5-quadri-sulla-primavera

Se la primavera fosse arte…

Condividi

Ormai è primavera già da 6 giorni, sebbene con il lockdown sia molto difficile godersela. Anche quest’anno, quindi, dovremo rinunciare agli outfit primaverili e continuare a indossare tute e pigiami. Ma, magari, dopo Pasqua riusciremo a indossare qualcosa di bello. Noi di Cup of Green Tea, però, abbiamo deciso di farvi vivere questa stagione in lockdown in un modo diverso, tramite cinque quadri che la rappresentano o la ricordano.

5 quadri sulla primavera

5-quadri-sulla-primavera
Fonte: wikipedia

Ovviamente non si può non iniziare con il quadro più famoso del grande Botticelli (insieme alla Nascita di Venere); La Primavera, del 1482. Al centro del dipinto c’è Venere, la dea della bellezza e della fertilità, mentre al centro del Giardino delle Esperidi osserva l’arrivo della Primavera.

5-quadri-sulla-primavera
Fonte: wikipedia

Al secondo posto ci mettiamo una composizione che è proprio creata con fiori, frutta e verdure: la Primavera di Arcimboldo, del 1563. Per dipingerlo il pittore ha utilizzato degli elementi caratteristici della primavera, come i gigli, i boccioli, le rose, riuscendo a unire il tutto in un floreale componimento che urla il nome della stagione che vuole trasmettere.

5-quadri-sulla-primavera
Fonte: wikipedia

E come può mancare il quadro che rappresenta proprio quello che vorremo fare in questo momento: un bell’assembramento in un parco, come nel Un dimanche après-midi à l’Île de la Grande Jatte di Un dimanche après-midi à l’Île de la Grande Jatte, del 1886, creato con la tecnica del puntinismo.

5-quadri-sulla-primavera
Fonte: wikipedia

È il mio pittore preferito e ovviamente non poteva mancare: Van Gogh con il suo Ramo di mandorlo fiorito, del 1890, ci vuole trasmettere il suo amore verso la primavera con una semplicità assurda, comunicandoci la rinascita della natura con dei colori forti ma delicati allo stesso tempo.

5-quadri-sulla-primavera
Fonte: wikipedia

Concludiamo le cinque opere che ci ricordano la prima con Jeopardy di Arthur Hacker, del 1902, che ci fa vedere tanti bei fiorellini gialli e una ragazza che perde il suo ombrellino in un lago.

Questi quadri ci ricordano tutto quello che ci stiamo perdendo, per il secondo anno di seguito, e ci fanno sperare di poterli vivere il prossimo, di poter vivere nuovamente la bellissima primavera.

Autore

  • Giulia, 22 anni, blogger. Amo scrivere, leggere, guardare serie tv e anime, i gatti e seguire le giuste polemiche. Instagram: @murderskitty

close

Non perderti le nostre news!

Non inviamo spam! Leggi la nostra Informativa sulla privacy per avere maggiori informazioni.