Barbie, il film: Ryan Gosling sarà Ken

Condividi

Nelle ultime ore Deadline ha lanciato una splendida notizia. Nel film dedicato a Barbie, che sarà interpretata dalla fantastica Margot Robbie, reciterà anche Ryan Gosling, che sarà niente di meno che il fidanzato della protagonista, Ken. Non è ancora ufficiale, ma l’attore è in procinto di firmare per interpretare il compagno della bionda famosa in tutto il mondo, amata da bambini e bambini. La regia è affidata alla nominata al premio Oscar per Piccole Donne e Lady Bird, Greta Gerwig.

barbie-film-ryan-gosling

Qualche altra informazione interessante sul film: la sceneggiatura sarà scritta, oltre che dalla Gerwig, anche da Noah Baumbach, nominato all’Oscar per Il calamaro e la balena e Storia di un matrimonio. La trama girerà ovviamente intorno a Barbie, ma non sarà un film cartone come quelli che abbiamo amato e conosciuto (potrebbe interessarvi: Barbie: i film più belli della «bionda perfetta»), bensì sarà un live action che partirà da Barbieland, dove la Barbie sarà accusata di non essere più “perfetta e impeccabile” come un tempo.

Decide quindi di allontanarsi dal suo mondo per trovarsi a vivere un’avventura nel mondo reale. Detta così, ci sembra molto simile a Come d’incanto, quindi chissà che, come il film Disney, non ci sia un’introduzione animata. Il film sarà prodotto dalla Warner Bros e le riprese dovrebbero iniziare nel 2022, per cui l’uscita dovrebbe essere prevista per l’anno successivo. Per il momento non sappiamo altro, se non che, con Margot Robbie e Ryan Gosling nello stesso film, non potrà che essere una pellicola meravigliosa.

Ryan Gosling sarà Ken in Barbie: l’opinione online

Autore

  • Giulia, 22 anni, blogger. Amo scrivere, leggere, guardare serie tv e anime, i gatti e seguire le giuste polemiche. Instagram: @murderskitty

close

Non perderti le nostre news!

Non inviamo spam! Leggi la nostra Informativa sulla privacy per avere maggiori informazioni.

Previous post Alec Baldwin: all’attore era stato detto che la pistola era sicura
Next post La generazione dei genitori che non vuole prendersi responsabilità: il caso Squid Game