Just Eat dona 1 piatto a domicilio in beneficenza per ogni ordine

Condividi

Fino a oggi, 19 dicembre, Just Eat partecipa al progetto chiamato «Un piatto sospeso per Natale» che prevede la donazione di un piatto a domicilio per ogni ordine ricevuto da più di quaranta ristoranti divisi tra Milano, Torino, Roma e Napoli. Questi piatti poi saranno donati a famiglie, comunità o case accoglienza di Caritas Ambrosiana, Caritas Diocesana Torino, Caritas di Roma e Caritas di Napoli.

Stiamo passando un periodo molto difficile, in particolare a livello economico e sociale, oltre che affettivo. In molti stanno rinunciando allo stare con le persone che amano, che siano parenti o congiunti fuori regione, ma dobbiamo anche pensare a quelle persone che, purtroppo, non hanno niente e nessuno. Per questo motivo pensare che qualcuno si prenda cura di loro, che gli dia un piatto caldo da mangiare, ci rassicura, ci fa pensare che alla fine qualcuno che ancora pensa agli altri, in questo 2020, c’è.

Insieme a quest’iniziativa, ci sarà anche la Winter Charity Campaign, sempre supportata da Just Eat, che sostiene le persone che si trovano in difficoltà con la propria attività sempre a causa di questo periodo molto delicato. Sembra comunque che, dal decreto-legge presentato ieri dal premier Conte, le piccole attività avranno quell’aiuto che tanto si cerca, ma sarà tutto da vedere.

just-eat-beneficenza

Vediamo adesso in cosa consistono, con più dettagli, queste due iniziative di beneficenza promosse da Just Eat. Cercate, sempre se potete e ne avete la possibilità, di partecipare, anche solo con un piccolo contributo.

Just Eat: in cosa consiste Un piatto Sospeso per Natale

Iniziamo con la prima iniziativa, Un piatto sospeso per Natale, che coinvolge più di quaranta ristoranti a Milano, Torino, Roma e Napoli e consiste nella donazione di 1 piatto a domicilio per ogni ordine che viene ricevuto nei ristoranti che partecipano a quest’iniziativa. Questo significa che se fai un ordine a un ristorante, oltre al tuo ordine verrà fatto un piatto anche per qualcuno che non può permetterselo.

È iniziata il 14 e finirà oggi. I piatti verranno donati a domicilio a famiglie, comunità e case accoglienza di Caritas Ambrosiana, Caritas Diocesana Torino, Caritas di Roma e Caritas di Napoli dalla sera del 20 dicembre fino a quelle successive. Ma non finisce qui! Perché Just Eat ha anche permesso di fare una donazione tramite codici digitali prepagati e utilizzabili su Just Eat.

just-eat-beneficenza
Fonte: pexels

In questo modo più di 250 famiglie potranno ordinare in modo semplice e gratuito il cibo, facendolo arrivare direttamente a casa propria. È un’iniziativa benefica che in questo periodo, non solo perché è Natale, è necessaria e potrebbe strappare un sorriso a tante famiglie che ne hanno bisogno e che sono uscite distrutte da questa pandemia. Voi mangerete comunque il vostro ordine, ma, insieme a voi, mangerà anche qualcun’altro.

Winter Charity Campaign: in cosa consiste?

Passiamo ora alla seconda iniziativa, quella in collaborazione con il gruppo Just Eat takeaway.com e che è molto più benefica della precedente. Non coinvolge solo il cibo, ma è un modo per celebrare la Giornata Mondiale della Solidarietà Umana di domani 20 dicembre e consiste nella donazione di €0.50 per ogni ordine che viene ricevuto. In questo modo, chiunque ordinerà da qualsiasi ristorante, contribuirà ad aiutare.

I soldi saranno poi devoluti in beneficenza a più di 10 associazioni in 17 mercati e, l’obiettivo, è quello di donare 1.5 milioni di euro. Quest’iniziativa vale solo per oggi 19 dicembre e coinvolgerà più di 18mila ristoranti, dando una mano a tante persone. Daniele Contini, Country Manager di Just Eat in Italia, ha detto:

«In un anno difficile come questo, noi come Just Eat, vogliamo rafforzare il nostro sostegno alle comunità in difficoltà e il nostro impegno in ambito solidale.

Come Gruppo leader a livello globale vogliamo fare la differenza e agire in un momento di difficoltà per moltissime famiglie in tutto il mondo contribuendo concretamente e coinvolgendo allo stesso tempo i nostri clienti in una maratona solidale che aiuti anche i tanti enti di beneficenza nel fornire assistenza a coloro che, soprattutto a seguito dell’emergenza sociale che stiamo vivendo, si trovano a vivere ora in situazioni di grande difficoltà.

In Italia siamo attivi da 5 anni con Ristorante Solidale e Piatto Sospeso che quest’anno abbiamo deciso di evolvere con un meccanismo automatico che trasformi ogni ordine ricevuto dai ristoranti partner in 4 città in piatti da donare e codici gratuiti per ordinare pranzo e cena a domicilio».

just-eat-beneficenza
Fonte: ristorantiweb

Insomma, un po’ di beneficenza in questo periodo è quel che ci vuole, per cui se avete la possibilità di aiutare, fatelo. Alla fine, ci mangerete anche.

Autore

  • Giulia, 22 anni, blogger. Amo scrivere, leggere, guardare serie tv e anime, i gatti e seguire le giuste polemiche. Instagram: @murderskitty

close

Non perderti le nostre news!

Non inviamo spam! Leggi la nostra Informativa sulla privacy per avere maggiori informazioni.

Previous post Twitch: non sarà più possibile utilizzare alcuni termini, pena il ban
Next post Mistero sulla morte di Tiziana Cantone: si è davvero suicidata?