Lockdown? 6 consigli per affrontarlo

Condividi

Reduci dall’esperienza di questa primavera, col nuovo dpcm si prospettano nuove restrizioni che potrebbero anche arrivare ad un lockdown per le zone più a rischio dove il CoVid-19 è più diffuso.

Nonostante questo, tra coprifuoco e lockdown, stiamo inevitabilmente affrontando un periodo che ci vede trascorrere gran parte del nostro tempo in casa. Il lockdown ha quindi avuto l’effetto di paralizzare non solo le attività produttive, ma anche ognuno di noi nel nostro piccolo. Il risultato è la sensazione di avere molto tempo e al contempo non riuscire a farne buon uso. Gli effetti psicologici su questo sono ormai evidenti, come sottolineato da numerosi esperti, e rischiano di incidere sulla qualità della vita.

Vi presentiamo quindi una serie di consigli (attenzione: consigli, quindi senza nessuna pretesa medico-scientifica!) che possono rendere questo periodo un po’ meno difficile.

Come vivere un secondo lockdown

Affronta la giornata

lockdown-6-consigli-per-affrontarlo
Fonte: pixabay

I ritmi della giornata possono essere sottoposti a qualche cambiamento se si prospetta l’ipotesi di un lockdown. Abituati ad uscire di casa per recarsi a scuola, all’università, al lavoro ora che siamo in casa è molto più difficile svegliarsi e alzarsi la mattina, vista la sensazione di non aver nulla da fare. Ma in molti casi scuola e università vengono sostituiti dalla didattica a distanza e il lavoro – quando possibile – dallo smart working.

Un consiglio potrebbe essere quello di continuare a impostare la sveglia normalmente, alzandosi e vestendosi come se si dovesse affrontare una normale giornata fuori di studio o di lavoro.

Non rimanere in pigiama, ma vestirsi e lavarsi può aiutare nel dare l’impressione di avere un impegno improrogabile quale lezioni universitarie o lavoro in ufficio. Insomma, prima che la coziness delle nostre case abbia la meglio facciamoci trovare pronti per un nuovo giorno.

Pianifica

Il tempo, si sa, quasi spaventa. Il lockdown ci ha trovati impreparati ad una vita in casa, quando eravamo da sempre abituati ai ritmi frenetici che la vita lavorativa o accademica (scuola/università) ci imponeva. Tolto il tempo dedicato alle lezioni o al lavoro, è facile cadere nella sensazione che non si abbiano molte possibilità è che il nostro tempo libero si sia dilatato.

lockdown-6-consigli-per-affrontarlo
Fonte: pixabay

Stilare un programma, magari anche settimanale, aiuta ad alzarsi la mattina avendo già chiaro quali sono i nostri impegni. In questo modo, si avrà la sensazione di essere realmente impegnati e ci si può prefissare degli obiettivi da portare a termine.

Attenzione però a non esagerare: pianificare vuol dire anche lasciare spazio al tempo libero, a eventuali imprevisti o fuori-programma che possono far saltare i nostri piani. Bisogna saper distinguere tra una pianificazione che aiuta ad affrontare la giornata e una che invece rischia di aumentare la nostra ansia di non farcela.

Me time

Se c’è una cosa che il precedente lockdown ci ha insegnato è l’importanza di prenderci cura di noi stessi. Stare in casa, a volte, può farci dimenticare che ci siamo anche noi in questo mondo, e che abbiamo bisogno di attenzioni al pari di ogni altro.

Per questo è opportuno dedicare ogni giorno del tempo a se stessi. Ognuno di noi sa di che cosa ha bisogno, e sa come dedicarsi le giuste attenzioni e cure.

lockdown-6-consigli-per-affrontarlo
Fonte: Pinterest

Con l’inverno alle porte cosa potrebbe esserci di meglio di un bel bagno caldo e rilassante? Oppure di una tazza di quella tisana rigenerante che volete provare da tempo? Magari è il momento di testare quei nuovi prodotti per la skin care che sono rimasti sullo scaffale.

Oppure semplicemente prendersi la copertina e mettersi sul divano a guardare quella serie tv che si rimanda da tempo. Rispolveriamo il vecchio tapis-roulant in cantina, seguiamo il nostro workout preferito. O forse è il momento di finire quel videogioco impossibile.

A ognuno il suo!

Socialità

Con i locali chiusi e il coprifuoco in molte città vedersi tra amici e conoscenti risulta ormai difficile. Il lockdown di primavera ha visto infatti il proliferare di piattaforme che hanno favorito comunque la socialità, che senza Internet – ammettiamolo – sarebbe andata definitivamente persa.

lockdown-6-consigli-per-affrontarlo
Fonte: pixabay

Dedicare del tempo ad amici e conoscenti è quindi ancora possibile.

Non rinunciate a quattro chiacchiere al telefono “davanti ad un caffè” con l’amico di sempre, o ad una riunione virtuale con la vostra comitiva. Zoom, Meet, Hangout.. sono diverse le possibilità per riunirsi virtualmente e assicurarsi che si stia bene in compagnia.

E’ possibile, inoltre, organizzare anche watch party (ovvero la visione collettiva di film o serie tv) o anche giochi di società a distanza. Provate a fare una partita a Taboo o NomiCoseCittà, vi assicuriamo che il divertimento è quello di sempre se la compagnia è quella giusta!

Hobby e passioni

Ognuno di noi coltiva qualche hobby, e quante volte “in tempi normali” ci siamo rammaricati per non aver mai abbastanza tempo da dedicarvi. E’ questo il momento per approfondire le nostre passioni. Nella pianificazione della giornata, una buona parte del tempo deve essere lasciato a questo.

lockdown-6-consigli-per-affrontarlo
Fonte: tumblr

Se non si ha un hobby? Trovarne uno è molto semplice. Internet offre innumerevoli opportunità, basta cercare. Ci sono diverse piattaforme che offrono corsi gratuiti in ogni ambito: dall’imparare una lingua, imparare a suonare uno strumento, allenamenti in casa, decorare una stanza o un mobile vecchio, imparare a cucinare…

Insomma, in tempi di lockdown, c’è anche molto tempo per imparare!

Non essere duri con se stessi

Questo è forse il consiglio più sentito che chiunque con un minimo di buon senso può darvi. E non c’è niente di più vero.

Il lockdown è segno di tempi straordinari. E i tempi straordinari ci vedono sempre impreparati. Non prendetevi troppo sul serio ma soprattutto non pretendete troppo da se stessi. Siamo circondati ogni giorno da notizie e dati non sempre piacevoli, che possono farci sentire spaesati e demotivati.

Non riuscire a fare qualcosa, non riuscire a concentrarsi sul lavoro o sullo studio, non riuscire a concentrarsi o semplicemente farsi prendere da momenti di sconforto sono reazioni normali a circostanze nuove e straordinarie.

Siate sempre coscienti di quello che stiamo vivendo, di come la nostra emotività sia un fattore chiave nell’affrontare situazioni come queste per cui ognuno reagisce a modo suo.

Forse, dopotutto, ripetersi che andrà tutto bene serve ancora a qualcosa.

 

close

Non perderti le nostre news!

Non inviamo spam! Leggi la nostra Informativa sulla privacy per avere maggiori informazioni.

Previous post Whatsapp: cosa sono i messaggi effimeri che spariscono
Next post 6 posti nel mondo che non potete visitare