Giorgia Meloni è la settima donna più potente al mondo

Condividi

Giorgia Meloni è la settima donna più potente al mondo secondo l’edizione 2022 della classifica World’s Most Powerful Women stilata da Forbes, ed è anche l’unica italiana in classifica. Dopo quindi essere divenuta la prima premier italiana e anche il primo Presidente più a destra dopo Benito Mussolini, Giorgia Meloni si distingue ancora una volta. Insieme a lei, nella classifica, ci sono anche la presidente della Commissione Europea Ursula von der Leyen, al primo posto, e la vice presidente degli Stati Uniti d’America, Kamala Harris.

Classe 1977, Giorgia Meloni è ormai la donna dai record, ma non sempre è un pregio. D’altronde, l’essere il Presidente più a destra dalla caduta del governo di Mussolini, non è esattamente un vanto. Leader di Fratelli d’Italia, in politica da quando aveva 15 anni con Fronte della Gioventù, subito dopo l’attentato a Paolo Borsellino. MSI, Azione giovani, An, a 29 anni è la più giovane deputata della legislatura. Poi, dopo due anni, è ancora la ministra più giovane dell’Italia repubblicana nel quarto governo di Berlusconi. E a distanza di anni, adesso è lei a scegliere i ministri.

giorgia-meloni-forbes

«Questa vittoria è dedicata a tutti i militanti, i dirigenti, i simpatizzanti e ad ogni singola persona che – in questi anni – ha contribuito alla realizzazione del nostro sogno, offrendo anima e cuore in modo spontaneo e disinteressatoA coloro che, nonostante le difficoltà e i momenti più complessi, sono rimasti al loro posto, con convinzione e generosità. Ma, soprattutto, è dedicata a chi crede e ha sempre creduto in noi. Non tradiremo la vostra fiducia. Siamo pronti a risollevare l’Italia. Grazie», ha condiviso su Facebook il giorno dopo le elezioni.

Opinione diversa la hanno le testate internazionali. «Giorgia Meloni si avvia a essere la prima ministra italiana più di destra dai tempi di Mussolini», ha scritto la Cnn sul suo governo. «Con Giorgia Meloni che guida le elezioni di domenica, l’Italia potrebbe avere il suo primo leader il cui partito affonda le sue radici nel fascismo», ha scritto invece il New York Times. In Francia sono della stessa opinione, parlando di Fratelli d’Italia come “partito post-fascista”, mentre in Germania e Spagna si parla di “estrema destra”. APNews rimarca sulle radici neofasciste e sul “Dio, patria e famiglia”. Forbes, invece, la premia come settima donna più potente al mondo.

Forbes: Giorgia Meloni settima donna più potente al mondo

giorgia-meloni-forbes

Forbes ha pubblicato l’annuale classifica della lista delle donne più potenti al mondo, e quasi un quarto dei leader «ha un ruolo importante nella politica in un momento in cui l’aumento dell’inflazione, le interruzioni della catena di approvvigionamento e una crisi climatica incombente minacciano la stabilità geopolitica». «Collettivamente, queste donne supervisionano o influenzano direttamente quasi 3 miliardi di persone e oltre la metà del PIL mondiale. Ma le dinamiche del potere politico si stanno spostando in quanto i leader devono adattarsi a crescenti disordini e crescenti minacce alla democrazia».

Al primo posto abbiamo Ursula von der Leyen, seguita dalla Presidente della Banca centrale europea, Christine Lagarde, in quanto «entrambe le donne devono bilanciare il continuo sostegno dell’Ucraina, frenando l’aumento dell’inflazione e dei costi energetici». Abbiamo poi la vicepresidente Usa Kamala Harris al terzo; l’amministratore delegato di General Motors Mary Barra al quarto; l’amministratore delegato della società di investimento americana Fidelity Investments Abigail Johnson al quinto; l’imprenditrice ex moglie di Bill Gates, Melinda French Gates, al sesto; l’autrice di best sellers Karen Lynch all’ottavo posto; l’amministratore delegato (CEO) di Accenture Julie Sweet al nono e la presidente di Citigroup Jane Fraser al decimo.

E Giorgia Meloni? «Il 2022 ha segnato l’ascesa di nuovi leader politici, tra cui la prima premier italiana Giorgia Meloni». Forbes la descrive come una «figura controversa il cui futuro politico rimane incerto. Ciò nonostante, rappresenta un guadagno significativo nella leadership femminile come unica donna alla guida di una nazione del G20». Vedremo però se la nostra Giorgia Meloni sarà davvero un guadagno significativo per il genere femminile.

giorgia-meloni-forbes
  1. Ursula von der Leyen
  2. Christine Lagarde
  3. Kamala Harris
  4. Mary Barra
  5. Abigail Johnson
  6. Melinda French Gates
  7. Giorgia Meloni
  8. Karen Lynch
  9. Julie Sweet
  10. Jane Fraser
close

Non perderti le nostre news!

Non inviamo spam! Leggi la nostra Informativa sulla privacy per avere maggiori informazioni.