#FreeBritney: la dichiarazione completa della cantante

Condividi

Britney Spears ieri ha spiegato gli ultimi anni della sua vita in una lunga dichiarazione che ha come obiettivo quello di far cadere il conservatorship a cui è stata obbligata dalla sua famiglia, in particolare dal padre. Sono parole molto forti quelle della cantante, riportate integramente dal sito Variety e che noi di Cup of Green Tea tradurremo per voi.

britney-spears-dichiarazione
Britney Spears

Qualche mese fa siamo stati felici di farvi sapere che la giudice Brenda Penny aveva stabilito che il padre di Britney Spears, Jamie, non aveva più il totale controllo sulle finanze della figlia 39enne, ma che avrebbe dovuto, da quel momento in poi, collaborare con la Bessemer Trust, una società di servizi finanziari. Quella era solo una prima piccola vittoria per la cantante, soprattutto dopo l’uscita del documentario che racconta questa brutta e tragica storia, Framing Britney Spears.

La storia ha radici nel 2008, anno che noi ricordiamo con il crollo nervoso di Britney Spears (le sue foto con la testa rasata hanno fatto letteralmente il giro del mondo) e in cui il padre Jamie è ufficialmente divenuto il tutorie legale del patrimonio e della carriera della figlia popstar, venendo pagato (come se un padre dovesse essere pagato per accudire la propria figlia) la bellezza di 130 mila dollari all’anno.

Per anni Britney Spears non si era lamentata di questa conservatorship, così viene chiamato in America in termini legali questo tipo di tutela applicata a chi ha disturbi mentali o è troppo anziano, ma lo scorso anno tutto è cambiato (il New York Times ha recentemente pubblicato un articolo in cui si vede che, però, Britney ha provato per anni del conservatorship del padre), quando, tramite il suo legale Samuel Ungham III, aveva fatto sapere in tribunale di essere «fortemente contraria» alla tutela paterna, minacciando anche di non cantare più finché le cose non sarebbero cambiate.

britney-spears-dichiarazione
Il fidanzato di Britney Spears

Sono ormai anni che i fan di Britney Spears ma anche amici o colleghi come Miley Cyrus (al pre-Super Bowl ha urlato “Amiamo Britney!”), Cher, Paris Hilton (cara amica della bionda) lottano per liberarla dalle grinfie paterne, con #FreeBritney, cercando di informare il più possibile il mondo di quello che le sta accadendo. Anche durante l’udienza da cui è uscita con una piccola vittoria, i fan manifestavano all’estero del tribunale con cartelli con scritto #FreeBritney. Ieri, invece, il fidanzato della cantante ha postato su Instagram una foto con la maglietta “Free Britney”.

A riguardo si è espressa, dopo anni e anni di silenzio, anche Jamie Lynn Spears, la sorella di Britney Spears, che in una storia su Instagram scrive: «Tutti quelli che incontri stanno combattendo una battaglia di cui non sai nulla. Sii gentile. SempreCari media, cercate di non ripetere gli errori del vostro passato. Guardate dove ci hanno portato. Comportatevi meglio», riferendosi a come i media le abbiano fatto avere quel crollo mentale dieci anni fa. Ha poi negato una news in cui la si vede partecipare a un raduno di #FreeBritney su Zoom.

Le dichiarazioni di Britney Spears

«Ho appena comprato un nuovo telefono, e ho molto da dire, quindi abbiate pazienza. Fondamentalmente, sono successe molte cose da due anni fa, l’ultima volta – ho scritto tutto questo – l’ultima volta che sono stato in tribunale», così inizia il lungo discorso di Britney Spears, in cui ha descritto gli ultimi anni della sua vita. Sono delle parole molto forti, sconvolgenti, e il fatto che siano dedicate a un padre che dovrebbe prendersi cura con amore della figlia e non trattarla come se fosse un portafoglia ci fa solo accapponare la pelle.

«Sarò onesto con voi. Non torno in tribunale da molto tempo, perché non credo di essere stata ascoltata quando sono venuta in tribunale l’ultima volta. Avevo portato quattro fogli di carta nelle mie mani e avevo scritto quello che avevo passato negli ultimi quattro mesi prima di venire lì. Le persone che hanno fatto questo a me non dovrebbe essere in grado di allontanarsi così facilmente. Ricapitolerò. Ero in tour nel 2018. Sono stata costretta a fare… Il mio management ha detto che se non avrei fatto quel tour, avrei dovuto trovare un avvocato…», continua Britney Spears, tornando indietro di due anni.

A questo punto il giudice la interrompe, chiedendo di parlare più lentamente, e così Britney Spears ricapitola quello che aveva detto, e poi continua: «per il contratto il mio management avrebbe potuto farmi causa se non avessi fatto il tour. Mi hanno dato un foglio di carta mentre scendevo dal palco a Las Vegas e hanno detto che dovevo firmarlo. Era molto minaccioso e spaventoso. E con il conservatorio, non ho potuto nemmeno avere un mio avvocato. Quindi, per paura, sono andato avanti e ho fatto il tour.»

«Quando ho finito il tour, doveva esserci un nuovo spettacolo a Las Vegas. Ho iniziato a provare presto, ma è stato difficile perché ero stata a Las Vegas per quattro anni e avevo bisogno di una pausa. Ma no, mi è stato detto che questa è la linea temporale ed è così che andrà. Ho provato quattro giorni a settimana. Metà del tempo in studio e metà dell’altra volta in uno studio Westlake.

In pratica stavo dirigendo la maggior parte dello spettacolo. In realtà ho fatto la maggior parte della coreografia, il che significa che ho insegnato io stessa ai miei ballerini la mia nuova coreografia. Prendo tutto quello che faccio molto seriamente. Ci sono un sacco di video con me alle prove. Non ero brava – ero grande. Ho guidato una stanza di 16 nuovi ballerini nelle prove.»

Britney Spears

Racconta che è quasi divertente ascoltare la versione del suo manager, perché «tutti dicevano che non partecipavo alle prove e non ho mai accettato di prendere le mie medicono – che prendo solo la mattina, non alle prove. Non mi vedono nemmeno. Allora perché lo sostengono? Quando ho detto no a una sola mossa di danza nelle prove, era come se avessi piazziato una bomba enorme da qualche parte. E ho detto no, non voglio farlo in questo modo».

«Dopodiché, il mio management, i miei ballerini e il mio assistente delle nuove persone che avrebbero dovuto fare il nuovo spettacolo sono entrati in una stanza, hanno chiuso la porta e non sono usciti per almeno 45 minuti. Signora, non sono qui per essere la schiava di nessuno. Posso dire di no ad una mossa di danza. Mi è stato detto dal mio terapista del momento, il Dr. Benson – che è morto [nel 2019] – che il mio manager lo ha chiamato e poi quel momento e gli ha detto che non stavo collaborando o seguendo le linee guida nelle prove.

E ha anche detto che non stavo prendendo le mie medicine, il che è così stupido, perché ho avuto la stessa donna tutte le mattine negli ultimi otto anni che mi ha dato le stesse medicine. E non sono neanche lontanamente vicina a queste persone stupide. Non aveva alcun senso.

C’è stato un periodo di una settimana in cui sono stati gentili con me, e ho detto loro che non voglio fare – Sono stati gentili con me, hanno detto che se non voglio fare il nuovo show di Las Vegas, non devo farlo perché stavo diventando molto nervosa. È stato come sollevare letteralmente 90 chili da me quando hanno detto che non devo più fare lo show, perché era davvero difficile per me ed era troppo. Non ce la facevo più.»

Britney Spears

Ma, qualcosa, per Britney Spears, non tornava, sentiva che sarebbero tornati cattivi e l’avrebbero punita: «Tre giorni dopo, dopo aver detto no a Las Vegas, il mio terapista mi ha fatto sedere in una stanza e ha detto che aveva un milione di telefonate su come non stavo collaborando nelle prove, e non ho preso le mie medicine. Tutto questo era falso. Immediatamente, il giorno dopo, mi ha messo sul litio dal nulla. Mi ha tolto le mie medicine normali che ho preso per cinque anni.» Il litio, sottolinea Britney Spears, è molto forse e diverso da quello che prendeva.

britney-spears-dichiarazione
Britney Spears

Il litio non la faceva sentire come ubriaca, non riusciva neanche ad avere una conversazione con i genitori: «Gli ho detto che avevo paura, e il mio dottore mi ha fatto assumere sei diverse infermiere con questo nuovo farmaco, venivano a casa mia, stavano con me a monitorare questo nuovo farmaco, che non ho mai voluto prendere per cominciare. C’erano sei diverse infermiere a casa mia e non mi hanno lasciata salire in macchina per andare da nessuna parte per un mese.»

Ma la famiglia di Britney Spears? «Non solo la mia famiglia non ha fatto una cosa maledetta, mio padre era d’accordo con tutto. Tutto ciò che mi è successo doveva essere approvato da mio padre. E mio padre si comportava come se non sapesse che mi avevano detto che dovevo essere messa alla prova durante le vacanze di Natale prima di mandarmi via, quando i miei figli sono andati a casa in Louisiana. Lui ha approvato tutto. Tutta la mia famiglia non ha fatto nulla.»

«Durante le due settimane di vacanza, una signora venne a casa mia per quattro ore al giorno, mi fece sedere e mi fece un test psichiatrico. Ci volle un’eternità. Ma mi è stato detto che dovevo farlo. Poi, ho ricevuto una telefonata da mio padre, praticamente dicendo che avevo fallito il test o qualsiasi altra cosa, qualsiasi cosa. “Mi dispiace, Britney, devi ascoltare i tuoi dottori. Stanno progettando di mandarti in una piccola casa a Beverly Hills per fare un piccolo programma di riabilitazione. Pagherai 60.000 dollari al mese per questo.” Ho pianto al telefono per un’ora e lui ne ha adorato ogni minuto.

Il controllo che aveva su qualcuno potente come me – amava il controllo per ferire sua figlia al 100,000%. Lo amava. Ho fatto le valigie e sono andato in quel posto. Ho lavorato sette giorni alla settimana, senza giorni di ferie, che in California, l’unica cosa simile a questa si chiama traffico sessuale. Far lavorare chiunque contro la propria volontà, portare via tutti i propri averi – carta di credito, contanti, telefono, passaporto – e metterli in una casa dove lavorano con le persone che vivono con loro. Tutti vivevano nella casa con me, le infermiere, la sicurezza 24-7.

C’era uno chef che è venuto lì e ha cucinato per me ogni giorno durante i giorni feriali. Mi hanno guardato cambiare ogni giorno – nuda – mattina, mezzogiorno e notte. Il mio corpo – Non avevo privacy per la mia camera. Ho dato otto fiale (?) di sangue a settimana. Se non avessi fatto nessuna delle mie riunioni e lavorato dalle otto alle sei di notte, cioè 10 ore al giorno, 7 giorni alla settimana, nessun giorno libero, non avrei potuto vedere i miei figli o il mio ragazzo.

Non ho mai avuto voce in capitolo nella mia agenda. Mi hanno sempre detto che dovevo farlo. E signora, le dirò, seduto su una sedia 10 ore al giorno, 7 giorni alla settimana, non è divertente… e soprattutto quando non può uscire dalla porta principale.»

Britney Spears

Lo ripete dopo due anni, dopo aver mentito a tutto il mondo dicendo di star bene e di essere felice, quasi come se volesse convincere se stessa più che gli altri. Britney Spears si definisce shockata, traumatizzata. «Fingilo fino a realizzarlo», dice Britney Spears nella sua dichiarazione. «Ma ora sto dicendo la verità, okay? Non sono felice. Non riesco a dormire. Sono così arrabbiata da uscirne pazza. E sono depressa. Piango tutti i giorni».

«E il motivo per cui ve lo sto dicendo – continua Britney Spears – è perché non penso a come lo stato della California possa avere tutto questo scritto nei documenti del tribunale dal momento in cui mi sono presentata e non ho fatto assolutamente nulla – solo assumere, con i miei soldi, un’altra persona e tenere mio padre a bordo. Signora, mio padre e chiunque sia coinvolto in questo conservatorio e nel mio management che hanno avuto un ruolo importante nel punirmi quando ho detto di no – signora, dovrebbero essere in prigione. Le loro tattiche crudeli funzionano per Miley Cyrus mentre fuma sul palco dei VMA – nulla è mai stato fatto a questa generazione per aver fatto cose sbagliate

«Ma il mio prezioso corpo, che ha lavorato per mio padre negli ultimi 13 anni, cazzo, cercando di essere così buono e bello. Così perfetto. Quando mi lavora così duramente. Quando faccio tutto quello che mi viene detto e lo stato della California ha permesso a mio padre – padre ignorante – di prendere sua figlia, che ha un ruolo con me solo se lavoro con lui, hanno rimandato l’intero corso e gli hanno permesso di farlo. Mi minacciano anche e mi dicono: Se non vado, allora devo andare in tribunale. E sarà più imbarazzante per me se il giudice vedrà pubblicamente le prove che abbiamo.

Devi andare. Mi è stato consigliato per la mia immagine, Ho bisogno di andare avanti [alla riabilitazione] e basta andare e farla finita. Lo hanno detto a me. Non bevo nemmeno alcol – dovrei bere alcol, considerando quello che hanno fatto passare al mio cuore. Anche la struttura di Bridges in cui mi hanno mandato, nessuno dei ragazzi – ho fatto questo programma per quattro mesi, quindi negli ultimi due mesi sono andata in una struttura di Bridges.

Nessuno dei bambini lì ha fatto il programma. Non si sono mai presentati per nessuno di loro. Non devi fare nulla se non vuoi. Come mai mi hanno sempre fatto andare? Come mai sono sempre stata minacciata da mio padre e da chiunque abbia partecipato a questo conservatorship? Se non lo faccio, quello che mi dicono di fare, mi puniranno.»

Britney Spears

«L’ultima volta che ho parlato con te [il giudice] solo mantenendo la tutela, e anche tenendo mio padre nel giro, mi ha fatto sentire come se fossi morta – come se non importasse, come se niente mi fosse stato fatto, come se pensassi che stessi mentendo o qualcosa del genere. Te lo ripeto, perché non sto mentendo. Voglio sentirmi ascoltata. E te lo sto dicendo di nuovo, quindi forse puoi capire la profondità, il grado e il danno che mi hanno fatto allora», dice Britney Spears, arrabbiata e ferita.

britney-spears-dichiarazione
Britney Spears

Britney Spears vuole «cambiamenti» e vuole che questi «cambiamenti continuino.» «Mi merito dei cambiamenti. Mi è stato detto che devo sedermi e farmi valutare, di nuovo, se voglio porre fine alla tutela. Signora, non sapevo di poter presentare una petizione al conservatorship per porvi fine. Mi dispiace per la mia ignoranza, ma onestamente non lo sapevo. Ma onestamente, ma non credo di dovere a nessuno di essere valutata. Ho fatto più che abbastanza. Non credo che dovrei essere in camera con qualcuno per offendermi, cercando di mettere in dubbio la mia capacità di intelligenza, che io debba stare in questo stupido conservatorship o no. Ho fatto più che abbastanza».

Britney Spears non deve nulla alle persone che l’anno ferita, soprattutto perché è stata lei a coprire e nutrire le persone del tour. «È imbarazzante e demoralizzante quello che ho passato. E questa è la ragione principale per cui non l’ho mai detto apertamente. E soprattutto, non volevo dirlo apertamente, perché onestamente penso che nessuno mi avrebbe creduto. Ad essere onesti, la storia di Paris Hilton su quello che le hanno fatto in quella scuola, non ho creduto a niente. Mi dispiace. Sono un outsider, e sarò onesta. Non ci credevo.»

Proprio il fatto che lei non credesse alla storia di Paris, l’ha spinta a non dire niente: «pensavo che la gente mi avrebbe preso in giro o avrebbe riso di me e avrebbe detto, “Sta mentendo, ha tutto, è Britney Spears.“» Ma lei non sta mentendo, vuole solo riavere indietro la sua vita dopo 13 lunghi anni, e vuole dimostrarlo senza incontrare o vedere nessuno: «Ho incontrato abbastanza persone contro la mia volontà. Ho finito. Voglio solo avere i miei soldi, per farla finita, e che il mio ragazzo mi porti con la sua cazzo di macchina.»

«E sinceramente vorrei fare causa alla mia famiglia, per essere del tutto sincera. Vorrei anche essere in grado di condividere la mia storia con il mondo, e quello che hanno fatto a me, invece di essere un segreto segreto per beneficiare tutti loro. Voglio essere ascoltata riguardo ciò che mi hanno fatto costringendomi a tenerlo segreto così a lungo, non facendo bene al mio cuore. Sono stata così arrabbiata e piango ogni giorno. Mi riguarda, mi è stato detto che non mi è permesso di esporre le persone che mi hanno fatto questo.

Per la mia sanità mentale, ho bisogno che tu vada dal giudice ad approvarmi per fare un’intervista in cui possa essere ascoltato su quello che mi hanno fatto. E in realtà, ho il diritto di usare la mia voce e per parlare per me stessa. Il mio avvocato dice che non posso. Non va bene. Non posso far sapere al pubblico quello che mi hanno fatto e non dire niente significa che mi va bene.

Non va tutto bene. A dire il vero, non voglio un’intervista – preferirei avere una chiamata aperta per la stampa, cosa che non sapevo oggi stessimo facendo, quindi grazie. Invece di fare un’intervista, onestamente, mi serve per togliermelo dal cuore, dalla rabbia e da tutto quello che sta succedendo. Non è giusto che mi dicano bugie su di me apertamente. Anche la mia famiglia, fanno interviste a chiunque vogliano sui notiziari. La mia famiglia che fa interviste, e parla della situazione e mi fa sentire così stupida. E non posso dire nulla. E la mia gente dice che non posso dire niente.»

Britney Spears

Sottoliva che il motivo per cui si trova a fare questa dichiarazione è mettere fine al conservatorship senza dover essere valutata da qualcuno e anche per parlare di tutti gli obblighi che ha, che la portano a essere lei a lavorare per le persone che dovrebbero lavorare per lei, e che quindi lei paga. Lei vuole andare da un terapista, scelto da lei e da lei approvato, ma vuole farlo avendo la sua privacy, non venendo messa in bocca ai paparazzi, ma il conservatorship ha scelto per lei uno dei terapisti nelle zone più esposte e piene di paparazzi.

«Le leggi devono cambiare. Quale stato permette alle persone di possedere i soldi e il conto di un’altra persona e minacciarli dicendo: “Non puoi spendere i tuoi soldi a meno che tu non faccia quello che vogliamo che tu faccia.” E li sto pagando», sottolinea Britney Spears, che lavora da quando aveva 17 anni e che, a causa del padre e del management, non sente di vivere una vita piena.

«Mi hanno incastrato mandandomi nei posti più esposti, e ho detto loro che non volevo andarci perché sapevo che i paparazzi sarebbero arrivati», dice la bionda, ritornando al punto del terapista che dovrebbe andare a casa sua, e non il contrario considerando la sua sitazione tanto esposta. Ma Britney Spears ha avuto solo due opzioni per i terapisti, e per questo chiede l’aiuto del tribunale, chiedendo di porre fine alle richieste senza essere valutata stando seduta in una stanza per quattro ore al giorno come è stato già fatto in passato, peggiorando solo la sua situazione.

A questo punto, parla anche degli abusi durante il Covid-19, quando sua madre le ha detto che tutto era chiuso mentre però lei usufruiva dei servizi che dovevano essere chiusi. Ma era più facile dirle una bugia per tenerla a casa a lavorare per loro: «Sono stanca di questo. Non sento di dovergli nulla. Loro devono ricordare che sono loro a lavorare per me».

«Mi sento come se stessi vivendo in un programma di riabilitazione. Questa è la mia casa. Mi piacerebbe che il mio ragazzo possa portarmi in giro nella sua auto. E voglio incontrare un terapista una volta a settimana, non due volte a settimana. E voglio che venga a casa mia. Perché in realtà so che ho bisogno di un po’ di terapia. (Risate.)

Mi piacerebbe andare avanti progressivamente e voglio sposarmi, voglio essere in grado di sposarmi e avere un bambino. Mi è stato detto in questo momento nel conservatorship, non sono in grado di sposarmi o avere un bambino, ho una spirale dentro di me in questo momento in modo da non rimanere incinta. Volevo togliere la spirale in modo da poter iniziare a cercare di avere un altro bambino. Ma questa cosiddetta squadra non mi lascia andare dal dottore per toglierlo perché non vogliono che abbia figli – nessun altro bambino. In pratica, questa tutela mi sta facendo più male che bene.»

Britney Spears

Britney Spears conclude: «Merito di avere una vita. Ho lavorato tutta la mia vita. Merito di avere una pausa di due o tre anni e, sai, fare quello che voglio fare. Ma sento che c’è una stampella qui. E mi sento aperta e mi va bene parlare con voi oggi

«Vorrei poter stare con te al telefono per sempre, perché quando stacco dal telefono con te, all’improvviso sento tutti questi no – no, no, no. E poi all’improvviso mi sento in combutta e mi sento vittima di bullismo e mi sento lasciata fuori e sola. E sono stanca di sentirmi sola. Merito di avere gli stessi diritti di chiunque altro, avendo un figlio, una famiglia, qualsiasi cosa, e anche di più.»

Britney Spears

Autore

  • Giulia, 22 anni, blogger. Amo scrivere, leggere, guardare serie tv e anime, i gatti e seguire le giuste polemiche. Instagram: @murderskitty

close

Non perderti le nostre news!

Non inviamo spam! Leggi la nostra Informativa sulla privacy per avere maggiori informazioni.

Previous post Loki: 3 curiosità che dovresti sapere (e forse non immagini)
Next post Euro2020, l’Italia passa a punteggio pieno: il resoconto della terza giornata