Quando ci si aspetta che Chiara Ferragni faccia il lavoro dei politici

Condividi

Chiara Ferragni è ancora una volta sotto tutti i riflettori, ma non perché è incinta di una bambina, bensì perché non ha fatto abbastanza durante il periodo Covid-19. Ma stiamo parlando della stessa Chiara Ferragni? E soprattutto: in quanto cittadina dello stato come chiunque altro, perché avrebbe dovuto fare più di quello che già ha fatto? Ci siamo persi forse il passaggio in cui la Blonde Salad, imprenditrice digitale, è diventata una politica?

È successo non su una rete a caso, ma sulla Rai, Chiara Ferragni è stata attaccata da una «giornalista, che arriva direttamente dal Grande Fratello», così la definisce Fedez nelle sue storie Instagram, perché Chiara, con tutti i suoi followers, avrebbe dovuto fare di più. Forse le persone, che bene o male cercano di parlare della bionda solo per sfruttare la sua popolarità e ottenere quindi attenzioni su di sé, dovrebbero non solo informarsi, ma anche smetterla di trattare gli influencer come se fossero dei politici.

chiara-ferragni-attacchi
Fonte: instagram

O meglio, trattare gli influencer come se avessero qualche obbligo nei confronti dello Stato. Se Chiara Ferragni un giorno vuole pubblicare un post dove si parla di fascismo, Chiara Ferragni può farlo benissimo. Se il giorno dopo invece vuole parlare di make up e non di un altro argomento serio, lo può fare senza problemi, e non dovrei essere io a dirlo. Il fatto è che alla gente non piace il pensiero che qualcuno, partendo da un semplice social, sia riuscito a ottenere qualcosa.

Ricorda un po’ la puntata di Ciao Darwin Social vs TV, dove la TV proprio non accettava di come, quei ragazzini, avessero più successo di loro, di come abbiano costruito tutto ciò per cui loro hanno lavorato per un’intera vita, con qualche click, con la propria personalità e le proprie idee originali. Allo stesso modo, Chiara viene attaccata per qualsiasi cosa lei faccia, o dica, perché avrebbe potuto fare di più, dovrebbe fare di meno.

Quando ha parlato di fascismo, non andava bene, perché lei non è una politica, ma quando non parla 24 ore su 24 di Covid, non va bene comunque, perché deve sfruttare i suoi followers. Forse è il momento di ricordare cosa Chiara Ferragni ha fatto durante la quarantena, mentre tutti si godevano i giorni di ferie nei loro villoni, senza fare nulla. E lo ricordiamo tramite le storie di Fedez, che ha commentato le parole della giornalista su Instagram.

Chiara Ferragni attaccata: come la difende Fedez

chiara-ferragni-attacchi

«Una giornalista che arriva direttamente dal Grande Fratello, con questo tono inquisitorio si permette di dire che mia moglie avrebbe dovuto fare di più. Nonostante lei non ricopra un ruolo politico in questo paese, mentre la giornalista lavora per il servizio pubblico pagato dallo stato e, invece, magari avrebbe dovuto prodigarsi di più, magari informarsi di più sulle cose che si dicono. 

Ci penso io a rinfrescarle la memoria e fare il lavoro che non ha fatto in questi giorni.

Cara giornalista del Grande Fratello le voglio raccontare cosa ha fatto mia moglie per mero senso civico, che non credo lei sappia cosa possa essere. Abbiamo dato vita ad una raccolta fondi che ha dato vita all’unica opera straordinaria di terapia intensiva sul territorio milanese durante la pandemia.

E lei mi vuole dire “ah però lo ha fatto a Marzo”: durante tutta l’estate mia moglie, per incentivare il turismo, mia moglie è andata a far vedere le bellezze italiane, dal suo piccolo ha cercato di fare il suo, le è stato riconosciuto il Leone D’oro per questo, ma io mi chiedo: lei invece che cosa ha fatto durante questa pandemia visto che si permette di inquisire i comportamenti di persone che non ricoprono un ruolo pubblico?»

Che nessuno tocchi Chiara Ferragni! Fedez non ha pietà per nessuno e soprattutto non la ha per le ingiustizie, perché non riconoscere ai Ferragnez che hanno davvero fatto qualcosa durante la pandemia, è avere i prosciutti davanti agli occhi. Oltre alla già citata raccolta fondi, i due si sono messi anche in bici e sono andati a consegnare, a chi non se lo poteva permettere, cibo e bevande per le famiglie in difficoltà.

Ma non è abbastanza, ancora, e su Twitter fanno un divertente fotomontaggio che descrive al meglio ciò che è stato detto dalla giornalista:

Ma non finisce qui!

Chiara Ferragni e Fedez: il Codacons onnipresente

chiara-ferragni-attacchi

Durante il servizio, la giornalista ha citato anche il Codacons insieme alla vicenda della Chiara-Madonna che ha scatenato l’ira dell’associazione, e qui Fedez non ha avuto davvero pietà:

«L’immagine sacra l’ha fatta uno dei più importanti artisti italiani che espone in tutto il mondo: Francesco Vezzoli.

Se non lo sapesse, perché informarsi dovrebbe essere il suo lavoro ma evidentemente non ha voglia di fare questo, le ricordo io cosa ha fatto il Codacons durante il lockdown: ha istituito una raccolta fondi con una dicitura “Dona al Codacons per l’emergenza Coronavirus”, quindi chi donava pensava che i soldi andassero all’emergenza sanitaria e invece purtroppo i soldi finivano nelle loro tasche e non ci fossi stato io magari qualcuno avrebbe dato i soldi a queste persone qui.

Questo è il Codacons che lei tanto ama e a cui lei è tanto vicina. Complimenti alla Rai, complimenti a tutti. 

In più, cara  il Codacons ha cercato di bloccare la nostra raccolta fondi che ha dato vita a una terapia intensiva che ha salvato delle vite umane, vite vere, ma di cosa stiamo parlando? Ma è mai possibile vedere delle scene del genere nella TV di stato?»

Ha poi invitato la giornalista a trasmettere le sue storie, visto che ha posto delle domande durante un’intervista e lui le ha risposto. Ovviamente, tutti si aspettano anche delle scuse nei confronti non solo di Chiara ma della coppia.

Insomma, qualsiasi cosa Chiara Ferragni, influencer, faccia, al mondo non va mai bene. Chissà cosa ci si aspetta davvero da lei, chissà cosa dovrebbe fare per far smettere alla gente, chiaramente invidiosa, di continuare a parlar male di lei, quando nel mondo ci sono tanti altri problemi, come, ad esempio, l’odio sul web e l’ignoranza in televisione.

Autore

  • Giulia, 22 anni, blogger. Amo scrivere, leggere, guardare serie tv e anime, i gatti e seguire le giuste polemiche. Instagram: @murderskitty

close

Non perderti le nostre news!

Non inviamo spam! Leggi la nostra Informativa sulla privacy per avere maggiori informazioni.

Previous post 10 eventi artistici che non potete perdere a ottobre
Next post Zuckerberg e negazionismo: un passo avanti per Facebook