McDonald’s esce dalla Russia dopo 32 anni

Condividi

All’inizio della guerra sono state tante le aziende e le associazioni che si sono allontanate, di spontanea volontà o no, dalla Russia, alcune più importanti di altre. McDonald’s, però, non era fra quelle. Almeno fino a oggi. Apple, Adidas, Colgate, Coca-Cola, Disney, Ferrari, Google, sono solo alcune delle aziende che hanno tagliato fuori la Russia e i russi, oltre anche alle competizioni sportive o, abbiamo visto proprio di recente, canore, come è successo con l’Eurovision. Quello che fa più scalpore, però, è proprio la scelta di McDonald’s.

mcdonald's-russia
Fonte: Twitter

Alcune aziende hanno abbandonato la Russia di propria spontanea volontà, altre un po’ incitate da Anonymous, che sin dall’inizio della guerra si è schierato dalla parte dell’Ucraina, violando i servizi di streaming russi Wink e Ivi, nonché i canali TV Russia 24, First Channel, Mosca 24. Anche in Russia, però, ci sono hacker che stanno proprio pensando di far partire una cyber guerra. Gli attivisti di Killnet, ad esempio, hanno ufficialmente minacciato dieci paesi, fra cui anche l’Italia.

Il McDonald’s, invece, ci ha messo diverso tempo per prendere questa decisione, ma adesso Bloomberg ha fatto sapere che gli 850 ristoranti hanno ufficialmente lasciato la Russia, vendendo tutte le attività a un acquirente locale. Niente più nome, logo o marchio del McDonald’s, quindi. In realtà, c’è da dire che inizialmente i ristoranti erano stati chiusi temporaneamente, mentre adesso ha ufficialmente abbandonato i ristoranti russi.

McDonald’s abbandona la Russia dopo 32 anni

mcdonalds-russia
Fonte: Twitter

McDonald’s ha sottolineato che la crisi umanitaria causata dalla guerra in Ucraina ha reso «insostenibile, né coerente con i nostri valori» continuare a mantenere le attività in Russia. L’amministratore delegato Chris Kempczinski ha detto che «la dedizione e la fedeltà dei dipendenti e delle centinaia di fornitori russi abbiano reso difficile la decisione di andarsene». I ristoranti fast food più popolari in tutto il mondo erano stati chiusi l’8 marzo, ma ha continuato a pagare tutti i dipendenti.

Adesso, però, l’azienda ha deciso di chiudere completamente i rapporti con la Russia. Aggiunge l’amministratore delegato che «abbiamo un impegno nei confronti della nostra comunità globale e dobbiamo rimanere saldi nei nostri valori» e che «il nostro impegno nei confronti dei nostri valori significa che non possiamo più far brillare i nostri archi lì». La decisione, quindi, è sempre dovuta alla situazione in Ucraina.

mcdonalds-russia
Fonte: Twitter

«Abbiamo una lunga storia nello stabilire radici locali profonde. Siamo eccezionalmente orgogliosi dei 62.000 dipendenti che lavorano nei nostri ristoranti in Russia, insieme alle centinaia di fornitori che supportano la nostra attività e i nostri affiliati locali. La loro dedizione e lealtà nei confronti di McDonald’s rendono estremamente difficile l’annuncio di oggi», ha infine concluso.

E quindi, adesso, cosa ne sarà di quelle 850 attività che erano dell’azienda americana? Adesso in Russia, fa sapere l’agenzia Tass, «McDonald’s tornerà in Russia sotto un nuovo marchio a giugno, mantenendo la catena di ristoranti e il menu, così come i posti di lavoro. Oltre il 90% dei fornitori sono russi, lavorano con loro e continueranno a farlo. Di fatto solo il nome cambierà». Il nuovo marchio potrebbe essere Zio Vanja.

close

Non perderti le nostre news!

Non inviamo spam! Leggi la nostra Informativa sulla privacy per avere maggiori informazioni.