5 brand cruelty free e vegan da provare

Condividi

Nel 2021 è importante scegliere dei brand non solo vegan ma anche cruelty free. In Europa, ormai dal 2013, esiste una legge che proibisce il test di ingredienti cosmetici su animali, ma prima di quel momento ogni elemento in un prodotto di un brand doveva essere testato sugli animali, ma fuori dal territorio europeo. Nonostante ciò, comunque, ancora oggi esistono dei brand che continuano a testare su animali, per questo oggi vogliamo proporvene alcuni che oltre a essere cruelty free sono anche vegan.

In primis, facciamo una premessa: come fate a sapere quali prodotti non testano sui poveri animali? Esiste un logo che serve a garantire che nessun animale è stato maltrattato per mettere nelle vostre mani quel prodotto. Se c’è quello, potete stare sicuri che nessun animali ha sofferto o è morto per voi. Infatti molti prodotti risultano fatali per gli animali, poiché i test servono proprio per verificare la tossicità dei prodotti.

Spesso questi test vengono fatti su conigli o topolini, ma altre volte anche sui cani. A volte vengono fatti per tutta la loro vita, altre volte ancora durante la gravidanza per vedere se gli ingredienti hanno degli effetti sui piccoli. Perché? Perché secondo molti brand la vita di un essere umano è più importante di quella di un animale. Oggi, però, esistono molti metodi di verifica che non includano quello sugli animali, per cui usarli è semplicemente cattiveria.

Sottolineiamo, prima di presentarvi i 5 brand, che la legge sul cruelty free è europea, quindi significa che alcuni brand che in Europa non testano sugli animali, possono continuare a farlo fuori. In Cina, ad esempio, il problema è tragico poiché è addirittura obbligatorio testare sugli animali prima di vendere un prodotto. Per questo motivo i brand che vendono sia in Cina che in Europa non possono in alcun modo essere considerati cruelty free.

5 brand cruelty free e vegan

florence by mills

Iniziamo con il brand di Millie Bobby Brown, giovanissima attrice e star di Stranger Things o Enola Holmes, che ha lanciato un suo marchio di prodotti per pelle, corpo e capelli, ma anche di trucco e accessori, con un packaging colorato e moderno che attira molto i giovani, ma soprattutto che non testa sugli animali e che contiene ingredienti tutti vegani senza solfati e parabeni. Insomma, da provare!

Essence

Il più popolare tra quelli che vi proponiamo oggi, e probabilmente anche il più economico, Essence da quest’anno ha deciso di diventare vegano e cruelty free, non ci saranno più ingredienti di origine animale e in generale tutta la catena di produzione e distribuzione sarà più sostenibile di come la conoscevamo. L’annuncio è stato dato con la campagna autunnale, con un post su Instagram:

brand-vegan-e-cruelty-free

Gooin by Nature

Un brand poco conosciuto, vegano, cruelty free e vegano, per cui perfetto per chi cerca nuovi prodotti per viso e corpo da provare. Gli ingredienti sono tutti antiossidanti, le formulazioni sono clean e non c’è alcun ingrediente nocivo. Un plus è sicuramente il packaging, con materiali riciclati e riciclabili per qualsiasi prodotto. In più, una parte del guadagno per ogni acquisto viene devoluta all’iniziativa A Tree is Born di Tree-Nation:

brand-vegan-e-cruelty-free

Honieh

Finalmente un brand made in Italy: Honieh è stato fondato da Erika Boldrin per proporre dei prodotti vegani e cruelty free, adatti a ogni tipo di belle. Se poi vi piacciono così tanto da voler anche acquistare la loro felpa ufficiale, la troverete in cotone organico e poliestere riciclato, proprio per dimostrare come siano davvero vegan al 100%.

Paul Penders

Infine, come possiamo non inserire uno dei primi marchi vegani e naturali, cruelty free? Paul Penders vince questa conquista nel 1971, fondato nei Paesi Bassi e da sempre propone solo delle formulazioni organiche e olistiche. Oggi, poi, diviene anche climat neutral, ovvero ha impatto zero del carbonio. Una delle loro specialità e che non molti brand possiedono, sono sicuramente i rossetti fatti a mano:

brand-vegan-e-cruelty-free

Vi lasciamo in più questo sito per consultare voi stessi se i brand che usate sono cruelty free o no.

Autore

  • Giulia, 22 anni, blogger. Amo scrivere, leggere, guardare serie tv e anime, i gatti e seguire le giuste polemiche. Instagram: @murderskitty

close

Non perderti le nostre news!

Non inviamo spam! Leggi la nostra Informativa sulla privacy per avere maggiori informazioni.

Previous post Liceo Cavour e la decisione di mettere l’asterisco nelle comunicazioni
Next post Hawkeye: domani arriva la prima serie Marvel ambientata a Natale