Cup of Green Tea

Tea, nel dizionario urbano, significa gossip, notizia, news, tutto ciò che potrebbe interessarti, e che troverai su questo sito.

Mara Wilson (Matilda 6 Mitica) contro l’industria di Hollywood, dalla parte di Britney Spears

Vi abbiamo già parlato di quello che ha dovuto passare e che sta passando Britney Spears, dal padre che sfrutta il suo denaro e non le fa vivere la propria vita a come i media l’hanno sempre trattata, come se non fosse una persona. Dopo aver visto Framing Britney Spears, documentario sulla popolare cantante, anche Mara Wilson, che noi ricordiamo come Matilda in Matilda 6 mitica, si è espressa sulla vicenda, in particolare sulla sessualizzazione dei baby-attori di Hollywood.

mara-wilson-britney-spears
Fonte: pinterest

In un articolo sul New York Times, Mara Wilson, attrice da quando aveva la tenera età di 5 anni, ha espresso la sua solidarietà nei confronti di Britney Spears e ha raccontato delle sue esperienze tragiche nel mondo di Hollywood da quando era ancora una bambina. In questo articolo analizzeremo quello che l’attrice, oggi 33enne, ha scritto in quello originale, scoprendo tutto quello che ha dovuto passare a causa dei media e del pubblico che si dimentica che, dietro al vip, c’è una persona reale.

Le parole di Mara Wilson sul NYT

«Io e Britney Spears abbiamo imparato la stessa lezione crescendo: quando sei giovane e famoso, non esiste il controllo», così inizia l’articolo, e già possiamo intuire che sarà un articolo incisivo e molto forte, senza veli, mirato proprio a denunciare un sistema che non funziona. Ma non attacca Hollywood. Sotto i riflettori ci sono i media e il pubblico, i giornalisti che trattano le bambine come se fossero delle adulte.

mara-wilson-britney-spears
Fonte: pinterest

All’inizio racconta una sua esperienza, di quando aveva solo 13 anni e doveva partecipare a un’intervista. I bambini dicono sempre la verità, questo è un dato di fatto. E anche la piccola Mara Wilson, quando le è stato chiesto come stesse, ha risposto onestamente. Tuttavia, il giorno dopo, ha trovato la sua faccia come prima pagina sul giornale in un articolo che iniziava con «l’intervista non è neanche iniziata e Mara Wilson, star bambina, già si lamenta con il suo staff» e che la descriveva come una brat viziata.

Racconta poi di come invidiasse Britney Spears e, questo suo odio (sebbene non fosse un vero e proprio odio, sottolinea anche quest), era proprio causato dal fatto che fosse bella e cool, dal fatto che, come scrive Mara Wilson, in lei c’era il solito «Not like the other girls», il periodo che tutte le adolescenti passano almeno una volta nella propria vita. «La nostra cultura costruisce queste ragazze per distruggersi a vicenda», dice, per poi chiedere scusa a Britney.

Scrive che Britney Spears è stata descritta come una bad girl e, le bad girls, vengono indubbiamente sessualizzate. Tuttavia, sebbene Mara Wilson non sia mai stata una di loro, è comunque stata sessualizzata, sebbene lei non abbia mai indossato abiti succinti nei film in cui ha recitato. I giornalisti le chiedevano «hai un fidanzato?» quando aveva solo 6 anni, le chiedevano quale fosse l’attore più sexy e persino cosa ne pensasse di Hugh Grant che aveva adescato una prostituta.

«Era carino quando i bambini di 10 anni mi inviavano lettere dicendo di essere innamorati di me. Non lo era quando uomini di 50 anni lo facevano. Prima ancora di compiere 12 anni, c’erano immagini di me su siti web di feticisti dei piedi e miei scatti photoshoppati di pornografia infantile. Ogni volta mi vergognavo. Hollywood ha deciso di affrontare le molestie nel settore, ma non sono mai stato molestata sessualmente sul set di un film. Le mie molestie sessuali sono sempre arrivate per mano dei media e del pubblico.»

Conclude l’articolo parlando di Britney Spears e di come il suo mental breakdown non sarebbe mai dovuto avvenire, poiché «le persone hanno bisogno di spazio, tempo e cura di affrontare queste cose. Lei non aveva nulla di tutto ciò». Continua, poi: «entrambe avevamo bambole di noi, amici intimi e fidanzati che condividevano i nostri segreti e uomini adulti che commentavano i nostri corpi. Ma la mia vita era più facile non solo perché non sono mai stata famosa a livello tabloid, ma anche perché a differenza di Ms. Spears, ho sempre avuto il supporto della mia famiglia».

mara-wilson-britney-spears
Fonte: pinterest

Quelle di Mara Wilson sono delle parole che forse avevamo bisogno di sentire, più che altro perché i bambini, le adolescenti, vengono sessualizzate oggi come allora. Forse ora, con i social network e i make-up artist e gli stilisti che le agghindano come se fosse delle donne adulte, la situazione è anche peggiore. Per questo motivo bisognerebbe cercare di mettere dei paletti, di comprendere che ci sono delle persone dietro al personaggio famoso, che ognuno deve vivere la propria vita come preferisce.

close

Non perderti le nostre news!

Non inviamo spam! Leggi la nostra Informativa sulla privacy per avere maggiori informazioni.

Giulia

Giulia, 22 anni, blogger. Amo scrivere, leggere, guardare serie tv e anime, i gatti e seguire le giuste polemiche. Instagram: @murderskitty

Torna in alto