Attacco hacker alla Siae: 60 gigabyte di dati rubati. Riscatto in Bitcoin

Condividi

Dopo Twitch, adesso tocca alla Siae, la Società italiana degli autori ed editori. L’azienda è vittima del gruppo hacker Everest che ha sottratto 60-70 gigabyte di informazioni tra cui anche conti correnti, fatture e contratti. A differenza dell’hackeraggio di Twitch, però, in questo c’è un riscatto da pagare in Bitcoin, che però la Siae non ha intenzione di pagare. La polizia postale sta comunque indagando sul caso tramite il compartimento di Roma del Cnaipic (Centro nazionale anticrimine informatico per la protezione delle infrastrutture critiche).

siae-vittima-di-hacker

Se la Siae non pagherà il riscatto, tutti i 60 gygabite di dati rubati saranno nelle mani del darkweb. In questi dati ci sono i documenti importanti di diversi artisti e la società dovrebbe tutelare i diritti d’autore, per cui se questo avverrà davvero, sarà una tragedia per le persone che si sono affidate alla società. Il Garante della privacy è stato messo al corrente dei fatti in data 18 ottobre, quando l’hackeraggio ha avuto inizio, mentre la Siae fa sapere che cercherà di proteggere tutti gli iscritti.

Gaetano Blandini, dg della società, ha detto all’Ansa che «la Siae non darà seguito alla richiesta di riscatto. Abbiamo già provveduto a fare la denuncia alla polizia postale e al garante della privacy come da prassi. Verranno poi puntualmente informati tutti gli autori che sono stati soggetti di attacco. Monitoreremo costantemente l’andamento della situazione cercando di mettere in sicurezza i dati degli iscritti della Siae».

Tuttavia, un altro dettaglio che potrebbe interessarvi, è che giusto due settimane fa la società è stata oggetto di un tentativo di phising, ma nessuno poteva pensare a una cosa del genere. A quanto pare, poi, i dati non sono stati criptati bensì “esfiltrati” dal database, per poi esser pubblicati sul dark web (sono una piccola parte, per il momento). Il riscatto, comunque, per chi se lo stesse chiedendo, equivale a 3 milioni in Bitcoin. Per il momento non abbiamo altre informazioni.

Siae vittima di un gruppo di hacker: l’opinione sul web

Autore

  • Giulia, 22 anni, blogger. Amo scrivere, leggere, guardare serie tv e anime, i gatti e seguire le giuste polemiche. Instagram: @murderskitty

close

Non perderti le nostre news!

Non inviamo spam! Leggi la nostra Informativa sulla privacy per avere maggiori informazioni.

Previous post OnlyFans: anche i musei di Vienna aprono un profilo
Next post Instagram: post da Desktop, Reel, post in collaborazione e non solo