Harry Styles lancia il suo brand beauty no-gender

Condividi
harry-styles-brand-make-up-no-gender
Harry Styles su DAZED, Photo: Rafael Pavarotti, Styling: Ibrahim Kamara

Dopo il vibratore no gender di Demi Lovato, era davvero questione di tempo prima che venissero creati altri prodotti no binary. Harry Styles è decisamente con i piedi più per terra e infatti si è limitato a creare del make up no gender, proprio per sottolineare come chiunque possa truccarsi e amare il trucco. Possono farlo le donne, possono farlo gli uomini, possono farlo le persone no binary, e possono farlo tutti a prescindere dal proprio orientamento sessuale. Non per forza una donna eterosessuale deve truccarsi e non per forza un uomo eterosessuale non deve farlo. Insomma, è un invito a fare quel che si vuole, se si sta bene con se stessi.

Abbiamo visto più volte come Harry Styles, ex cantante dei One Direction e oggi anche attore (avete saputo che è entrato anche nell’universo Marvel grazie a Eternals?), è molto popolare per il suo stile no gender, nel senso che se vuole indossare una gonna, lo fa. Se vuole truccarsi, lo fa. Infatti è anche stato il primo uomo in copertina di Vogue ad apparire sulla copertina della rivista, sebbene il suo personaggio divida abbastanza la comunità LGBT, poiché c’è chi lo apprezza e chi, invece, lo ritiene solo una persona in cerca di attenzioni (vi ricordiamo che Harry non si è mai espresso sul suo orientamento sessuale).

Nell’intervista con Vogue, quella celebre che lo ha fatto finire sulla copertina con abiti femminili, ha detto che talvolta va «nei negozi e mi ritrovo a guardare i vestiti delle donne pensando che siano fantastici. È come qualsiasi cosa: ogni volta che metti delle barriere nella tua vita, ti stai limitando. C’è così tanta gioia nel giocare con i vestiti. Non ho mai pensato troppo a cosa significhi: è solo un altro modo di essere creativi». Adesso, oltre agli abiti “femminili“, Harry Styles ha voluto lasciare il segno anche con il suo brand no gender.

Harry Styles e il brand make up no gender

harry-styles-brand-make-up-no-gender
Sempre Harry su DAZED

Si chiama “Pleasing” e ha già una pagina Instagram seguita da quasi un milione di persone (trovate i prodotti anche qui, sul sito ufficiale). A dare l’annuncio è stato Harry in persona, che su Twitter e Instagram ha pubblicato un’immagine promozionale tratta dal servizio dell’ultimo numero di DAZED, scrivendo “Trova il suo piacere“. Il brand include prodotti di bellezza vegani e cruelty-free, al momento quattro smalti per unghie, un siero per labbra e occhi a doppia sfera e un siero per il viso. Si possono preordinare e poi entro fine novembre verranno spediti.

harry-styles-brand-make-up-no-gender

«Quando abbiamo deciso che Pleasing avrebbe realizzato prodotti di bellezza, volevo essere sicuro che fossero qualcosa che avrei usato. Non volevo realizzare prodotti per mascherare le persone, volevo metterle in risalto e farle sentire belle», ha detto Harry Styles. In un comunicato stampa abbiamo poi letto che il marchio celebra «la moltitudine di identità uniche nella nostra comunità», aggiungendo anche che Pleasing è ispirato alle perle che Harry apprezza e infatti indossa molto spesso.

Nell’intervista con Dazed ha affermato che pensa che «l’essenza di Pleasing è trovare quei piccoli momenti di gioia e mostrarli alla gente. Era un piccolo progetto divertente, ma durante la pandemia, e quando alla fine l’abbiamo chiamato Pleasing, sembrava che fosse molto più di uno smalto per unghie. Ho sempre scoperto che i momenti della mia vita che mi hanno portato più gioia sono quelli più piccoli, che sia, sai, la fine della notte sotto le stelle o un boccone di cibo, o star seduti con i tuoi amici a pensare: Oh, non lo dimenticherò mai».

Autore

  • Giulia, 22 anni, blogger. Amo scrivere, leggere, guardare serie tv e anime, i gatti e seguire le giuste polemiche. Instagram: @murderskitty

close

Non perderti le nostre news!

Non inviamo spam! Leggi la nostra Informativa sulla privacy per avere maggiori informazioni.

Previous post Strappare lungo i bordi: recensione della nuova serie Netflix di Zerocalcare
Next post #66 – Riviviamo i classici della nostra adolescenza: Hannah Montana The Movie