Ucraina indaga su 5000 crimini di guerra, ma cosa sono?

Condividi

È passato più di un mese da quando l’Ucraina è stata attaccata dalla Russia, e la situazione invece di migliorare, peggiora, tanto che si parla di crimini di guerra. Negli ultimi giorni sono state condivise delle terrificanti immagini da Bucha, con tantissime, troppe, vittime, ovviamente tutto negato, come al solito, dai russi. Fosse comuni, cadaveri per strada, bambini uccisi senza alcuna pietà, e vedere persone che giustificano e sostengono i russi, fa solo accapponare la pelle. Ma cosa sono i crimini di guerra?

Antony Blinken, segretario di Stato USA, ha detto che la ritirata russa in alcune parti dell’Ucraina «è come il riflusso di un’onda, che lascia scoperte la morte e la distruzione che si sono lasciati alle spalle». Ha pronunciato queste parole al suo arrivo nella notte a Bruxelles per la riunione della Nato, esprimendo anche l’orrore che l’Ucraina sta condividendo con il mondo per tutte le stragi civili, fra cui quella di Bucha.

Irina Venediktova, procuratrice generale ucraina, proprio dopo aver visitato quest’ultima città, ha detto che si stanno indagando non meno di 5.000 casi di presunti crimini di guerra commessi dai militari di Mosca. I crimini di guerra, ha detto il magistrato, sono i primi che si indagano «seguiti dai crimini contro l’umanità e dal genocidio». Lyudmila Denisova, responsabile per i diritti umani del Parlamento ucraino, ha detto che «numerosi casi di tortura di civili si registrano nei territori liberati dagli occupanti razzisti».

«Bambini di meno di 10 anni uccisi con segni di stupro e tortura sono stati trovati nella città di Irpin. Nella regione di Kiev, il ‘campo per bambini di Prolisok’ ha ospitato per tre settimane la base di un’unità dell’esercito razzista. Nel seminterrato sono stati trovati cinque cadaveri di uomini con le mani legate dietro la schiena. Sono stati torturati e poi uccisi a sangue freddo. Una delle vittime aveva il cranio schiacciato».

Lyudmila Denisova, responsabile per i diritti umani del Parlamento ucraino

Blinken, dalla sua, ha detto di «temere, purtroppo, che ne vedremo ancora (di orrori) man mano che i russi si ritirano». Ha anche annunciato che gli Stati Uniti hanno stanziato altri 100 milioni di dollari di aiuti militari supplementari a Kiev, per «venire incontro all’urgente bisogno dell’Ucraina di sistemi anti-corazzati», cioè di missili guidati Javelin che i militari Ucraini hanno impiegato finora con successo contro i carri armati russi, fa sapere l’ANSA. Intanto il presidente ucraino Volodymyr Zelensky, di cui è divenuta virale una foto scattata a Bucha, ha rimproverato gli europei per l’«indecisione» riguardo le sanzioni contro la Russia.

cosa-sono-i-crimini-di-guerra

Cosa sono i crimini di guerra?

I crimini di guerra vengono definiti come concetto giuridico per la prima volta nella Convenzione di Ginevra del 1949, e nei suoi Protocolli aggiuntivi, del 1977 e del 2005. Sono delle gravissime violazione del diritto internazionale compiute durante una guerra, e comprendono, tra le varie cose, l’uccisione e la tortura di civili e prigionieri di guerra e attacchi intenzionali contro strutture civili e ospedali. Insomma, esattamente tutto quello che sta succedendo in Ucraina nell’ultimo mese.

cosa-sono-i-crimini-di-guerra
Fonte: Mosaico-cem.it

Possiamo dividerli in crimini contro persone protette (civili, personale umanitario e volontari), crimini contro beni protetti (musei, monumenti, edifici civili e ospedali) crimini compiuti con l’uso di mezzi vietati (come armi chimiche e batteriologiche) o con metodi di combattimento vietati (utilizzare civili come scudi umani, interrompere riforniture alimentari nel Paese avversario). A giudicare i crimini di guerra, è la Corte Penale Internazionale con sede all’Aia, Paesi Bassi, operativo dal 2002.

Questa stessa Corte, oltre ai crimini di guerra, può anche perseguire il genocidio o i crimini contro l’umanità, come lo stupro o la deportazione. Se sanzionati, i criminali potranno essere recluti oppure condannati all’ergastolo. Si può aggiungere anche la pena pecuniaria dell’ammenda e la confisca di «profitti, beni ed averi ricavati direttamente o indirettamente dal crimine, fatti salvi i diritti di terzi in buona fede». Tuttavia, per condannare un Paese, c’è la necessità che questo sia firmatario del suo Statuto.

cosa-sono-i-crimini-di-guerra
Fonte: Avvenire

La Russia e gli Stati Uniti, ad esempio, non sono firmatari, ma, nonostante ciò, la Corte può lo stesso operare negli stati, passando però dal Consiglio di Sicurezza delle Nazioni Unite, che può affidare un mandato per indagare ed eventualmente processare individui ed enti che hanno infranto il diritto umanitario. Il procuratore in carica della Corte, Karim Khan, ha già affermato di star raccogliendo dati e testimonianze su quello che sta avvenendo in Ucraina, sotto richiesta di più di 40 Paesi firmatari.

close

Non perderti le nostre news!

Non inviamo spam! Leggi la nostra Informativa sulla privacy per avere maggiori informazioni.