Recensione Spiderman No Way Home: il film delle seconde occasioni!

Condividi

Spiderman No Way Home ha fatto capolino nei cinema di tutta Italia già in data mercoledì 15 dicembre per augurare a tutti gli appassionati delle buone feste, in attesa dei prossimi successi del grande schermo firmati Marvel Studios.

Un esordio incredibile, che ammonta alla vendita di quasi tre milioni di biglietti solo nel primo giorno di riproduzione nelle sale italiane.

Tom Holland é apparso così per la terza volta nel ruolo di Spider-Man in un film standalone dedicato al personaggio più famoso della Marvel. Cliccando qui potrete visualizzare il trailer del film, che trovate direttamente anche qua sotto!

ATTENZIONE: SPOILER!

Recensione Spiderman No Way Home: il film delle seconde occasioni!

Spiderman No Way Home era uno dei titoli più attesi dai fans del Marvel Cinematic Universe, rimasti ancora sconvolti dagli avvenimenti che hanno decretato il finale di Avengers: Endgame.

spiderman-no-way-home
Fonte: Twitter

Il film si é presentato sorprendente in ogni sua sfaccettatura: la teoria del Multiverso ha permesso di collegare tra di loro ogni storia dei personaggi tratti dai fumetti Marvel. Ma il MCU non si smentisce mai, e l’attesa che era stata riservata al terzo capitolo della saga standalone di Spider-Man è stata più che sufficientemente ripagata.

La sfacciata, a volte imbarazzante, ironia che ha contraddistinto in particolare gli ultimi prodotti dei Marvel Studios, viene proposta nel corso di tutto il film, e non mancano battute in grado di scatenare l’ilarità dell’intera platea. A questa, però, si contrappone l’angoscia che si presenta sin dai primi minuti di riproduzione.

Peter Parker è un volto non più sconosciuto agli occhi dell’opinione pubblica, ma se lo Spider-Man interpretato da Tobey Maguire aveva ricevuto sostegno e silenzio da parte degli spettatori che avevano scoperto il viso celato dietro la maschera, per il personaggio interpretato da Tom Holland non c’è possibilità alcuna: in seguito agli avvenimenti che hanno causato la morte di Mysterio (da molti ancora posta nel dubbio), Parker e i suoi amici si sono ritrovati scacciati via dalla loro quotidianità.

A proposito di Tobey Maguire, purtroppo è parsa scontata l’idea di inserire quest’ultimo e Andrew Garfield come Spider-Man provenienti proprio da altri universi, quelli che Sony Pictures ha costruito nel corso degli anni. Nonostante ciò, si può apprezzare dal primo all’ultimo momento di screen time dei tre amichevoli Spider-Man di quartiere: Maguire come il più riflessivo, grazie alla sua lunga esperienza, Garfield, il più emotivo, ancora sconvolto dalla morte di Gwen, e Holland, il più giovane, colui che continuerà la legacy iniziata dai primi Avengers.

spiderman
Fonte: Twitter

Pienamente azzeccata la scelta di recuperare le stesse battute dei film della saga di “Spider-Man” e “The Amazing Spider-Man”, con la ripresa, ad esempio dell’omonimo titolo (per doppiaggio tradotto in “incredibile”) o del primo dialogo intrattenuto da Peter con Otto Octavius. E finalmente anche la celebre frase, “da grandi poteri derivano grandi responsabilità” ha lasciato la bocca di zia May, prima di morire tra le braccia del nipote. Analogia con Avengers: Endgame?

Un poco di screen time anche per il diavolo di Hell’s Kitchen, interpretato da Charlie Cox, nella speranza che posso entrare a far parte del futuro del MCU!

Ma la reale trama si basa sul fondamento primario dell’etica promossa dagli eroi come Spider-Man: aiutare chiunque ne abbia bisogno, persino gli stessi villain che Peter ha dovuto affrontare. Si inserisce così un altro riferimento alla politica americana (ma non solo), proprio come era accaduto nella serie tv “The Falcon and the Winter Soldier“, in riferimento alla questione dei migranti al confine del Messico e, salendo nell’universale, alla fantomatica soluzione del “aiutiamoli a casa loro”.

Spiderman No Way Home si conferma all’altezza delle aspettative: gli effetti speciali risultano sempre degni dell’annuale canditura all’Oscar che i Marvel Studios ricevono, gli scontri tra i personaggi epici, mentre i protagonisti stessi si mostrano sempre in un connubio tra vulnerabilità e potenza che ha da sempre caratterizzato i beniamini dei fumetti Marvel.

spiderman-no-way-home
Fonte: Twitter

Perché lo definiremmo il film delle seconde occasioni? Perché a tutti viene data una possibilità per riscattare i propri errori e i propri rimorsi: ogni villain recupera le proprie facoltà mentali e sembianze umane, Andrew Garfield quasi si commuove quando riesce a salvare Michelle Jones, e Peter Parker, interpretato da Tom Holland, ritrova la giusta strada da seguire, la strada dell’eroe capace di accantonare il proprio dolore in favore del bene di chiunque. Lodevole la psicologia che costella l’intero film.

La spiegazione delle scene mid e post-credits

Spiderman No Way Home, scontato dirlo, presenta due scene che seguono i titoli di coda.

La prima ritrae Eddie Brock, interpretato da Tom Hardy, intento a nascondersi in un bar messicano, bar che appartiene ad un universo sconosciuto per Eddie, in quanto universo dello Spider-Man di Tom Holland. Si tratta di una continuazione del film Venom: La Furia di Carnage, nella cui scena post credits era proprio stato mostrata la scoperta dell’identità di Spider-Man a Venom.

Eddie, però, come conseguenza dell’incantesimo lanciato da Doctor Strange, per far dimenticare a tutti l’esistenza di Peter Parker, viene riportato al suo universo. Ma un frammento del simbionte rimane bloccato nell’universo dello Spider-Man di Holland. Che sia la risposta alle aspettative di un approdo di Venom nel MCU?

La seconda, invece, consiste nella riproduzione molto più estesa del teaser trailer di Doctor Strange nel Multiverso della Follia. Il dettaglio più importante e agghiacciante? Pare che dovremo interfacciarci con un altro Stephen Strange, che ricorda lo Strange Supremo della serie animata “What If…?“.

I prossimi film firmati Marvel Studios

doctor-strange-nel-multiverso-della-follia
Fonte: Twitter

La fase 4 del Marvel Cinematic Universe ha avuto inizio con il rilascio di Black Widow, ma ci aspettano ancora molti film dopo Spiderman No Way Home, a cominciare proprio da Doctor Strange nel Multiverso della Follia, che sarà distribuito nelle sale dal 4 maggio 2022.

A seguire Thor: Love and Thunder, in uscita il 6 luglio 2022! Ma tanti altri personaggi torneranno a fronteggiarsi nei film firmati Marvel Studios.

close

Non perderti le nostre news!

Non inviamo spam! Leggi la nostra Informativa sulla privacy per avere maggiori informazioni.