Cup of Green Tea

Tea, nel dizionario urbano, significa gossip, notizia, news, tutto ciò che potrebbe interessarti, e che troverai su questo sito.

Olesya è Denise Pipitone? Oggi la verità [DIRETTA]

Finalmente siamo pronti a metter fine a tutta questa sofferenza. Dopo giorni e giorni di attesa sui social network in cui la questione è stata trattata come se fosse uno show televisivo, oggi mettere una pietra sopra tutta questa vicenda, che Olesya sia Denise Pipitone o che non lo sia. Nelle ultime ore, in realtà, ne sono successe davvero di tutti i colori per quanto concerne questo caso, tanto che in molti sono arrivati a insultare pesantemente la ragazza russa su Instagram. Tuttavia, la verità, che ci piaccia o meno, la scopriremo a breve.

denise-pipitone-olesya-programma-diretta
Uno degli screen postati da Olesya su Instagram

Noi sin dal principio abbiamo chiesto di non far allarmismo e di non scrivere fake news, eppure chiunque si è divertito, forse anche spinto dalla speranza di una buona notizia, a dar per scontato che Olesya fosse Denise Pipitone. I followers della ragazza sono cresciuti esponenzialmente, ormai potrebbe letteralmente essere un’influencer, e questo ha fatto indignare tantissimi italiani che si sono sentiti presi in giro. In realtà Olesya non ha alcuna colpa, lei sta pur sempre cercando sua madre. È stato solo il programma, affamato di visualizzazioni e popolarità, a marciarci sopra.

Ieri abbiamo visto, sempre dal programma russo, il risultato del test del DNA con la famiglia russa che ha perso una figlia, proprio come Piera Maggio: risultato negativo. Per cui oggi (proprio in questo momento sta andando in onda la puntata), verranno rivelati i risultati del test del DNA che dimostrerà se Olesya è la bimba siciliana o no. Piera Maggio non sarà presente in studio, né in videochiamata, ma sarà presente in diretta il suo avvocato (che oggi non ha detto in alcun modo che Olesya non è Denise, come alcune testate hanno affermato).

Nel programma Lasciali Parlare sono state dedicate tre puntate, al momento, al caso di Olesya/possibile Denise Pipitone. Nella prima puntata siamo venuti a conoscenza della sua storia e ha lanciato un appello per cercare la madre. Nella seconda si è scoperto che Olesya non è figlia della famiglia russa che, come i Pipitone, ha perso una figlia quando era ancora una bambina (a soffrire l’attesa, infatti, non è stata solo Piera Maggio, ma anche altre famiglie). Oggi, invece, sapremo la verità sul Olesya e Denise Pipitone.

Il pubblico è molto diviso: c’è chi ancora è convinto che Olesya sia Denise Pipitone, mentre altri ormai hanno perso qualsiasi speranza. C’è anche chi ricorda la pista che vedeva coinvolta la sorellastra di Denise (e la madre di lei) e soprattutto chi sottolinea il discorso fra Anna Caruso e Jessica. Insomma, al momento, non ci resta che aspettare e continuare a seguire la diretta, che trovate a questo link.

La storia di Denise Pipitone

Vi invito a visitare il sito ufficiale creato dalla famiglia di Denise Pipitone per informarvi meglio su questa storia. Noi cercheremo di riassumere, toccando però tutti i punti fondamentali. Era il primo settembre 2004, una bella giornata in Sicilia e la piccola Denise di quattro anni giocava nel giardino con la sua cuginetta. In quella strada abita anche una zia, che la vede correre verso casa alle 11.45 circa. Ma Denise Pipitone a casa non è mai tornata. Da quel momento, iniziano le ricerche.

denise-pipitone-olesya-programma-diretta
Denise Pipitone quando è scomparsa

Un mese e mezzo dopo la sua scomparsa, Denise è avvistata a Milano con un gruppo di nomadi, un uomo, due donne e tre bambine. La donna parla una lingua straniera, mentre la bambina italiano, come si vede da un video registrato da una guardia giurata che intanto avverte le autorità che purtroppo arrivano troppo tardi. I carabinieri sono convinti che quella fosse proprio Denise Pipitone.

Da quell’ottobre 2004, nonostante i tanti appelli della madre, i presunti avvistamenti che non hanno mai portato a nulla, la mamma di Denise, Piera Maggio, non ha mai perso le speranze, e noi ci auguriamo che prima o poi potrà abbracciare nuovamente sua figlia, e soprattutto avere la giustizia che merita.

La diretta con il programma russo

denise-pipitone-olesya-programma-diretta
Fonte: instagram

Il programma è iniziato alle 18:45 precise ed è subito entrata in scena Olesya, con un bell’abito arancione. Hanno fatto il riassunto della situazione, raccontato la sua storia e le puntate precedenti, la ragazza ha persino detto di essere rimasta in contatto con la famiglia che ieri non si è rivelata essere la sua famiglia biologica. Poi è stata anche fatta vedere una clip in cui viene sottoposta all’ipnosi e in cui lei racconta quello che ricorda della madre, con i capelli scuri, dice che ricorda un passeggino e altre cose non poi così rilevanti.

Viene poi introdotta la storia di Denise Pipitone (Olesya ha detto che le piace il nome Denise), coinvolgendo nella storia anche i dubbi che ci sono sulla sorellastra e raccontando tutta la storia. Un dettaglio importante è che Olesya ha affermato che, da bambina, conosceva un’altra lingua, ma non sa quale fosse. Ancora nulla sul gruppo sanguigno e, purtroppo, ho il timore che lo facciano vedere alla fine della puntata, proprio come ieri.

Dopo mezz’ora dall’inizio del programma hanno fatto vedere anche un’altra mamma che crede che Olesya potrebbe essere sua figlia e, al momento, è in diretta. La signora è ucraina e anche lei ha perso la figlia ad agosto 2013, che è stata rapita insieme a un’altra bambina mentre giocavano in cortile. Anche per questa donna verrà svelato il test del DNA nella puntata di oggi.

Gli ospiti in studio sottolineano anche che, secondo loro, non è Denise Pipitone poiché non è possibile dimenticare completamente una lingua. In più è anche impossibile attraversare i confini con una bambina senza avere alcun problema. Ciò non toglie che esista il traffico dei minori e le bambine scompaiono in ogni posto del mondo e, soprattutto, se non si pratica a lungo una lingua, si finisce con il dimenticarla.

Dopo una ragazza (che per tutto ieri tutti hanno scambiato come sorella di Olesya) e la madre che pensavano di conoscere la russa, in studio entra un’altra signora che pensa che la ragazza russa sia sua figlia. Questo ci fa solo rendere conto di quante bambine vengono rapite e quante mamme siano in cerca delle proprie figlie (e figli). Adesso viene annunciato il test con questa mamma, ma anche questo è negativo.

Il secondo test è con la madre ucraina di cui abbiamo parlato prima, ma anche con questa signora è negativo. Adesso dovrebbe restare solamente quello con Denise Pipitone, che hanno lasciato per ultimo. In questo momento in diretta c’è l’avvocato di Piera Maggio, che spiega come mai la madre di Denise non possa collegarsi, ovvero per un intervento chirurgico che la costringe a letto. E ovviamente, prima dei risultati, mandano la pubblicità, giusto per accertarsi che tutti gli italiani la guardino.

Olesya: il risultato del gruppo sanguigno

Inizia il countdown. La pubblicità sta per concludersi e noi sapremo se Piera Maggio potrà riabbracciare dopo 17 anni sua figlia o se, purtroppo, dovrà continuare a sperare. Intanto sembra che in alcuni programmi in Italia abbiano già annunciato la negatività del test, tuttavia, come ha detto l’avvocato, lui non è autorizzato a rilasciare alcuna notizia prima del programma, per cui non ci resta che attendere questi interminabili minuti di pubblicità.

Adesso la pubblicità è finita, fanno vedere nuovamente dei filmati di Denise da bambina. Adesso si vede che Olesya prevela il sangue per il gruppo sanguigno (come avevamo spiegato ieri) e, se dovesse essere compatibile a quello di Denise, svolgeranno il test del DNA. L’avvocato è molto indignato da come il programma sta gestendo una situazione tanto seria, infatti ha anche detto che o rivelano il gruppo sanguigno, o lui abbandona.

Il gruppo sanguigno è stato inviato all’avvocato e, sfortunatamente, non è quello di Denise Pipitone. Ufficialmente, Olesya non è Denise Pipitone. La bambina è ancora dispersa, possiamo solo sperare che aver acceso nuovamente le luci sul caso della piccola, possa farla riconoscere sullo schermo e possa avere la possibilità di contattare i familiari. Ci auguriamo comunque che anche Olesya possa ritrovare la sua mamma e, insieme a lei, tutte le bambine rapite nel mondo.

close

Non perderti le nostre news!

Non inviamo spam! Leggi la nostra Informativa sulla privacy per avere maggiori informazioni.

Giulia

Giulia, 22 anni, blogger. Amo scrivere, leggere, guardare serie tv e anime, i gatti e seguire le giuste polemiche. Instagram: @murderskitty

Torna in alto