Texas: le ultime news sulla sparatoria scolastica

Condividi

Ieri sera vi abbiamo parlato della tragedia che ha colpito il Texas: un uomo ha aperto il fuoco su una scuola elementare a Uvalde, la Robb Elementary. Inizialmente le vittime erano due, ma in pochissimi minuti siamo arrivati a ben 21, di cui 19 bambini e due insegnanti (anche il killer è morto). Dei numeri agghiaccianti che ci fanno comprendere quanto il problema delle sparatorie scolastiche in America sia serio. Le famiglie non se ne fanno niente delle condoglianze: le famiglie vogliono sapere che i propri figli non rischiano di morire mentre sono a scuola, a istruirsi per il proprio futuro. Ma come fanno a studiare per il proprio futuro, se muoiono nel mentre?

Molti ritengono che il primo caso di school shooting in America sia del 1927, quello alla Bath School, una scuola elementare in cui morirono 45 persone, tuttavia in quel caso non ci fu alcuna sparatoria, per cui non può essere considerata una school shooting. Quelle persone, quei bambini, persero la vita a causa di un ordigno. La prima vera school shooting fu quella del 1979, per mano di Brenda Spencer, 16 anni, che poi divenne celebre per il suo «I don’t like Mondays». Lei ritiene che Dylan Klebond ed Eric Harris, i killer di Columbine, si ispirarono a lei. Tra l’altro, nella sparatoria del Texas, ci sono state più vittime rispetto a quelle di Columbine.

Quello alla Robb Elementary School, è solo l’ennesimo caso in cui le vittime sono delle persone innocenti, dei bambini su cui non puoi dire neanche che si trovavano lì “al momento sbagliato“. Perché quello era il momento esatto in cui dovevano trovarsi nella loro scuola, al sicuro da tutto e da tutti. Nella scuola dove il peggio che può succederti è di prendere un brutto voto. E invece abbiamo il bullismo, abbiamo i professori che hanno dimenticato come si insegna e abbiamo le sparatorie scolastiche. Sarebbe bello dire “questa in Texas sarà l’ultima“. Ma finché in America si continuerà a vietare l’alcool fino ai 21 anni per poi regalare armi ai quindicenni, la situazione non cambierà mai.

Tra l’altro, giusto per essere un po’ polemici, ricordiamo che il Texas è quello stato che vieta l’aborto perché è omicidio, ma evidentemente si preoccupa più di proteggere i feti rispetto ai bambini che non sono stati abortiti. Comincino a pensare anche alla vita di quelli che sono già nati, perché vietare a una donna di abortire per poi costringerla a piangere sul cadavere del proprio figlio perché ucciso mentre si trovava a scuola, non è un bel modo per prendersela con le donne.

Texas: le ultime notizie sulla sparatoria (in ordine cronologico)

La sparatoria

Il killer, ha fatto sapere il governatore del Texas, Greg Abbott, è Salvador Ramos, uno studente 18enne della Uvalde High School. Inizialmente i media hanno fato sapere che l’episodio è avvenuto alla Robb Elementary intorno alle 13, e alle 13.06 è intervenuta la polizia. Quei pochi minuti, però, non sono bastati per risparmiare la vita a quelle 21 vittime, di cui 19 giovanissimi bambini. Ramos sarebbe entrato nella scuola con una pistola e, forse, con un fucile, ha detto il governatore. «Ha sparato e ucciso orribilmente, incomprensibilmente, 14 studenti e un insegnante», ha aggiunto (all’inizio si è parlato di 15 vittime).

texas-ultime-news-sparatoria

Il capo della polizia del distretto scolastico, Pete Arredondo, poi ha detto ai giornalisti che la sparatoria si è verificata alle 11:32. «Ci sono diverse morti», ha detto, senza specificare quante. «Il sospettato ha agito da solo durante questo crimine efferato». Secondo Everytown for Gun Safety, una no-profit che sostiene il controllo delle armi, la sparatoria in Texas è la più letale sparatoria in una scuola elementare da quella di Newtown, Conn.. La sparatoria alla scuola elementare Sandy Hook nel 2012 ha ucciso 20 alunni di prima elementare e sei adulti.

Due bambini che sono stati uccisi erano già morti quando sono arrivati all’ospedale, ha detto Adam Apolinar, il capo operativo dell’ospedale. Un altro ospedale, University Health di San Antonio, ha detto che aveva ricevuto due pazienti, un bambino e un adulto, dalla sparatoria. L’adulto è una donna di 66 anni e il bambino è una ragazza di 10 anni, che erano in condizioni critiche, ha detto l’ospedale. Ancora non si conosce l’età e l’identità delle giovanissime vittime, ma essendo una scuola elementare possiamo immaginare quanto piccoli fossero.

«È stato riferito che il soggetto ha sparato a sua nonna poco prima di entrare nella scuola», ha detto il Gov. Greg Abbott del Texas in una conferenza stampa, aggiungendo, di non aver «ulteriori informazioni sul collegamento tra queste due sparatorie». Sembra, secondo la ricostruzione, che la nonna volesse fermarlo. Adesso è in ospedale in gravi condizioni. Due genitori hanno detto di essere amici della famiglia dell’uomo armato lo hanno descritto come serio e che aveva un carattere irascibile. Ricordano che spesso parlava con sua madre nei suoi anni più giovani. Ma entrambi erano sorpresi che potesse essere capace di tale violenza.

Poche ore prima della sparatoria, il killer, sul suo profilo Instagram salv8dor_, aveva scritto a una sua conoscente “sto per…”. Il messaggio è stato inviato alle 5.43 del mattino, e quando la ragazza ha chiesto chiarimenti, lui ha risposto dicendo che glielo avrebbe detto “prima delle 11“. Un’ora dopo le aveva scritto “ho un piccolo segreto che voglio dirti“. Il suo ultimo messaggio con la ragazza è stato alle 9.16. Sul suo profilo, che ormai è stato bloccato dalla polizia, aveva pubblicato un selfie e diverse foto di armi.

texas-ultime-news-sparatoria

Un altro amico racconta: «Mi ha mandato una foto di un Ar che stava usando con delle munizioni», aggiungendo che Ramos veniva deriso dagli altri studenti del liceo per il suo moto di vestirsi e per la situazione finanziare della famiglia (incredibile come nelle school shooting la maggior parte delle volte l’assassino sia una “vittima” di bullismo“). Salvador lavorava anche in un ristorante: «Era un tipo silenzioso, non diceva molto e non socializzava con altri dipendenti», riferisce il manager del locale Adrian Mendes.

La polizia, comunque, ha confermato che sulla scena è morto anche il killer, dopo aver ucciso 19 bambini e due docenti. Questo rende questa sparatoria la seconda più letale in un campus, secondo Everytown for Gun Safety, un gruppo di difesa del controllo delle armi che tiene traccia delle sparatorie scolastiche. L’insegnante uccisa è Eva Mireles, che insegnava da 17 anni e ha cercato di proteggere i suoi studenti. La donna, all’inizio dei 40 anni, aveva un figlio.

Le testimonianze

Roman Verdusco stava fumando una sigaretta nella sua pausa pranzo fuori casa sua vicino alla scuola elementare Robb quando ha sentito quello che pensava fosse rumore di costruzione. «Ho sentito quello che sembrava una sparachiodi», ha detto il sig. Verdusco, che vive a Uvalde da ottobre. Poi però ha cominciato a vedere la polizia, la polizia di frontiera e gli sceriffi correre verso la scuola.

Il sig. Verdusco, che ha un figlio di 9 anni che frequenta la scuola, si era diretto di nuovo a lavoro ma intorno alle 13.40 ha detto al suo datore di lavoro che stava andando prendere il suo figlio. La zia di sua moglie è stata colpita, ha detto, aggiungendo che stava bene e in fase di intervento chirurgico in un ospedale di San Antonio.

Su una strada dietro la casa della nonna dell’uomo armato, Elisha Mata era a casa con i suoi genitori e il fratello minore quando ha sentito degli spari. Dalla porta d’ingresso, hanno visto passare una macchina. L’autista stava «sparando al veicolo dietro di lui». La polizia non ha rilasciato un resoconto dettagliato degli eventi prima della sparatoria alla scuola. Hanno solo fatto sapere che la nonna dello psicopatico killer era stata sparata a casa sua.

Il nipote della signora Mata era nella mensa della scuola quando c’è stata la sparatoria e ha raccontato di come il personale abbia spento tutte le luci, chiedendo ai bambini di stare tranquilla. Un inserviente ha chiuso tutte le persone e gli studenti poi sono fuggiti in un’uscita laterale, nascondendosi nel cortile. Il nipote, per fortuna, è tornato a casa sano e salvo. Ma non si può dire lo stesso di 19 suoi compagni di scuola e due insegnanti.

Le parole dei politici

Intanto, in California, il governatore Gavin Newsom, un democratico che ha ripetutamente chiesto leggi più severe sulla sicurezza delle armi, ha criticato i repubblicani. «Un’altra sparatoria», ha twittato. «E il G.O.P. non farà un bel niente. Chi diavolo siamo se non possiamo tenere i nostri figli al sicuro». E come dargli torto, detto molto onestamente? Oltre alle sparatorie nelle scuole, l’America ha un problema di sparatorie in generale. Solo una decina di giorni fa c’è stata quella a Buffalo e il Gun Violence Archive, un’organizzazione no-profit, ha contato almeno 215 sparatorie solo a maggio. Di queste sparatorie, 10 hanno coinvolto quattro o più morti.

texas-ultime-news-sparatoria

Il presidente Biden è stato informato riguardo la sparatoria alla scuola del Texas mentre tornava dal Giappone e, secondo la sua portavoce, Karine Jean-Pierre, ha detto che «le sue preghiere sono con le famiglie colpite da questo terribile evento, e parlerà questa sera quando tornerà alla Casa Bianca». Nel frattempo, ai genitori non è stato permesso avvicinarsi alla scuola. Un messaggio ai genitori sul sito del distretto fa sapere: «Per favore non prendete gli studenti in questo momento. Gli studenti devono essere contabilizzati prima di essere rilasciati alle vostre cure».

«Non ci sono parole per descrivere quanto sia orribile. Stiamo ancora cercando di ottenere un quadro chiaro di ciò che è successo e quale fosse la motivazione», ha detto il senatore John Cornyn, repubblicano del Texas, parlando ai giornalisti a Capitol Hill. Il governatore del Texas, intanto, scrive su Twitter: «I texani sono in lutto per le vittime di questo crimine insensato e per la comunità di Uvalde. Cecilia ed io piangiamo questa orribile perdita ed esortiamo tutti i texani a riunirsi. Ho incaricato @TxDPS e i Texas Rangers di collaborare con le forze dell’ordine locali per indagare a fondo su questo crimine». Ma la coerenza non è di casa:

La senatrice Susan Collins, repubblicana del Maine, ha descritto l’attacco come un «crimine incredibilmente tragico e orribile», e ha espresso sostegno per le cosiddette «leggi a bandiera rossa» che aiutano a limitare l’accesso alle armi da fuoco a persone potenzialmente violente.

In una dichiarazione, il Presidente della California Nancy Pelosi ha detto, «Per troppo tempo, alcuni al Congresso hanno offerto parole vuote dopo queste sparatorie mentre si opponevano a tutti gli sforzi per salvare vite umane». I democratici del Senato non hanno ancora tenuto un voto sulla legislazione che la Camera ha precedentemente approvato che rafforzerebbe i controlli dei precedenti per gli acquirenti di armi. Non ha il sostegno repubblicano per superare la soglia dell’ostruzionismo dei 60 voti.

«Miei compagni americani. Avevo sperato quando sono diventato presidente, non avrei dovuto fare questo. Di nuovo.

Un altro massacro. Uvalde, Texas. Una scuola elementare. Bellissima,, innocente, seconda, terza, quarta elementare. E quante decine di bambini che assistono a ciò che è successo, vedono i loro amici morire come se fossero su un campo di battaglia per l’amor di Dio.

Perdere un figlio. È come avere un pezzo della tua anima strappato via. Il vuoto nel petto. Ti senti come se fossi risucchiato in esso e non essere mai in grado di uscirne».

Presidente Biden, che ha perso un figlio

L’ex presidente Barack Obama ha rilasciato una dichiarazione martedì sera chiedendo il controllo delle armi e condannando la lobby delle armi e i repubblicani: «Quasi 10 anni dopo Sandy Hook – e 10 giorni dopo Buffalo – il nostro paese è paralizzato, non dalla paura, ma da una lobby delle armi e da un partito politico che non hanno mostrato alcuna volontà di agire in alcun modo che possa aiutare a prevenire queste tragedie. È passato molto tempo per l’azione, qualsiasi tipo di azione. Ed è un’altra tragedia – una più tranquilla ma non meno tragica – che le famiglie aspettino un altro giorno».

close

Non perderti le nostre news!

Non inviamo spam! Leggi la nostra Informativa sulla privacy per avere maggiori informazioni.