Vinted: come funziona la nuova piattaforma per vendere e comprare roba di seconda mano?

Condividi

Chiunque, ormai, la ha o ne sentito parlare (questo grazie alla tantissima pubblicità ovunque che l’applicazione ha pagato): Vinted è la nuova e innovativa piattaforma dove si possono vendere e acquistare oggetti (da vestiti, a scarpe, a giochi, a console e tanto altro ancora) di seconda mano, ovviamente che siano in buone condizioni. Le recensioni, al momento, sono positive su Twitter e negative sul PlayStore, per cui vediamo come funziona e leggiamo le recensioni!

vinted-come-funziona

Come funziona Vinted?

Partiamo dall’iscrizione. Potete utilizzare Vinted sia dall’applicazione mobile che dal sito web, per cui potete procedere con l’iscrizione in entrambi i modi. Potete sia creare un profilo nuovo di zecca tramite la mail, che effettuare l’accesso con un account Google, Facebook o Apple. Dopo ciò, il gioco è fatto e vi basterà selezionare quello che vi interessa per trovare sulla vostra homepage i prodotti che vi interessano. Sappiate che, quando mettete qualcosa fra i preferiti, il venditore lo vede.

Come su Instagram, esiste il feed, dove troverete diverse proposte (io, ad esempio, al momento vedo prodotti Zara, Polaroid e Pandora e mi sembrano tutti in ottima forma), poi c’è l’opzione cerca (divisa in donne, uomini, bambini, casa che sono a loro volta divisi in altre categorie che vedremo a breve), c’è poi il pulsante vedi (vedremo anche come funziona la vendita) e, infine, Inbox, dove potrete parlare e contrattare con i venditori e i compratori, e il profilo personale dove ci sono le vostre impostazioni.

Categorie

Vediamo le categorie, divise in donne, uomini, bambini, casa.

Donne:

  1. Vestiti;
  2. Scarpe;
  3. Borse;
  4. Accessori;
  5. Bellezza.

Uomini:

  1. Vestiti;
  2. Scarpe;
  3. Accessori;
  4. Cura del corpo.

Bambini:

  1. Abbigliamento bambina;
  2. Abbigliamento bambino;
  3. Giocattoli e giochi;
  4. Cura dei bambini;
  5. Passeggino;
  6. Giocattoli da cavalcare;
  7. Sedute e seggiolini per auto;
  8. Mobili per bambini;
  9. Occorrente per la scuola.

Casa:

  1. Tessili;
  2. Accessori per la casa;
  3. Stoviglie;
  4. Libri.

Poi, cercando magari un negozio, potete trovare anche altre cose. Io, ad esempio, ho trovato tante cosine carine del negozio fisico di Tiger e che, purtroppo, online non si trovano!

Come vendere

vinted-come-funziona

Per vendere, basterà scattare una foto, fare una descrizione, inserire il prezzo e poi caricare. A quel punto, non ti resta che attendere che qualcuno lo compri e, leggendo le recensioni online, non ci vuole neanche troppo tempo! Vinted ti dà anche alcuni consigli su come vendere al più presto possibile, come avere un bel profilo curato, essere sempre gentile, spedire in fretta e lasciando recensioni. Insomma, dai per ricevere.

Per quanto riguarda le spedizioni, sono completamente a carico dell’acquirente, che sceglie come il suo prodotto deve essere spedito. Questa è una caratteristica che non a molti venditori piace, mentre per altri va più che bene. Più che altro, sembra, dalle recensioni online, che Vinted protegga chi acquista e non del tutto chi vende. Nel momento in cui qualcuno acquista il prodotto, hai solo cinque giorni di tempo per spedirlo.

Come acquistare

vinted-come-funziona

Anche acquistare su Vinted è molto semplice, soprattutto grazie alla possibilità di ricerca così come anche al feed che ti consiglia diversi prodotti. Ma anche grazie alla politica di rimborso. Vinted, infatti, nella sua policy stabilisce che provvederanno «a emettere un rimborso se il tuo articolo non viene spedito, arriva danneggiato o non è come descritto. Hai 2 giorni di tempo per inviare la richiesta. Se non diversamente concordato, l’acquirente copre le spese di restituzione». 

Anche i pagamenti su Vinted sono sicuri, puoi pagare con Paypal come con carta o con il cosiddetto saldo Vinted: «Tutti i pagamenti fatti tramite Vinted sono crittografati. Sono gestiti dal nostro partner di fiducia Mangopay, la cui tecnologia sicura garantisce che l’importo venga inviato e ricevuto in modo sicuro e affidabile». In più, c’è anche un’assistenza gratuita 24/7, ricevendo risposta entro 24 ore.

Le opinioni sui social

Su Twitter tutti ne parlano bene (escluso chi se ne lamenta a causa della pubblicità eccessiva, non sull’app ma dell’app), ma sul Playstore le opinioni sono diverse.

«L’app unisce le migliori funzionalità di eBay e di Subito. Vendo su entrambi i siti e potenzialmente Vinted è molto meglio di entrambi, anche se fino ad adesso non ho venduto nulla. Però ci sono alcune modifiche che farei: eliminare le commissioni a carico dell’acquirente o abbassarle notevolmente, mettere in home ciò che maggiormente ricerca un utente, pubblicizzare che si vendono anche libri e non solo vestiti, possibilità di cambiare il nome utente», scrive Raffaele, lasciando una stellina.

Stefania invece espone i dubbi sulla protezione verso il venditore: «Non mi sembra logico che l’acquirente abbia diversi giorni per una eventuale protesta, se c’è qualcosa che non va si deve dire subito. Se l’acquirente è una persona poco corretta? Che succede? E se c’è un danno causato dal trasporto? che garanzie ha il venditore? La cosa positiva riguarda la spedizione cmq credo che non la userò più».

Altri, invece, si lamentano per le spese di spedizione aumentate: «L’esperienza inziale è stata magnifica, riuscivo a scambiare i miei abiti con molta facilità e a poco prezzo. Adesso il richiamo è finito e la tassa di spedizione internazionale è aumentata. Non conviene più. In Italia non tutti comprano ma vendono e basta. Prima costava 99 cent. Ora quasi 6 euro più la tassa di assicurazione per il sito!! Una vergogna! Costa di più la spedizione che il prodotto!».

Insomma, Vinted ha i suoi pro e i suoi contro. Voi che ne pensate?

Autore

  • Giulia, 22 anni, blogger. Amo scrivere, leggere, guardare serie tv e anime, i gatti e seguire le giuste polemiche. Instagram: @murderskitty

close

Non perderti le nostre news!

Non inviamo spam! Leggi la nostra Informativa sulla privacy per avere maggiori informazioni.

Previous post Quali film Netflix potrebbero essere nominati agli Oscar?
Next post #25 – Riviviamo i classici della nostra adolescenza: Catfish