seguire le giuste polemiche. Instagram: @murderskitty

close

Non perderti le nostre news!

Non inviamo spam! Leggi la nostra Informativa sulla privacy per avere maggiori informazioni.

Previous post Lombardia finita in zona rossa per un errore di Fontana
Next post Disney Plus: le aggiunte di febbraio ne valgono la pena?