Barcellona: la spiaggia è più importante del vizio del fumo

Condividi

È ufficiale: Barcellona ha vietato ai bagnanti di fumare nelle spiagge, in modo da evitare che qualche maleducato che se ne frega dell’ambiente lasci i mozziconi nella sabbia. Ovviamente da ciò trarranno vantaggio anche i non fumatori che non dovranno subire il fumo passivo. Tuttavia, il maggior vantaggio lo trarrà l’ambiente, che finalmente non dovrà più fare i conti con un vizio dannoso non solo per l’ambiente stesso, ma anche per l’uomo.

barcellona-divieto-fumo-in-spiaggia

Barcellona è la seconda città più grande in Spagna, molto popolare fra i turisti, per cui una decisione del genere non può passare inosservata. In realtà, però, non è la prima città a fare qualcosa del genere: anche nella nostra bella Italia ci sono delle spiagge in cui è vietato fumare. Queste sono alcune, divise per regione:

  1. Abruzzo: Alba Adriatica
  2. Emilia Romagna: Cervia, Cesenatico, Ravenna e Rimini.
  3. Lazio: Anzio, Ladispoli, Ponza, Sperlonga, Gaeta, Fiumicino e Torvaianica.
  4. Liguria: Arenzano, Lerici, Sanremo, Savona.
  5. Marche: Pesaro, San Benedetto del Tronto, Sirolo.
  6. Puglia: Manduria e Porto Cesareo.
  7. Sardegna: divieto in tutta la Costa Smeralda, e a Cabras, Olbia, Sassari e Stintino.
  8. Sicilia: Capaci, Lampedusa, Linosa.
  9. Veneto: Bibione, Chioggia.

Cosa porta i comuni a una scelta del genere (considerando che così molto probabilmente perderanno dei bagnanti)? L’amore per l’ambiente, chiaramente. Se non ne siete ancora a conoscenza, un mozzicone di sigaretta impiega circa 15 anni per decomporsi, per cui continuerete a vederli sulle spiagge per anni e anni. Che poi, basterebbe avere un minimo di buon senso e comprare un portacenere portatile. Lo trovate su Amazon e sono sicura anche in qualche negozio fisico!

barcellona-divieto-fumo-in-spiaggia

Barcellona: no sigarette nelle spiagge

I bagnanti di Barcellona non dovranno più sopportare il fumo passivo o trovarsi fra le dita dei piedi (o delle mani!) dei mozziconi di sigaretta. A partire dal mese di luglio, Barcellona vieterà ufficialmente di fumare su tutte le sue spiagge, come ha fatto sapere il Municipio qualche settimana fa. La decisione è stata presa dopo un progetto pilota che ha visto il fumo vietato su 4 delle 10 spiagge locali della città.

«Le spiagge per non fumatori offriranno degli spazi comuni più sani, con meno rifiuti e rispetteranno l’ambiente», hanno detto in una dichiarazione. Il piano comune sarà diviso in due fasi: da aprile a giugno ci sarà una campagna di informazione e sensibilizzazione per i cittadini, mentre da luglio, quindi in piena stagione estiva, ci sarà il vero e proprio divieto e, a quel punto, dopo un primo richiamo scatterà una multa di circa €30.

barcellona-divieto-fumo-in-spiaggia
@ejajo su Twitter

Potrebbe anche interessarvi:

close

Non perderti le nostre news!

Non inviamo spam! Leggi la nostra Informativa sulla privacy per avere maggiori informazioni.