6-posti-nel-mondo-che-non-potete-visitare

6 posti nel mondo che non potete visitare

Condividi

Vengono sempre proposti luoghi magici e da visitare, da quelli dove sono stati girati film e serie tv a quelli con un mare a dir poco mozzafiato. Noi, però, oggi vi facciamo conoscere dei posti (tra cui uno anche in Italia) che, per quanto possiate volerli visitare, non potete proprio poiché sono o troppo pericolosi o sono troppo importanti per consentire l’entrata a chiunque.

Se state cercando un luogo in cui fare il vostro prossimo viaggio appena il lockdown, o semplicemente il periodo Covid-19, sarà concluso, quest’articolo non è per voi, perché qui scoprirete sei posti dove l’entrata è vietata. Uno di questi si trova persino in una regione italiana, mentre gli altri sono in giro per il mondo. Se siete curiosi, continuate a leggere.

6 posti nel mondo che non potete visitare

In questo articolo voleremo dall’Italia al Brasile agli Stati Uniti, facendo un salto anche in Etiopia. Se non potete visitarli, almeno potete conoscere e potete sapere della loro esistenza. Chissà che, un giorno, non sarà possibile davvero entrare in questi posti o comunque avere delle foto che possano farci sentire come se ci fossimo stati davvero. Insomma, come quando vediamo le foto di un luogo lontano da noi ma lo conosciamo così bene che ci sembra di esser stati lì.

L’isola dei serpenti (Brasile)

Il primo dei posti che vi proponiamo è l’isola dei serpenti in Brasile, un’isola che non vorrete e non potrete visitare a causa della sua pericolosità. Nulla di losco come nei luoghi che vedremo in seguito, il divieto è semplicemente perché sono presenti più di quattromila esemplari di serpenti velenosi tra cui anche il Ferro di lancia dorato, considerata una delle razze di rettili più pericolose e micidiali al mondo.

Il ferro di lancia dorato è considerato pericoloso poiché un solo suo morso, con tutto il veleno che contiene, potrebbe uccidere un essere umano in meno di un’ora. Se siete ofidiofobici non vi salterebbe neanche in mente di visitarla, ma se amate il rischio, il pericolo e l’adrenalina della paura di morire, quest’isola sarebbe quella adatta a voi, se solo si potesse visitarla.

Non pensate che però non sia stata mai visitata, perché, al momento, le sole persone che possono addentrarsi nelle foreste con più serpenti che esseri umani sono i ricercatori, sebbene il divieto presente non fermi i bracconieri che sbarcano e cercando di catturare i serpenti, in particolare i più rari presenti quasi solo in quest’isola, per venderli al mercato nero con prezzi che arrivano fino a 30 mila dollari.

6-posti-nel-mondo-che-non-potete-visitare
Fonte: lastampa.it

Caveau Coca-Cola (Atlanta)

No, non potete neanche visitare il Caveau della Coca-Cola, se qualcuno fosse un fan così accanito da volersi trovare davanti alla formula di una delle bevande più famose al mondo. La ricetta di questa bevanda è stata segreta e, ancora oggi, non è precisa per tutta la sua storia, anche perché, con il corso del tempo e anche in base ai luoghi in cui è prodotta, cambia così spesso da non rendere possibile identificarne una sola.

Ovviamente, per questioni legali e anche di allergie, sappiamo quali sono gli ingredienti, elencati sull’etichetta di ogni bevanda in ordine di peso. Tuttavia, non sappiamo i procedimenti. È come se avessimo solo gli ingredienti di una torta senza però sapere in che ordine inserire, mescolare e cuocere gli ingredienti. È quindi un’informazione incompleta ma che serve a rendere unica la Coca Cola per far sì che nessuno tenti di imitarla.

Dal 2011, però, in occasione del trasferimento della ricetta nel World of Coca Cola di Atlanta, per la prima volta nella storia della Coca Cola, che è stata inventata nel 1886, in occasione del suo 125° anniversario, la cassaforte contenente la formula è divenuta visibile al pubblico. Chiaramente, però, non si può entrare al suo interno, rendendolo uno dei posti al mondo in cui non si può entrare.

6-posti-nel-mondo-che-non-potete-visitare
Fonte: dagospia.com

Area 51 (Nevada)

Protagonista di meme e di tante leggende o complotti, nessuno che non sia autorizzato può visitare l’Area 51, la base militare situata a Nellis, nel deserto del Nevada, a 200 chilometri da Las Vegas, e molto spesso sotto i riflettori poiché esistono diverse leggende che la vedono fianco a fianco con gli extraterrestri. Si ritiene, infatti, che in questa base ci siano i corpi degli alieni e il disco volante precipitati a Roswell nel 1947.

Ovviamente, queste sono solamente leggende e complotti delle persone che non sono mai entrate al suo interno, ma proprio queste credenze la rendono uno dei posti che non possono essere visitati dove le persone cercano sempre di entrare. Proprio lo scorso anno, a settembre, era stato organizzato un raid dove dei fan di Naruto dovevano cercare di entrare in quest’area con la corsa di Naruto.

Non sappiamo e probabilmente mai sapremo se all’interno dell’Area 51 ci siano davvero gli alieni o si facciano degli esperimenti che hanno a che fare con il mondo fantascientifico, ma proprio questo non sapere lo rende uno dei posti più magnetici per le persone, non solo per gli appassionati di ufologia ma anche per i complottisti. Quello che sappiamo è che continuerà a essere uno dei posti più misteriosi che esistono al mondo.

6-posti-nel-mondo-che-non-potete-visitare
Fonte: ilgazzettino

Spiaggia rosa (Sardegna)

Ed eccoci finalmente approdati in Italia, nella bellissima isola della Sardegna, o meglio sull’isola di Budelli dove si trova una delle spiagge più belle e particolari al mondo. La sua particolarità è quella di avere una sabbia fuori dal comune, ricca di frammenti di corallo, granito, conchiglie e gusci di molluschi che la rendono da gialla a rosa. È divenuta celebre grazie al film Deserto rosso di Antonioni, che l’ha resa anche una delle spiagge più visitate. Quando era possibile.

Se è così bella e particolare, perché non è tra i posti non visitabili? Abbiamo visto serpenti, ricette segrete, alieni, ma questa spiaggia non ha nulla di male, anzi! Beh, come ogni cosa bella, quando viene in contatto con l’uomo, è rovinata. Questa volta non per la sporcizia o l’inquinamento, per fortuna, ma perché i turisti erano soliti rubare la sabbia, così il Parco della Maddalena ha deciso di chiuderla, momentaneamente, al pubblico, in modo che ritorni al suo splendore.

Tuttavia, non si può scendere e immergere i piedi nella sabbia, ma la si può guardare tramite una gita in barca all’Arcipelago della Maddalena, che prevede un tour intorno a quest’isola. Per cui, se siete curiosi, potete comunque provare a guardarla da lontano, aspettando il giorno in cui sarà nuovamente possibile visitarla.

6-posti-nel-mondo-che-non-potete-visitare
Fonte: tripadvisor

Bohemian Grove (San Francisco)

Questa curiosità riguarda più una teoria complottistica, ovvero quella che riguardava l’allora Bohemian Club oggi chiamato Bohemian Grove, dove si riunirebbero le persone più potenti al mondo, tra cui presidenti ed ex presidenti degli Stati Uniti d’America, che sembrerebbero quasi avere a che faro con i complotti degli illuminati. In questo gruppo si troverebbero persone ricche, banchieri, alti livelli militari, vertici di multinazionali, attori, cantanti e persino giornalisti. Insomma, un club di ricchi e potenti.

Inizialmente era solo un circolo privato di giornalisti creato nel 1872, che deve il suo nome al Bohemian Grove. Una teoria molto quotata vede persino i presenti nel 1942 scegliere se utilizzare o no la bomba atomica, oppure che è sono i presenti a decidere chi devono essere i possibili candidati alla Casa Bianca. Altre teorie li vedono consumare rapporti sessuali o fare riti satanici. Il club è molto sorvegliato ed è impossibile entrare a meno che non si faccia parte del club.

Tra i membri del club, che vede un numero elevatissimo di membri, ci sarebbero i Bush (padre e figlio, entrambi presidenti degli USA), Dick Cheney (vice presidente di George Bush), Tony Blair (Primo Ministro britannico fino al 2007), Colim Powel (segretario degli USA presso George Bush), Karl Rove (giornalista che collabora con Fox News, Newsweek e Wall Street Journal), Lawrence Summers (ex rettore di Harvard) e persino Bono Vox (cantante degli U2) e Arnold Schwarzenegger (attore ed ex governatore della California).

6-posti-nel-mondo-che-non-potete-visitare
Fonte: lasorgente

Cappella dell’Arca dell’Alleanza (Etiopia)

L’ultimo dei posti che i più appassionati di religione o di storia vorrebbero visitare ma non possono, è la cappella dell’Arca dell’Alleanza, in Etiopia. Cos’ha di particolare questa cappella? Beh, al suo interno, protetta da sette serratura, si trova l’arca dell’Alleanza, ovvero la cassa di legno con coperchio d’oro al cui interno si trovano le Tavole originali dei dieci comandamenti dettati da Dio a Mosè sul monte Sinai (sebbene in molti credano sia solo una riproduzione).

In tutto il mondo solo una persona può entrare all’interno della Cappella e no, non è il Papa, bensì il monaco guardiano che può vedere la cassa e che deve pregare al suo cospetto. Quello del monaco guardiano è un incarico a vita che viene tramandato da monaco a monaco. Poco prima di morire il monaco attuale deve conferire il suo ruolo a un altro monaco e così via. Questa tradizione va avanti da quando, secondo tradizione, l’Arca fu portata in Etiopia con Menelik I.

C’è però un’eccezione, una persona comune che ha potuta guardare con i propri occhi l’interno della cappella, ovvero Edward Ullendorff, un professore emerito della School of Oriental and African Studies di Londra, nel 1941, quando era ancora un ufficiale britannico e che riuscì a entrare nella cappella con due soldati. Quello che riferisce lo studioso, morto nel 2011, è che all’interno non vi è altro che una «ricostruzione medio-tardo medievale, certamente non l’Arca originale».

6-posti-nel-mondo-che-non-potete-visitare
Fonte: harmakisedizioni.org

Quale di questi luoghi vorreste visitare di più? E perché?

Autore

  • Giulia, 22 anni, blogger. Amo scrivere, leggere, guardare serie tv e anime, i gatti e seguire le giuste polemiche. Instagram: @murderskitty

close

Non perderti le nostre news!

Non inviamo spam! Leggi la nostra Informativa sulla privacy per avere maggiori informazioni.