Pakistan: bambina di 4 anni violentata e uccisa

Condividi

Aveva solo 4 anni la bambina violentata e uccisa, abbandonata in un canale come se la sua vita non avesse alcun valore. Aveva 4 anni la bambina violentata e uccisa quando è stata strangolata a morte in un distretto della provincia del Khyber Pakhtunkhwa. Aveva 4 anni la bambina violentata e uccisa, e non è stata la prima, e probabilmente non sarà neanche l’ultima, non finché non si comincia a considerare le donne, da quando sono ancora delle bambine, come delle persone.

bambina-violentata-e-uccisa-pakistan
Fonte: freepik

Era scomparsa mercoledì scorso e, sebbene le speranze di trovarla viva fossero basse, la notizia del ritrovamento del suo corpo da parte dei passanti ha sconvolto la famiglia come anche la comunità, oltre che tutto il mondo. «La bambina è stata abusata e poi strangolata a morte», hanno detto delle fonti mediche, confermando quindi quanto la bambina violentata e uccisa abbia sofferto.

Sul suo piccolo corpo sono state trovate delle escoriazioni su diverse parti del corpo. Sulla schiena, sulle ginocchia, sul naso. Come si fa ad avere fiducia nei confronti dell’umanità se l’umanità non ha pietà neanche di fronte a una bambina? La polizia sta indagando su 400 persone che si trovano nella zona in cui il corpo della bambina violentata e uccisa è stato ritrovato, compresi alcuni suoi parenti.

bambina-violentata-e-uccisa-pakistan
Fonte: freepik

Bambina violentata e uccisa: la violenza sui minori in Pakistan

Solo lo scorso anno e solo nella provincia del Khyber Pakhtunkhwa, dove il corpo della bambina violentata e uccisa è stato ritrovato, sono stati registrati più di 180 casi di abusi su minori, inclusi gli omicidi. Già lo scorso anno una bambina di 6 anni era stata violentata e uccisa in Pakistan da un suo vicino di casa. Prima di lei anche una bambina di 8 anni, uccisa e violentata da due ragazzi, e ancora prima una sua coetanea che era stata rapita e uccisa da degli stupratori.

bambina-violentata-e-uccisa-pakistan
Fonte: freepik

Bisogna agire e bisogna farlo al più presto, per evitare che altre vittime innocenti diventino vittime, per proteggere i bambini e, insieme a loro, il futuro, perché solo crescendo dei bambini che rispettano le persone potremo salvare il futuro.

Autore

  • Giulia, 22 anni, blogger. Amo scrivere, leggere, guardare serie tv e anime, i gatti e seguire le giuste polemiche. Instagram: @murderskitty

close

Non perderti le nostre news!

Non inviamo spam! Leggi la nostra Informativa sulla privacy per avere maggiori informazioni.

Previous post #32 – Riviviamo i classici della nostra adolescenza: Netlog
Next post La figlia di Gucci ancora contro il film (e contro Al Pacino)